Funghi

Suillus collinitus

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Cappello di medie dimensioni, tra i 5 e i 10 cm di diametro, di forma subglobosa, diventa convesso e finisce per appiattirsi, e anche nei vecchi esemplari è un po’ affondato al centro, con il bordo del cappello sollevato. La sua superficie è relativamente viscosa, soprattutto nella stagione delle piogge, ed è fibrillare. Su un fondo marrone castagna, le fibrille gli conferiscono un aspetto più scuro, anche marrone. La cuticola si separa facilmente dalla carne del cappello.

Tubi allungati di colore giallo, dnati, immutabili, caratteristica comune nel Suillo.

Giallo regolare, pori larghi, che diventano più scuri con l’età.

Piede che può essere considerato robusto per Suillus, solitamente cilindrico, anche se a volte è attenuato alla base. Il colore è giallo pallido, con granulazioni dello stesso colore che alla fine diventano marroni. La giunzione miceliale trasferisce alla base una sfumatura rosata, caratteristica non sempre presente.

Carne di colore giallo pallido, piuttosto spessa ma soffice, per lo più vecchia. È immutabile al taglio e il suo odore è debole, il suo sapore è dolce e delicato.

Habitat:

Appare soprattutto in autunno, anche se non si può escludere che compaia in altri periodi. Anche se non è così abbondante come gli altri Suillus, è comune trovarlo nelle foreste di pini con un clima mediterraneo.

Commenti:

Come alimento è piuttosto mediocre, anche se se non c’è niente di meglio può essere assaggiato, purché si tolga la cuticola. Questa specie è molto confusa con Suillus granulatus e Suillus mediterraneensis, tuttavia la sua cuticola è più scura e più fibrillare, più difficile da distinguere le altre due.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Nessuna.
  • Sinonimo:
    Boletus collinitus Patatine fritte

Tassonomia:

  • Divisione:
    Basidiomycota
  • Suddivisione:
    Basidiomicotina
  • Classe:
    Omobasidiomiceti
  • Sottoclasse:
    Agaricomycetidae
  • Ordine:
    Newsletter
  • La famiglia:
    Boletaceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *