Funghi

Laetiporus sulphureus

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Sono stati trovati esemplari annuali di carpoforo, di notevoli dimensioni, in larghezza, che sfioravano i 50 cm, ma il solito è più o meno la metà, con una sporgenza che può raggiungere i 20 cm e uno spessore di solo 1 o 2. Si distingue soprattutto il colore di questa specie, un arancione intenso e appariscente, anche se a volte può essere un po’ più giallastro. Di solito si presenta sotto forma di carpofori sovrapposti o sovrapposti, proiettati perpendicolarmente al substrato, a forma di consolle o di lingua, a volte con forme più irregolari, anche se quando nascono sono abbastanza omogenee e arrotondate. Margine o zona di crescita, arrotondato, e di colore molto più chiaro, quasi biancastro.

Imenio poroso, formato da tubi molto corti che terminano in pori di un intenso color zolfo. La dimensione di questi pori è di 2 o 3 per mm, e sono abbastanza arrotondati.

Piede inesistente, è una specie che aderisce direttamente al substrato.

La polpa non è troppo spessa, con un colore biancastro che si distingue dal colore dell’esterno del fungo, relativamente morbida quando l’esemplare è giovane, poi diventa dura e coriacea. Ha un odore acidulo abbastanza evidente, anche se non sgradevole, e il suo sapore, secondo alcuni, ricorda quello del pollo, anche se è anche un po’ acido.

Habitat:

È una specie comune che fruttifica su alberi vivi e feriti, a volte su alberi morti in modo eccezionale. Generalmente lo fa su platani, normalmente querce e castagni. Si tratta di un fungo parassita che può comparire in qualsiasi periodo dell’anno, tranne che in inverno.

Commenti:

E’ considerato commestibile in molti trattati micologici, abbiamo deciso di dichiararlo senza valore culinario perché per essere mangiato, gli esemplari devono essere raccolti senza svilupparsi, cosa che non riteniamo accettabile. Inoltre, l’ingestione di esemplari adulti con alcol è estremamente pericolosa. Ci rendiamo conto che, per il suo colore e le sue caratteristiche, è una specie poco meno che inconfondibile.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Polipropilene di zolfo, bolo di garrotta, ardagai-hori, girgola groga, fungo di pollo.
  • Sinonimo:
    Poliporus sulphureus (Toro.) Fr.

Tassonomia:

  • Divisione:
    Basidiomycota
  • Suddivisione:
    Basidiomicotina
  • Classe:
    Omobasidiomiceti
  • Sottoclasse:
    Aphyllophoromycetidae
  • Ordine:
    Poriales
  • La famiglia:
    Coriolaceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *