Piante

Tipi di fiori commestibili

L’uso dei fiori si vede sempre più frequentemente in una moltitudine di piatti, alcuni molto elaborati e sofisticati ed altri più semplici come le insalate. Tuttavia, nonostante sia una moda che si è diffusa negli ultimi anni, l’uso dei fiori in gastronomia è piuttosto antico. Tuttavia, prima di iniziare a utilizzare questo tipo di ingrediente, è importante conoscere alcuni aspetti importanti, come differenziare i tipi di fiori commestibili da quelli che non lo sono, nonché alcuni che possono diventare tossici.

Quali tipi di fiori possiamo consumare come cibo?

I fiori commestibili, come suggerisce il nome, sono fiori che possono essere consumati come cibo, proprio come facciamo con la frutta o la verdura. Tuttavia, uno degli aspetti da tenere in considerazione quando si consuma questo alimento è che, come per molte piante, non tutte sono commestibili. C’è un’ampia varietà di fiori che sono commestibili. Nonostante questo, esiste anche un’altra varietà abbastanza ampia di fiori che contengono sostanze tossiche per la salute.. Bisogna tener conto che l’obiettivo dei fiori è la riproduzione della pianta, quindi, fino a quando non generano il seme che solitamente è accompagnato da un frutto, la pianta tenderà a proteggere il processo. In questo modo possiamo trovare fiori velenosi che, una volta diventati frutti, sono perfettamente consumabili sotto forma di cibo.

Per tutti questi motivi, per quanto riguarda il consumo dei fiori come alimento, la prima cosa di cui dovremo tenere conto è di mangiare sempre fiori che sappiamo essere adatti al consumo. Per questo, è meglio farlo da fiori che vengono commercializzati espressamente per questo scopo oppure, se siamo sicuri del tipo di pianta, possiamo farlo con quelli di cui non abbiamo dubbi sull’origine. In nessun caso dobbiamo consumare fiori prelevati direttamente dal campo o da ambienti non adeguatamente controllati, anche se a prima vista possiamo identificarli con fiori commestibili, poiché possono creare confusione e causare avvelenamento.

Che usi hanno i fiori commestibili?

Attualmente, l’uso più sorprendente dei fiori commestibili è l’introduzione di questo ingrediente come parte in più di qualsiasi piatto. Tieni presente che i fiori commestibili hanno generalmente un sapore forte, in molti casi amaro e piccante, qualcosa che non ha nulla a che fare con i sapori dolci a cui la frutta ci ha abituato. Per questo motivo, sono una parte interessante quando si tratta di aggiungere sfumature a piatti sofisticati, che si tratti di insalate come risotti, pasta, alcuni piatti a base di tuberi come la manioca, alcuni legumi, creme, e anche come accompagnamento nella caso di piatti a base di carne o pesce.

Tuttavia, l’uso dei fiori commestibili non si limita solo a far parte dei piatti. Infatti possono essere utilizzati anche nella preparazione di marmellate e conserve, gelatine e piatti sciroppati, oltre che di bevande fermentate, con o senza gradazione alcolica. Si possono infatti presentare anche come fiori cristallizzati, che si ottiene unendo i fiori con l’albume dell’uovo emulsionato con lo zucchero. È un piatto laborioso ma molto suggestivo, motivo per cui è solitamente comune in molti ristoranti all’avanguardia.

Attenzione alle allergie!

Abbiamo già commentato che i fiori sono un ingrediente da assumere con cautela a causa della presenza di tipi di fiori tossici o velenosi. Tuttavia, all’interno dei fiori commestibili, un altro aspetto che deve essere preso in considerazione prima di consumarli è il loro alto livello di polline. Il polline è una sostanza secreta dai fiori per la riproduzione. Questa sostanza viaggia dagli organi sessuali maschili del fiore a quelli femminili, producendo così la fecondazione e la produzione di uno o più semi che, normalmente, sono solitamente accompagnati da un frutto. Tuttavia, il polline è una delle sostanze che producono più allergie.. Per questo motivo, le persone che soffrono di allergia a un certo tipo di polline dovrebbero rinunciare al consumo di fiori associati a tale varietà.

Tipi di fiori commestibili che possiamo includere nei nostri piatti

C’è una varietà abbastanza ampia di tipi di fiori che possono essere inclusi nei piatti. Uno dei modi più consigliati per farlo, soprattutto se sei nuovo a questo tipo di cucina, è acquistare il prodotto direttamente in un mercato o supermercato dove si vendono fiori commestibili già pronti. Se non hai molta idea di come usarli, una buona opzione è inserirli prima nelle insalate, che ti permetterà di conoscere e identificare i sapori, che ci permetteranno di adattarli in futuro a cibi diversi e più elaborati piatti. Alcuni dei fiori commestibili più comuni che si possono trovare facilmente sono i seguenti:

  • Fiore di carciofo.
  • Fiore di broccoli.
  • Fiore di camomilla.
  • Fiore di erba cipollina.
  • Fiori di agrumi come limone, arancia o pompelmo.
  • Fiore di tarassaco.
  • Fiore di ibisco.
  • Fiore di gelsomino.
  • Viola del pensiero.
  • Fiore di calendula.
  • Fiore viola.
  • Fiore di zucca.
  • Fiore di zucca.

Se desideri leggere altri articoli simili a Tipi di fiori commestibili, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Piante.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.