Funghi

Rizopogon roseolo

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Carpoforo di dimensioni piuttosto piccole, raramente superiori a 5 cm di diametro, di solito si trova tra i 2 e i 5 cm. Ha una forma tubercolosa, come se fosse una piccola patata o simile, a volte sferica ma normalmente irregolare, con qualche protuberanza poco pronunciata o fenditura verso la base. Il colore è variabile, nelle sue prime fasi quasi biancastro con qualche sfumatura rosata, diventando col tempo bruno rossastro, e anche gli esemplari assolati possono acquisire una tonalità più olivastra. La base presenta evidenti rizomorfi che hanno la particolarità di aderire al peridio stesso.

Sottilissimo peridio, non raggiunge più di mezzo millimetro di spessore circa, inoltre è fortemente aderente alla gleba essendo inseparabile da essa. Esternamente, con la colorazione di cui sopra, la sezione trasversale mostra una sottile linea rossastra o rosata intorno alla gleba. Non ha deiscenza apicale, i vecchi esemplari possono avere fino a 3 fessure che permettono di vedere la gleba.

Piede inesistente.

Gleba localizzata, cioè divisa in piccoli spazi o cavità, con un aspetto simile a quello di una spugna. Da giovane è di colore biancastro a giallastro, poi diventa bruno oliva, con alcune sottili venature soprattutto verso la base che nei vecchi esemplari diventano deliquescenti.

Habitat:

Specie che viene considerata come crescita ipogea o semiipogea, tuttavia i vecchi esemplari hanno di solito la maggior parte dei carpofori in forma epigea. Forma micorrize con varie conifere, con una particolare predilezione per i pini. In genere appare in gruppo e può farlo in primavera, anche se è in autunno quando appare più abbondantemente. Abbastanza frequente.

Commenti:

Il genere Rhizopogon è composto da specie ipogee o semiipogee che formano micorrize e sono associate in modo simile ad alcuni Ascomiceti come il tartufo. Sono specie di peridio sottile e con basidi pentasporici di regola, che condividono alcuni micro caratteri con l’ordine Boletales, quindi c’è la tendenza ad includerli all’interno di questo ordine, il che può confondere. Il Rhizopogon luteolus è giallastro e il suo peridio non arrossisce se strofinato.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Criadilla rosada, sasiboilur arrosa, fetjo rosat.
  • Sinonimo:
    Rhizopogon vulgaris (Vittad.) M Lange

Tassonomia:

  • Divisione:
    Basidiomycota
  • Suddivisione:
    Basidiomicotina
  • Classe:
    Omobasidiomiceti
  • Sottoclasse:
    Gasteromycetidae
  • Ordine:
    Imenogastrico
  • La famiglia:
    Rhizopogonaceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *