Platanacee

Piano orientale, piano orientale


Banana orientale, Banana orientale

Banano orientale, platano orientale, platano orientale, platano orientale


Botanica

Nome latino: Platanus orientalis

.
Famiglia: Platanaceae
Origine: Europa sudorientale, Asia occidentale, Balcani, Medio Oriente

Tempo di fioritura: Primavera tardiva

.
Colore del fiore: minuscolo, giallo per i maschi, rosso per le femmine, separato sulla stessa pianta
.
Tipo di impianto :
Albero

Tipo di vegetazione: Perenne

.
Tipo di fogliame:
Deciso

.
Altezza:
da 25 a 30 m Tossicità :
Nessuna tossicità nota


Piantagione e coltivazione

Resistenza: Relativamente basso, -10°C possibilmente -15°C; particolarmente sensibile al gelo tardivo
.
Esposizione: Pieno sole e caldo; evitare l’ombra

.
Tipo di terreno : Terreno argilloso-sabbioso, né troppo pesante né troppo ben drenato, moderatamente ricco
.
.
Acidità del suolo: preferibilmente alcalina, ma può anche essere soddisfatta con una leggera acidità
.
.
Umidità del suolo: Abbastanza fresco o anche umido, anche se tollera la siccità per brevi periodi
.
Uso:
Isolato, su un prato, in un parco

.
Piantare, reimpiantare:
Preferibilmente in autunno o in primavera

.
Metodo di propagazione: semina principalmente in autunno o in inverno mediante taglio su legno secco Potatura: Nessuna, se non per eliminare i pochi rami fastidiosi che potrebbero disturbare l’equilibrio dell’albero
.
.
Malattie e parassiti :
Tigre e canarino colorato; l’unica specie che non soffre di antracnosi del sicomoro di Pinterest su Facebook Twitter


Generale

Come il suo cugino Platanus occidentalis , il Platanus orientalis è una specie di banana molto bella, magnifica nell’ornamento e purtroppo molto poco conosciuta e poco utilizzata. Questi due alberi soffrono della grande popolarità del banano comune.

Questa specie è caratterizzata principalmente dalle sue foglie palmetilobate profondamente incastrate in più della metà della lama della foglia (più che in Platanus x hispanica ). Sono robuste, lunghe da 20 a 25 cm circa, di colore verde brillante sul davanti e pallide e pelose sul retro.

La corteccia è bella, grigia e si sfalda in grandi macchie da marrone crema a marrone rosato. Se i fiori passano inosservati, lo stesso non si può dire per i frutti, che sono acqua in palline di 2 o 3 cm di diametro portate da sei sullo stesso stelo e che persistono per tutto l’inverno.

Nel suo habitat originale, cresce sulle rive dei fiumi e nelle foreste di montagna. Anche se è meno sviluppato di Platanus occidentalis , il suo cuscinetto è incredibilmente ampio e i suoi rami caduti a volte finiscono addirittura a terra!


Soggetti eccezionali…

Se oggi la banana comune l’ha soppiantata, gli esemplari antichi e straordinari sono numerosi. Inoltre, si attribuisce un’incredibile longevità di oltre mille anni… I Romani lo avevano già stabilito in Italia nel 400 a.C.

.

Nel sud-ovest dell’Inghilterra, la piccola città di Corsham ospitava un incredibile esemplare che, fino al 1990, copriva un’area di 200m…

Si dice che il comune di Fervaques nel Calvados abbia la banana più antica di Francia, un Platanus orientalis di 500 anni, alto 25 m con un tronco di quasi 14 m di circonferenza!

Nel Jardin des Plantes di Parigi ne esiste una copia, piantata da Buffon stesso nel 1785.

Nel Parc Monceau (17° arrondissement della capitale) si trova uno degli alberi più grandi di Parigi: un platano orientale il cui tronco ha una circonferenza di oltre sette metri.

A Savennières, nel Maine-et-Loire, il parco di Fresne ha un tema “a più tronchi” assolutamente magnifico. Il suo fogliame copre un’area di quasi 1.300m² e la sua circonferenza è di quasi 19m! Alla fine, tre tronchi costituiscono questo albero piatto, ciascuno di 8,40 m, 7 m e 6,60 m di circonferenza. Ha 250 anni e ha beneficiato di condizioni di sviluppo molto favorevoli: prati umidi alimentati da numerose sorgenti, mancanza di concorrenza e un clima mite nella regione …


Consigli per la crescita

Questo delicato albero richiede una buona qualità del suolo. I terreni pesanti dovranno essere alleggeriti a tutti i costi con fertilizzanti e sabbia di fiume, ma bisogna fare attenzione a non arricchire eccessivamente la miscela. L’autunno è sempre la stagione migliore per la semina ed è necessario un buon monitoraggio dell’irrigazione. La posizione in giardino deve essere ben pensata: sia in pieno sole che al riparo dai venti freddi. Una copertura invernale può essere utilizzata durante il primo inverno, se è grave.


Lo sapevi?

I germogli dell’anno successivo vengono intrappolati per tutta l’estate nei fori del fusto delle foglie su una base rossastra. Non si formano germogli terminali, poiché i nuovi germogli nascono necessariamente obliqui nei germogli laterali. Questa particolarità accentua l’ampia e diffusa abitudine di questa banana.


Dove e con cosa piantare il mio Platanus orientalis ?

La sua crescita ampia e maestosa e i pesanti rami che cadono a terra rendono questo banano perfetto per essere piantato da solo, isolato in un grande prato o vicino a uno stagno. Può anche essere interessante, soprattutto in un arboreto o in una collezione, piantarlo con altre specie di banane; la sua vicinanza morfologica ma anche le differenze di foglie o tronchi rendono queste associazioni particolarmente interessanti.


Specie e varietà di Platanus

Il genere è composto da 6 specie
Oltre alla sua vicinanza a Platanus x hispanicadonthey è uno dei due progenitori con Platanus occidentalis , questa banana ha una varietà interessante, Platanus orientalisvar. Insularis. Quest’ultimo è più piccolo, ha foglie con lobi ancora più stretti e profondi del tipo; assomigliano alle dita di una mano. Introdotta nel 1842, questa bella varietà si chiamava precedentemente Digitata

.
.
Mappe di piante dello stesso genere

  • Platanus occidentalis , Banana occidentale, Piantaggine occidentale

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *