Funghi

Sarcosfara coronarica

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Carpoforo di notevoli dimensioni, può superare i 10 cm di diametro. Germoglia dalla terra sotto forma di sfera cava all’interno, in seguito si apre per diventare un vaso, e infine si apre per diventare una stella e si appiattisce. Non è insolito che quando si trova la resistenza del terreno acquisisce forme irregolari. Il colore della superficie esterna è bianco sporco.

Imenio situato nella parte interna del carpoforo, completamente liscio e di colore violaceo, solo in vecchiaia diventa pallido o marrone.

Piede inesistente, i carpofori di questa specie sono sessili.

La carne è piuttosto spessa rispetto al pesce, senza nulla di notevole in termini di odore e sapore.

Habitat:

È una specie primaverile abbastanza comune nelle pinete del nord della penisola iberica, ma non è geograficamente diffusa. Può anche apparire sotto gli abeti, non l’abbiamo mai vista sotto alberi decidui.

Commenti:

Nonostante sappiamo che molte persone l’hanno mangiata prima di cucinarla, e poi hanno scartato l’acqua, preferiamo classificarla come tossica, perché soprattutto quando è cruda è molto velenosa. Non esiste una specie simile, come il pesce, che si apra a forma di stella, quindi la consideriamo una specie inconfondibile.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Stella marina, Cassoleta blava, Koroa ubel.
  • Sinonimo:
    Sarcosphaera crassa (Santi) Pouzar

Tassonomia:

  • Divisione:
    Ascomycota
  • Suddivisione:
    Ascomicotina
  • Classe:
    Himenoascomiceti
  • Sottoclasse:
    Pezizomycetidae
  • Ordine:
    Pezizales
  • La famiglia:
    Pezizaceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *