Polipodiacee

Polipiede comune, Liquirizia di legno


Polipodo comune, Liquirizia di legno


Botanica

Nome latino: Polypodium vulgare

.
Famiglia:
Polipodiaceae

Origine: Europa, Africa, Asia orientale e più in generale nelle regioni settentrionali e montuose

.
Tempo di fioritura:
Agosto per le spore

.
Colore del fiore: Spore gialle
.
Tipo di impianto : Fern.
Tipo di vegetazione:
Perenne

.
Tipo di fogliame:
Sempre verde

.
Altezza:
Circa 30 cm Tossicità : Nessuna tossicità nota


Piantagione e coltivazione

Resistenza: eccellente, -20°C o anche -25°C senza alcun problema

.
Mostra: wi-día-nublado”> Dall’ombra parziale all’ombra piena

.
Tipo di suolo:
Tutti i terreni, anche poveri, sassosi o anche direttamente sulla roccia se è ricoperto da un sottile strato di humus

.
Acidità del suolo:
Da acido a neutro; supporta terreni leggermente calcarei
.
Umidità del suolo:
Sempre fresco o addirittura umido, soprattutto al momento dell’installazione. Allora la tolleranza alla siccità è un buon uso:
Su rocce, muri, crepe o altre cavità, ma anche in zone ombreggiate da piante perenni

.
Piantare, reimpiantare:
Dall’autunno alla primavera e anche in inverno, tranne che nei periodi di gelo

.
Metodo di propagazione: non appena le spore sono mature in agosto, possiamo scegliere di seminare la pianta, il che dà ottimi risultati. Attenzione alla temperatura, non deve essere troppo alta (preferibilmente tra i 15 e i 20 °C); quindi, nelle regioni calde, è meglio aspettare fino a settembre o addirittura ottobre. Anche lo spacco del Tussock è una buona opzione e può essere praticato durante tutto l’anno, anche se si preferiscono i mesi di maggio e giugno, tranne che nelle regioni fredde, dove si preferisce il mese di agosto. Dimensioni: Alla fine dell’inverno, le fronde dell’anno precedente diventano marroni mentre quelle nuove appaiono; quelle vecchie devono essere rimosse alla loro base

.
Malattie e parassiti :
Nessuno


Generale

Questa felce, che si trova in tutta Europa, è caratterizzata da requisiti molto bassi in termini di condizioni di crescita. Si trova nei luoghi più singolari: dune costiere, pendii settentrionali delle brughiere, pendii boschivi, epifite sugli alberi, sui tappeti muschiosi delle grandi foreste o direttamente su una parete rocciosa se coperta da un sottile strato di humus.

Le fronde del polipoide comune sono prive di peli, unipenite, verde scuro in alto, più chiare in basso, lanceolate, oblunghe; misurano generalmente tra i 20 e i 40 cm di lunghezza, ma ciò varia a seconda dell’ambiente: non superano i 5 cm nei fori dunali mentre possono raggiungere i 60 cm nelle fessure rocciose umide.

I pini sono indicati come ottusi, oblunghi o lineari. Le ferite, di colore giallo e di forma tondeggiante, sono molto visibili e sono allineate in due file lungo le vene. Il polipoide comune si sviluppa attraverso rizomi striscianti. Inoltre, forma rapidamente delle stuoie verdi di fronti solitari ma ampiamente distanziati e leggermente inclinati. Nuove fionde appaiono mentre le vecchie sono ancora lì.

È necessario distinguere Polypodium vulgaredu Polypodium interjectum , che è molto vicino ma comunque leggermente più grande e più tardi nella sua crescita. Ha molte cultivar e sottospecie che spesso, ma erroneamente, vengono attribuite a Polypodium vulgaredu . Tra loro ci sono: Interjectum Polypodium Cambricum, Interjectum Polypodium Congestum, Interjectum Polypodium Cornubian, Interjectum Polypodium Hadwinii, Interietto di polipodio Laciniatum, Interietto di polipodio Omnilacerum, Interietto di polipodio Pulcherrinum, Interietto di polipodio Semilacerum.


Consigli per la crescita

Questa felce è soddisfatta di quasi tutte le situazioni. Cresce dove molte piante hanno difficoltà a crescere, purché il substrato non sia troppo duro e sia sempre fresco. Di solito prospera all’ombra e in terreni non troppo aridi. Se volete installare il vostro Polypod su una parete bassa, una crepa, basta seguire l’acqua con normali irrigatori mentre si acclimata.


Dove e con cosa piantare il mio Polypodium vulgare ?

Sarà bellissimo da solo su pareti basse, crepe o affioramenti rocciosi in penombra. Nelle aiuole ombreggiate mescoleremo il Polipode comune con Vinca minor e i suoi fiori di un intenso blu violaceo o di un’edera a bassa crescita. Può anche essere abbinato a Haberlea rhodopensis, i cui fiori blu-violacei sono più belli al centro dell’ombra, con Meconopsis cambricadon: il fogliame verde tenero del papavero e i fiori da gialli ad arancioni si abbineranno perfettamente a questa piccola felce. Nelle crepe sarà associato con Campanula garganica Dicksons Gold con fogliame dorato e fiori blu-violacei o Saxifraga x arendsiiet suoi fiori che vanno dal bianco rosato bianco al rosa scuro.


Etimologia…

Polupodionis è una parola greca che significa felce. La parola stessa deriva da Polus che significa “molti” e Podion , “piccolo piede”, in allusione al suo rizoma con molte radici che emettono molte fronde.


Lo sapevi?

Il suo soprannome “liquirizia di bosco” deriva dal sapore dolce dei suoi rizomi. In realtà, hanno un sapore agrodolce. Un tempo si usava per insaporire dolci come il torrone. Nel 1971 è stata scoperta una saponina, l’osladina, nel suo rizoma con una dolcezza intensa (più di 500 volte quella dello zucchero).

Dal punto di vista medico, il rizoma secco è stato utilizzato per più di 2.000 anni come sverminatore, colagogo, lassativo ed espettorante.


Specie e varietà di Polypodium

Il genere conta più di 70 specie, di cui principalmente due cultivar :
.
Polypodium vulgare Bifido Multifidum noto anche come Bifido Grandiceps, che è una varietà sterile che sviluppa lunghe fronde di unipentáceas lunghe 45 cm e abbastanza strette. La cima della penisola è poliforcuta e forma una ghianda. La foglia dura e pergamenacea è di un verde tenero.
Polypodium vulgare Ramosum è una varietà con una crescita più robusta rispetto alla specie. Si distingue per il fatto che le facciate sono divise in due, a volte già a livello del picciolo. La lama della foglia è raramente segmentata, in modo che le facciate possano essere larghe fino a 20 cm. E’ una varietà sterile.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *