Piante

Coltiva la vite vergine

Al genere Parthenocissus appartengono varie piante rampicanti a viticci, caducifoglie e lignificate, che si coltivano per il loro fogliame verde intenso, che in autunno vira bei toni rossastri.

Il rampicante della Virginia, come è anche noto il vitigno vergine, ha foglie composte, cioè composte da pezzi indipendenti detti foglioline. A seconda del numero di questi, abbiamo Parthenocissus quinquefolia, con cinque per foglia, che necessita di un traliccio a cui aggrapparsi, e Parthenocissus tricuspidata, con tre foglioline, che si arrampica sulle superfici senza assistenza.

Caratteristiche del vitigno vergine

La vite vergine cresce vigorosamente e velocemente, motivo per cui viene spesso utilizzata per rivestire facciate e pareti. Inoltre, fornisce ombra e freschezza nelle giornate più calde dell’estate. Possiamo rivestire pergole, graticci, tettoie e qualsiasi altra struttura con esso o lasciarlo stendere sul terreno come copertura vegetale.

Sebbene provenga dal Nord America, dalla Cina e dal Giappone, si adatta molto bene a tutti i climi e richiede solo un terreno ben drenato per evitare che i funghi lo prendano.

Cura di base della vite vergine

Sebbene ammetta il sole, il colore delle foglie acquista intensità se è in penombra o anche in piena ombra. È ideale per piantarlo su un muro esposto a nord o ad est. La sua piantagione può essere effettuata sia in autunno che in primavera.

Lo posizioneremo in buche profonde, 50 per 50 centimetri, a cui è consigliabile aggiungere pacciame, materia organica decomposta o fertilizzante in modo che si depositi più facilmente dopo il trapianto.

Pota la vite vergine

La vite vergine è una pianta che, all’inizio, non necessita di molte potature. Nei primi anni è consigliabile tagliare dei tralci per stimolare la crescita dei rami e fare in modo che il muro sia coperto in modo uniforme.

Una volta stabilito, ha solo bisogno di essere rifilato di tanto in tanto, in qualsiasi momento dell’anno, per controllarne la crescita esuberante ed evitare che invada gli infissi di finestre o porte. Cercheremo di non potare nemmeno i vecchi rami legnosi, perché difficilmente produrranno nuovi germogli.

Bisogna fare attenzione a staccare dagli appoggi solo quegli steli che andremo a scartare poiché, una volta staccati, non possono essere tenuti nello stesso punto.

Se desideri leggere altri articoli simili a Coltivazione di viti vergini, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Piante.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.