Funghi

Molibdite di clorofilla

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Cappello di dimensioni importanti, di solito oltre i 20 cm di diametro, anche se non è insolito trovare esemplari di 30 o più centimetri. Nella sua prima fase si attacca al piede, realizzando una forma a mazza con la parte superiore piatta, ma si apre da convessa a appiattita. È di colore biancastro, con un’ampia squama a forma di stella all’apice, che si frantuma in scaglie lanose sul resto della superficie.

Lenzuola libere rispetto al piede, di colore biancastro da giovane, per poi acquisire tonalità verdastre a causa della sporulazione, per poi diventare finalmente marroni. Sono molto più stretti di quelli che si trovano di solito nei Macrolepioti. Spore verdi pallide in massa.

Piede cilindrico e allungato, può superare i 20 cm di altezza, centrale e bulboso alla base. Da giovane è biancastro o beige, ma diventa bruno-rossastro dalla base. Ha un doppio anello mobile di colore biancastro. Fibrillare e fistoloso.

Polpa bianca relativamente spessa, fibrosa sul piede, un po’ arrossata al taglio o giallastra allo sfregamento. Sapore dolce e odore debole.

Habitat:

È una specie che fruttifica rapidamente dopo le piogge, sia d’estate che d’autunno. Cresce nei campi, nei pascoli e nelle aree ruderali, anche nei giardini. È diffuso nel continente americano, dalla California all’Argentina, in altri continenti i suoi riferimenti sono casuali.

Commenti:

Specie tossiche che causano gravi disturbi gastrointestinali, anche se di breve durata, la sua incidenza dipende da ogni persona e dalla quantità ingerita. Abbiamo osservato che per le specie si fa riferimento a dimensioni diverse a seconda della zona, in alcuni siti si assicura che non superi i 15 cm, e con ogni probabilità si tratta di varietà della stessa specie. Si può confondere con la Macrolepiota procera europea, che ha un piede bruno e spore bianche, e anche con il Chlorophyllum rachodes, che è più rubescente e squamoso, o la Macrolepiota konradii, che ha un anello semplice e spore altrettanto bianche. Ci sono altre specie di Macrolepiota commestibili nella stessa zona della Macrolepiota bonaerensis, nessuna delle quali ha spore di colore verde pallido.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Falso parasole, ombrellone a spora verde.
  • Sinonimo:
    Macrolepiota molibdite (G. Mey.) G. Moreno, Bañares & Heykoop

Tassonomia:

  • Divisione:
    Basidiomycota
  • Suddivisione:
    Basidiomicotina
  • Classe:
    Omobasidiomiceti
  • Sottoclasse:
    Agaricomycetidae
  • Ordine:
    Agaricales
  • La famiglia:
    Agaricaceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *