Piante

Cura principale del basilico a casa

Il mondo delle piante aromatiche è di moda. La sua facilità di coltivazione in tutti i tipi di ambienti (orti, vasi, tavole di coltivazione, ecc.) ed i vantaggi di poterli utilizzare nella nostra gastronomia fanno del basilico una pianta indispensabile da avere in casa.

Tuttavia, come tutti i tipi di colture, ci sono alcuni consigli pratici che devono essere seguiti per ottenere il massimo dei risultati. In questo articolo andiamo a spiegare le principali cure del basilico e le principali caratteristiche per il suo mantenimento.

Imparerai i trucchi per riuscire a far germogliare facilmente i semi di basilico e riempire la tua casa di questo magnifico aromatico per poterlo utilizzare nei tuoi cibi preferiti.

Incontra la pianta del basilico

L’uso e la coltivazione del basilico è diffuso in quasi tutto il mondo, coltivato da millenni. Il suo nome scientifico è  Ocimum basilicum  e appartiene alla famiglia delle Lamiaceae ( Lamiaceae).

Al contrario di quanto si potrebbe pensare, la sua origine è asiatica, essendo presente all’inizio in paesi come Iran, India e Pakistan, tra gli altri.

La sua principale caratteristica è che, piantato in primavera, si adatta a tutti i climi, anche mediterraneo e continentale.

Il basilico è una pianta considerata erbacea, annuale (non perde le foglie in inverno) e bassa. Raramente supera i 50 cm di altezza, poiché cresce strisciando, vicino al suolo.

Le sue foglie sono verde chiaro e molto tenere, il che le rende molto attraenti per insetti minatori, mosche bianche, acari, ecc.

Vuoi conoscere le principali cure del basilico?

cura del basilico

Una volta che avrete deciso di coltivare questa pianta aromatica, sia attraverso i semi, sia dopo aver acquistato una piantina in un vivaio, andremo a conoscere le principali cure del basilico e programmiamo le cure principali per mantenerlo a lungo.

Come piantare il basilico in casa

Il compito principale una volta che abbiamo la pianta pronta per il trapianto è trovare il posto ideale per il nostro basilico.

Climatologia

Dal punto di vista climatologico, questa pianta aromatica predilige ambienti caldi ed è sensibile al gelo e al freddo notturno. Il suo normale e confortevole intervallo di temperatura va da 15 ºC a 25 ºC. Al di sotto dei 10 ºC, la pianta rallenta la sua crescita e non forma nuove foglie. A temperature sotto lo zero, lo sviluppo si interrompe del tutto e si verificano danni da gelo alle foglie.

Allo stesso modo, al di sopra dei 35 ºC durante il giorno, la pianta ha difficoltà a produrre nuove foglie a causa della chiusura dello stoma e della mancanza di traspirazione.

Ha bisogno di umidità ambientale, poiché le sue foglie sono tenere e risentono della secchezza. Per questo, se avete coltivato la vostra pianta di basilico in vaso o tavoli di coltivazione, non farà male spruzzare con acqua, che potete sfruttare per applicare insieme a fertilizzanti liquidi.

Scegli un buon substrato

Quando si effettua il trapianto, una parte importante e decisionale per una corretta cura del basilico è scegliere un buon substrato per il basilico. Il muschio di torba leggermente acido che include sostanze nutritive (composto decomposto) è perfetto per questa pianta in quanto offre buone caratteristiche di drenaggio, ritenzione dell’umidità e facile sviluppo delle radici.

Il basilico è una pianta a crescita rapida, che dovrai potare per ottenere le sue foglie commestibili e allo stesso tempo bilanciarne la crescita. Scegli bene la dimensione del vaso in modo da non dover fare trapianti regolari.

la migliore cura per il basilico, l’ideale è scegliere una tavola di coltivazione e abbinarla ad altre piante (rosmarino, origano, timo, ecc.).

rischi moderati

Poiché il basilico ha foglie grandi e tenere e molta polpa, è necessario mantenere un livello confortevole di umidità continua nel terreno di coltura.

Tuttavia, tieni presente che il problema principale per cui una pianta di basilico deperisce è dovuto all’eccesso di acqua, che provoca marciume radicale e cervicale e la caduta delle foglie, che iniziano in giallo e finiscono in marrone.

Per questo motivo è meglio effettuare un’irrigazione ad alta frequenza ma con poca quantità.

Annaffiature primaverili ed estive:  3 volte a settimana e 0,5 litri d’acqua per vaso da 20 cm di diametro.

Abbonato

In particolare si preferisce introdurre sempre una piccola quantità di fertilizzante liquido insieme all’acqua applicata, tutto l’anno.

I substrati commerciali che acquistiamo di solito hanno una piccola quantità di nutrienti che funge da base per le prime settimane. Tuttavia, una volta esauriti, ciascuno degli elementi deve essere fornito per consentirne un corretto sviluppo.

L’ingiallimento delle foglie, la bruciatura dei bordi e la crescita stentata sono spesso attribuiti alla mancanza di nutrienti essenziali come azoto, fosforo e potassio.

Il dosaggio generale per tutti i tipi di fertilizzanti liquidi è di 0,5 ml per litro d’acqua. Con questa quantità, non superiamo la quantità di sali e tutta l’acqua è concentrata nei nutrienti.

Da non dimenticare nemmeno i fertilizzanti granulari, che sono abbastanza facili da applicare e si dissolvono lentamente con l’umidità dell’irrigazione. Di solito vengono applicati all’inizio della primavera, quando la pianta inizia a emettere i primi germogli. Il nostro fertilizzante preferito per il basilico è NPK 12-8-6 a lento rilascio di azoto.

quando piantare

Il momento di piantare il basilico è all’inizio della primavera.

Se vogliamo anticipare la data per poter raccogliere le sue foglie in piena estate con una pianta grande e robusta, utilizzeremo un semenzaio protetto oppure semineremo i semi al chiuso.

I semi vengono seminati a 1 cm di profondità, su substrato inumidito e impiegano poco più di 1 settimana per germogliare. La sua crescita, con temperature piacevoli (tra 18 ºC e 25 ºC) è abbastanza veloce.

A causa della sensibilità delle sue radici in crescita, non è consigliabile applicare fertilizzanti fino a quando il basilico non ha diverse foglie vere e non è alto più di 10 cm.

Come piantare il basilico in una pentola

Una volta che avremo una pianta germinata con un buon ritmo di crescita, quando supererà i 10 cm di altezza e diverse foglie vere, sarà pronta per il trapianto.

Ricordiamo di utilizzare un substrato di qualità di un’azienda certificata, poiché molti marchi economici tendono ad accumulare molti sali e danneggiarne la crescita.

Se hai intenzione di piantare in primavera, puoi seminare direttamente su un vaso, anche se in seguito dovrai fare la puntura  o  il trapianto.

Pianta il basilico dai semi

Il modo più semplice per iniziare la cura del basilico da zero è piantare dai semi. Puoi acquistare questi semi di basilico praticamente in qualsiasi locale dedicato al giardinaggio o nei negozi online.

Leggi tutto: compra semi di basilico

Proprietà del basilico

Il basilico ti offre molte proprietà medicinali, anche se il suo uso più caratteristico è per la gastronomia e come condimento per i piatti.

A cosa serve la foglia di basilico come pianta medicinale?

  • Migliora il sistema respiratorio e i sintomi del comune raffreddore o del muco.
  • È ricco di antiossidanti e attiva il sistema immunitario.
  • Ha proprietà antibatteriche.
  • Aiuta a combattere lo stress e i nervi.
  • È leggermente sedativo.
  • Favorisce l’eliminazione dei liquidi
  • Attiva il sistema circolatorio

basilico contro le zanzare

Un uso ben noto della pianta del basilico è come repellente per zanzare. Nonostante la sua efficacia non sia paragonabile ad altre piante come la citronella, i suoi principi fitoattivi aiutano a scacciare tutti i tipi di zanzare, soprattutto di notte.

Il suo gradevole aroma emette nell’ambiente composti volatili che agiscono come repellente contro varie varietà di zanzare pungenti. In particolare, il composto che esercita maggiore azione è l’ estragole (1-allil-4-metossibenzene).

Prodotti correlati:

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.