piante d'appartamento

Cactus di Natale come pianta d’appartamento

Amiamo prenderci cura delle piante d’appartamento. E in questo caso a maggior ragione se si tratta di una succulenta (simile a un cactus) ma con una fioritura spettacolare. Questo è il cactus di Natale, una pianta dal nome curioso che è molto facile da curare e coltivare indoor.

Infatti nella maggior parte dei casi non sarà necessario acquistare la pianta poiché anche la sua riproduzione per talea è semplice e possiamo ottenere piante identiche in poco tempo.

Come sempre, vi faremo conoscere le caratteristiche principali della sua cura. Quando si vive in vaso, consigliamo il miglior substrato e il fertilizzante da applicare, soprattutto durante la stagione della fioritura. 

Caratteristiche del cactus di Natale

È noto come cactus di Natale o penna di Santa Teresa, poiché durante l’articolo utilizzeremo entrambi i nomi perché sono ben noti.

All’interno del genere Schlumbergera  troviamo molti tipi di piante (7 catalogate e 50 descritte) e varianti della piuma di Santa Teresa. Questo gruppo di specie è considerato cactus e ha la sua origine in Brasile, soprattutto nella zona costiera.

Sono completamente estranei ai cactus del deserto. Il suo sviluppo è proprio adattato a condizioni di elevata piovosità (sebbene non ne abbiano bisogno). Infatti commenteremo più avanti le caratteristiche dell’irrigazione, che non sarà affatto eccessiva.

Qualcosa che colpisce della plua de Santa Teresa o Santa Teresita è la sua fioritura, che non è strettamente associata a questo tipo di pianta succulenta, in questo caso, come accade per molte altre specie affini, i fiori emergono dalle foglie, detti areole (una specifica gemma ascellare).

L’origine del nome Cactus di Natale è dovuta al fatto che fiorisce solitamente in inverno (in Brasile) e per la sua fioritura e il suo colore veniva associato al periodo natalizio.

Cura del cactus di Natale (piuma di Santa Teresa)

Conosceremo la cura principale di questa pianta, che sarà molto simile ad altri tipi di cactus da coltivazione indoor, anche se con lievi differenze.

Seguendo questi consigli potrete avere la pianta per molti anni e riuscire a moltiplicarla per talea, in un processo quasi infinito.

Temperatura, umidità e illuminazione

La cosa principale è conoscere le caratteristiche climatologiche in cui si sviluppa il cactus di Natale. Pertanto, la prima cosa da dire è che si tratta di una pianta da interno.

Temperatura

La temperatura ideale è all’interno della casa, tra 18ºC e 25ºC. Allo stesso modo. possono essere sottoposte a temperature più basse (fino a 10 ºC) come accade in molte notti primaverili se lasciamo la pianta sul balcone.

Umidità

Tuttavia, una condizione importante che hanno sempre portato nella loro genetica è le condizioni di umidità. Hanno bisogno di un’umidità relativa elevata, quindi se vivranno con te all’interno della casa avranno bisogno di spray fogliari periodici (2 o 3 a settimana).

L’umidità ambientale non ha nulla a che fare con l’apporto di più acqua al substrato, quanto piuttosto la concentrazione di acqua nell’ambiente fogliare delle sue foglie, che determinerà l’apertura stomatica e la qualità e il vigore delle sue foglie e dei suoi steli.

illuminazione

All’interno della casa, la penna Santa Teresa non subirà molti cambi di illuminazione. La cosa corretta è posizionarlo vicino a una finestra, dove possa entrare abbastanza luce, ma senza metterlo direttamente al sole, poiché le sue foglie si seccano e potrebbe perdere i fiori.

Quale substrato scegliere?

Eviteremo completamente substrati economici che contengono quantità eccessive di sale e acquisteremo marchi di qualità. Substrato che contiene sabbia o fibra di cocco, poiché migliora notevolmente la ritenzione di umidità e migliora il drenaggio.

Quando scegliamo la pentola, verificheremo che abbia abbastanza fori sul fondo, per permettere all’acqua di defluire.

Molti di questi substrati contengono già una piccola parte di nutrienti, il che facilita notevolmente la produzione di nuove radici.

Un adeguato rapporto di nutrienti nel substrato sarebbe questo:

  • Azoto: 80-400 mg/l
  • Fosforo (fosfato): 100-500 mg/l
  • Potassio: 300-900 mg/l

Una pianta in crescita di solito consuma i nutrienti dal substrato entro le successive 3-5 settimane. Dovrà essere preso in considerazione per restituire i nutrienti al substrato attraverso la fertilizzazione.

Caratteristiche di irrigazione e abbonato

Irrigazione

L’irrigazione è una delle caratteristiche principali nella cura del cactus di Natale.

Uno dei maggiori problemi che la pianta deve affrontare è l’ irrigazione eccessiva, che si verifica nel 90% dei casi.

Non appena la pianta appare leggermente spenta, abbiamo un istinto materno primordiale di aggiungere più acqua e tutto ciò che stiamo facendo è peggiorare le cose.

Segui questi suggerimenti per l’irrigazione e non avrai problemi.

Estate e primavera (temperature superiori a 25 ºC):

2 annaffiature a settimana (1 bicchiere d’acqua per vaso da 20 cm di diametro).

Autunno e inverno (temperature inferiori a 25 ºC): 

1 annaffiatura a settimana (1 bicchiere d’acqua per vaso da 20 cm di diametro).

Con queste quantità e frequenza, all’interno della casa il supporto non si asciugherà e manterrà una situazione di temperatura permanente (lo stato ideale di umidità del supporto).

Soprattutto nel periodo della fioritura, favorire una leggera siccità nella pianta genera una maggiore produzione di fiori, poiché un maggiore stress è associato a un maggior numero di fiori.

Abbonato

La materia organica del substrato è sufficiente per il suo sviluppo durante i primi mesi. Da qui faremo applicazioni con fertilizzante insieme all’acqua di irrigazione ogni 15 giorni.

Fertilizzante consigliato per i cactus di Natale

I fertilizzanti per cactus sono generalmente bilanciati, con una concentrazione leggermente superiore di potassio. Ad esempio, un NPK 5-5-7 o NPK 4-5-7 con micronutrienti.

Le dosi del fertilizzante per il cactus di Natale sono solitamente indicate sull’etichetta del prodotto. A titolo indicativo, si consiglia di applicare 0,5 ml di fertilizzante per ogni litro d’acqua per non applicare un’eccessiva concentrazione di sali.

Hai anche la possibilità di scegliere un fertilizzante granulare a lenta cessione. In questo caso consigliamo la formula NPK 12-10-18 + 2MgO con micronutrienti.

Moltiplicazione della piuma di Santa Teresa

Riproduci il cactus di Natale con talee di foglie

La riproduzione per talea nelle piante succulente è estremamente semplice. Sceglieremo uno stelo a 10 cm dall’estremità e lo immergeremo in acqua (che cambieremo ogni 5 giorni).

Non appena vediamo formarsi le prime radici bianche, è il momento di piantarla in un vasetto con substrato e fibra di cocco.

Svilupperemo la pianta all’interno, con una buona illuminazione (ma senza sole diretto), con una temperatura media di 21 ºC.

Non appena vedremo che la parte aerea del cactus di Natale inizia a svilupparsi, sarà segno che si è ben assestata e le radici cominceranno ad assorbire l’acqua.

Da qui e con il passare del tempo, la piuma di Santa Teresa formerà presto una nuova pianta con nuove gemme da cui emergeranno nuovi steli.

Come trapiantare il cactus di Natale

Con l’aumentare delle sue dimensioni, il cactus di Natale avrà bisogno di un contenitore più grande. L’operazione di trapianto verrà eseguita con grande cura, nei mesi primaverili, dove avrà la capacità di formare nuove radici in tempi brevi.

Evitando la rottura delle radici, collocheremo la pianta in un nuovo vaso di diametro e profondità maggiori. Trascorsa questa operazione, è consigliabile effettuare una prima irrigazione generosa per favorire l’adattamento delle radici e una situazione meno stressante per la pianta.

Acquista cactus di Natale

Se non siamo riusciti ad ottenere una talea del cactus di Natale, l’opzione più veloce (ma meno economica) è quella di acquistarla direttamente da un vivaio o da un negozio specializzato.

Il prezzo medio per una pianta ben formata è di circa 10€, anche se a metà prezzo possiamo trovare piante piccole anche con i fiori.

Potatura del cactus di Natale

La potatura della piuma di Santa Teresa si limiterà all’asportazione di tralci danneggiati, vecchi o marci. Effettueremo il taglio a circa 5 cm dalla base, per evitare la futura diffusione di malattie.

A seconda dell’intensità di questa potatura, ringiovaniremo e attiveremo la formazione di nuovi steli dalle gemme attive. È importante che dopo l’operazione (possiamo farlo in primavera o in autunno) applichiamo dei fertilizzanti per favorire il nuovo sviluppo della pianta.

Problemi correlati e loro soluzione

È frequente, a seconda della zona in cui lo coltiviamo, che si manifestino dei problemi legati alle foglie. Che abbiano un aspetto clorotico (hanno perso il loro naturale verde), foglie rugose, flosce o marroni, dovremo correggere il piano di cura che portiamo avanti.

Ti daremo alcuni consigli identificando i problemi più comuni dei cactus di Natale.

Cactus di Natale con foglie rugose

La causa principale delle foglie rugose su questa pianta è un problema con l’irrigazione. Quando si raggrinziscono, è segno che non ricevono acqua a sufficienza, sia nel substrato che nella parte aerea.

Se si nota che il supporto ha abbastanza umidità, è necessario aumentare la frequenza delle irrorazioni fogliari, per favorire una maggiore umidità ambientale.

Sposta la pianta in un altro luogo con meno luce o con accesso diretto alla luce solare.

Cactus di Natale con foglie flosce

Qualsiasi pianta che abbia foglie flosce e dall’aspetto marrone che hanno perso il loro verde naturale è soggetta a annaffiature eccessive. 

C’è così tanta umidità nel substrato e così poco ossigeno che la pianta perde gradualmente le sue radici, e questo si può vedere rapidamente nella parte aerea.

Per questo motivo bisogna ridurre per un po’ le annaffiature, costringendo il supporto a essere praticamente asciutto e riducendo la frequenza e, soprattutto, la quantità di acqua erogata.

Questi problemi di irrigazione eccessiva sono i più difficili da risolvere, poiché in quel momento agiscono solitamente funghi come Phytophthora.

Cactus di Natale che non fiorisce

Spesso, una pianta che non fiorisce come dovrebbe o non produce un fiore è dovuta alla mancanza di illuminazione per la pianta. In mancanza di luce, le piante tendono a crescere verticalmente (cercando di guadagnare altezza per essere più vicine alla luce).

Pertanto, l’ultima cosa di cui si preoccupano è l’emissione di fiori. Pertanto, se abbiamo problemi di fioritura nella nostra piuma di Santa Teresa, cercheremo di cambiare la posizione in un ambiente più illuminato.

D’altra parte applicheremo anche i fertilizzanti consigliati per questo tipo di piante insieme all’acqua di irrigazione, in modo da fornire il fosforo necessario per la fioritura.

Malattie dei cactus di Natale

Le malattie più comuni del cactus di Natale sono causate dall’eccesso di umidità in una pianta che di per sé non consuma molta acqua.

antracnosi

Questo fungo produce macchie gialle e clorotiche su tutta la foglia. Di solito appare in condizioni di elevata umidità. Per il suo controllo si utilizzano solitamente fungicidi a base di rame, applicati come spray fogliare sulle foglie.

marciume molle

La putrefazione è un chiaro sintomo di ristagno d’acqua nel substrato, che fa avanzare il fungo attraverso il collo della pianta. Le foglie diventano marroni e morbide al tatto.

La soluzione è arieggiare la pianta, lasciando asciugare il più possibile il substrato e applicando rame nell’irrigazione. Possiamo rimuovere, con molta attenzione, foglie marce o clorotiche.

Malattie del collo ( Phytium e Phytophthora)

Queste malattie del collo sono causate da funghi e compaiono in molte piante ornamentali. Questa malattia del cactus di Natale provoca marciume alla base dello stelo, attaccato al substrato, mostrando delle macchie marroni, morbide al tatto, che salgono a macchiare le foglie, con colori marroni e brunastri.

Nel caso del fungo Phytophthora, la soluzione è complicata, poiché è molto difficile raggiungere il fungo ed eliminarlo. È conveniente lasciare asciugare il substrato e ridurre il più possibile i rischi per evitare l’avanzamento della malattia e conviverci.

Prodotti correlati:

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.