piante d'appartamento

Come coltivare l’Euphorbia trigona a casa

Ci ha sempre colpito la grande varietà di specie di cactus e Crassulaceae come Euphorbia trigona.

Nonostante sia una specie africana, la sua coltivazione si adatta perfettamente come pianta da interno per vaso. In effetti, è abbastanza comune trovarlo nei vivai e nei negozi che vendono specie vegetali.

Per il suo volume, altezza e forma, l’ Euphorbia trigona  è una specie ornamentale molto caratteristica, e offre un’ampia gamma di possibilità per decorare l’interno della casa (soprattutto negli angoli del soggiorno o della camera da letto).

caratteristiche principali

Poiché il nome scientifico di Euphorbia trigona  è piuttosto complesso, ha diversi adattamenti comuni a seconda dell’area. Originaria dell’Africa, questa pianta è anche conosciuta come cactus cattedrale (a causa della sua forma di crescita) o albero del latte africano (a causa della sua linfa).

Il nome dell’albero del latte africano è dovuto al fatto che, quando si taglia il gambo, secerne abbondante linfa color latte, che è molto irritante a contatto con la pelle. Pertanto, con il processo di trapianto e se rimuoviamo dalla pianta eventuali germogli colpiti, dobbiamo farlo con attenzione e con i guanti.

Questa linfa è simile nell’aspetto a quella secreta dai fichi o dai fichi, che è ugualmente irritante se viene a contatto con la pelle.

tassonomia agronomica

  • Ordine:  Malpighiales
  • Famiglia:  Euforbiacee
  • Genere: Euforbia
  • Nome:  Euphorbia trigona

Offre una grande attitudine alla crescita in buone condizioni di crescita (buona illuminazione e umidità ambientale) e in Spagna può adattarsi perfettamente a tutti gli ambienti.

La sua coltivazione in vaso è comune, anche se è necessario trapiantarlo ogni 2 anni in vasi di grande volume vista l’altitudine che può raggiungere l’euforbia,  che può destabilizzare la base e cadere con un po’ di vento.

Cura principale di Euphorbia trigona

In termini generali, si parla di E. trigona  come di una simbiosi tra un cactus e una pianta. Tuttavia, nello schema di cura, è necessario seguire il protocollo applicato alla maggior parte delle specie succulente o dei cactus.

Climatologia

L’euforbia trigona  è utilizzata per riscaldare gli ambienti, sebbene resista a un’ampia gamma di temperature. Al di sotto dei 10 ºC interrompe la sua crescita, ma molto meno influisce sullo sviluppo futuro della pianta o provoca danni.

La crescita della pianta raggiunge il suo massimo splendore nei mesi primaverili ed estivi. Invece, in autunno o in inverno c’è una specie di riposo dove la crescita è quasi nulla.

Il cactus della cattedrale ha bisogno di un’abbondante dose di sole e illuminazione, quindi dobbiamo cercarlo nell’ambiente più soleggiato possibile. I cambiamenti dell’umidità ambientale tra il giorno e la notte li avvantaggiano, poiché è qualcosa che fa parte dell’ambiente nativo in cui cresce.

Terreno o substrato

Se piantiamo l’euforbia in giardino, prima di effettuare il trapianto, nella buca possiamo mescolare sabbia, sostanza organica e terriccio in parti uguali. Con questo si favorirà l’accumulo di umidità ma senza allagamenti, e la sabbia favorirà il drenaggio dell’acqua in eccesso.

Quello che cerchiamo è il massimo drenaggio possibile ma con un buon mantenimento dell’umidità. Questo, che, a priori, è contraddittorio, non è il caso e può essere ottenuto con una miscela di substrati che incorporano fibra di cocco o perlite.

Materiali che conservano bene l’umidità, sono molto porosi e offrono un buon drenaggio, tutto il contrario dei terreni argillosi.

Irrigazione

Bisogna tener conto che l’irrigazione dell’albero del latte africano è praticamente nulla. Non sviluppa un apparato radicale molto potente e, come con molte specie di cactus, può sopravvivere assorbendo l’umidità ambientale.

Nei mesi caldi, applicare dosi molto basse (meno di 0,5 L per pianta adulta) una volta alla settimana. In autunno o in inverno, praticamente nessuna irrigazione se non per lunghi periodi senza precipitazioni.

Uso di fertilizzanti

Con l’aumento delle temperature nei mesi primaverili, l’ Euphorbia trigona  diventa attiva, inizia ad allungare i suoi germogli in alto e produce piccole foglie verde brillante.

Con il freddo invernale o le piogge dei mesi di gennaio e febbraio, molti nutrienti del substrato sono stati dilavati o sono stati immobilizzati. Per risolvere questo problema e attivare lo sviluppo della pianta, applicheremo fertilizzanti (liquidi o granulati) attraverso l’irrigazione.

Concimi granulari:  sono per un’unica applicazione, nel substrato, a lento rilascio in quanto solubilizzati con l’umidità ambientale o con l’apporto dell’irrigazione.

Una raccomandazione per il genere Euphorbia  è la miscela NPK 12-8-16 con inibitore della nitrificazione e apporto di micronutrienti.

Concimi liquidi:  vengono applicati più frequentemente, insieme all’acqua di irrigazione. L’alimentazione è più equilibrata (applichiamo ciò che vogliamo) ma richiede un maggiore controllo, per evitare l’aggiunta di sali in eccesso.

In generale, i fertilizzanti concentrati non aggiungono solitamente più di 1 ml/L di irrigazione, in modo da non superare la conducibilità (quantità di sali aggiunti).

Riproduzione di E. trigona

La tecnica più semplice per moltiplicare Euforbia e con i risultati di maggior successo è il taglio.

Per seguire il corretto procedimento, ne tagliamo un pezzo (qualsiasi gambo è valido), lasciando asciugare la ferita (ne uscirà della linfa color latte) per un paio di giorni. Prepariamo un substrato di natura universale o con una miscela di fibra di cocco e lo inumidiamo leggermente.

Posizioniamo la talea di Euphorbia nel substrato, mantenendo costante l’umidità durante il primo mese, momento in cui, se tutto è andato bene, inizierà a emettere le prime radici.

Altri tipi di euforbia

Personalmente, amiamo l’aspetto e la sensazione di Euphorbia trigona,  così come la facilità con cui è adattabile come pianta d’appartamento o posizionarla sul terrazzo. Tuttavia, all’interno del genere Euphorbia  si hanno diverse varietà, alcune anche fiorite.

Qui vi lasciamo alcune foto di diversi tipi di Euphorbia interessanti per la coltivazione indoor.

Euphorbia milii (spina di Cristo)

Euphorbia lactea cristata

Euphorbia acrurensis

Prodotti consigliati per Euphorbia

Questi sono alcuni prodotti consigliati per la germinazione e la concimazione dell’Euphorbia, nonché il substrato ideale per il trapianto, offrendo un buon drenaggio e conservazione dell’umidità, ideale per questa pianta.

Per quanto riguarda i fertilizzanti, il granulato NPK 12-8-16 con inibitore dell’azoto, di lenta solubilità, consente una nutrizione costante, senza shock azotati che possono causare sali in eccesso nel substrato.

Per chi preferisce utilizzare fertilizzanti liquidi, esistono anche delle forme da miscelare con l’acqua di irrigazione, che vengono assimilate rapidamente.

+ Visualizza più file di piante

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.