Funghi

Amanita fulva

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Cappello di taglia media, tra i 5 e gli 8 cm, di colore appariscente ma difficile da descrivere, bruno rossiccio fino all’arancione fulvo, con il centro più scuro e pallido verso il bordo, chiaramente striato. Di solito conserva un mamellone centrale poco pronunciato, e la sua forma è dapprima ovoidale, poi convessa e piatta alla fine. Di solito non ha tracce di volva e nella stagione delle piogge è un po’ viscido.

Denso ma non troppo stretto, bianco e libero dal piede.

Piede di solito bianco, o color carne, liscio, appena decorato, lungo rispetto al cappello. Manca un anello e la sua volva è bianca ma macchiata di rosso-marrone nella zona.

Carne bianca e fragile, non molto densa, il suo sapore è delicato e il suo odore è appena percettibile.

Habitat:

Anche se compare anche nelle conifere, dove si trova con più abbondanza è sotto diversi planifoli, tanto in estate quanto in autunno.

Commenti:

Anche se non è molto carnoso, è commestibile se cotto in anticipo, poiché è tossico quando è crudo. È molto simile all’Amanita crocea, con il suo cappello arancione fulvo, il piede decorato e la volva più bianca, così come ad altre Amanite della sezione Amanitopsis, come l’Amanita vaginata.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Amanita rojiza, kukumelo marroiska, pentinella rogenca.
  • Sinonimo:
    Amanitopsis vaginata var. fulva (Fr.) Sacc.

Tassonomia:

  • Divisione:
    Basidiomycota
  • Suddivisione:
    Basidiomicotina
  • Classe:
    Omobasidiomiceti
  • Sottoclasse:
    Agaricomycetidae
  • Ordine:
    Agaricales
  • La famiglia:
    Amanitaceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *