Problemi

Infestanti del pomodoro [controllo chimico ed ecologico]

Una delle colture più diffuse in tutto il mondo è la  coltura del pomodoro. Tuttavia, il fatto che sia così globalizzato danneggia anche la comparsa di parassiti sempre più diversi che colpiscono radici, steli, foglie e frutti.

Per questo motivo, abbiamo voluto rivedere i principali parassiti del pomodoro che possiamo trovare e due modi per controllarli, sia attraverso l’uso di prodotti fitosanitari o agrochimici autorizzati, sia attraverso tecniche e prodotti ecologici, a seconda del mercato. consumo.

Come vedrai, alcuni insetti ti sembreranno molto familiari poiché sono molto comuni praticamente in tutte le colture. D’altra parte, vedremo anche alcuni parassiti del pomodoro specifici per questa coltura.

I parassiti del pomodoro più comuni

Ragno rosso

Il ragno rosso (o acaro rosso) è diventato uno dei parassiti del pomodoro più temibili per gli agricoltori.

I maggiori sintomi che provoca nella pianta di pomodoro si possono osservare (con una lente d’ingrandimento o ingrandimento) sul lato inferiore delle foglie, che provoca la perdita del colore verde della foglia e piccolissime macchie gialle (come punti).

Una volta che l’acaro del ragno avanza e la peste si intensifica, le ragnatele compaiono sulle foglie e possono defogliare completamente e seccare la pianta. lui

Le condizioni climatiche per lo sviluppo del ragnetto rosso sono le alte temperature e l’ambiente secco, tipico della tarda primavera e dell’estate.

Come misura preventiva e per evitare questa piaga, si raccomanda di eliminare le erbacce e i resti delle colture precedenti. Nella concimazione, si raccomanda di non abusare dell’apporto di azoto, perché crea molto sviluppo della pianta che attira il ragno rosso.

Controllo con prodotti fitosanitari

controllo ecologico

Nel controllo ecologico dei parassiti del pomodoro, abbiamo alcuni prodotti che servono una vasta gamma di insetti. Ad esempio,  il sapone di potassio, che agisce ammorbidendo l’esoscheletro degli insetti per indebolirne la resistenza.

Le condizioni di umidità non sono soddisfacenti per lo sviluppo del ragno rosso, quindi spruzzare con acqua riduce direttamente la mobilità del parassita.

Esistono anche altri strumenti per l’agricoltura biologica, come l’olio di neem, un insetticida naturale dell’albero di neem, che agisce contro un ampio spettro di parassiti.

Cos’è il sapone di potassio Il sapone di potassio è la combinazione di una miscela di grassi con idrossido di potassio, che solubilizza i lipidi e converte il prodotto finale in un tipo di sapone, con un processo molto simile alla produzione di saponi e sgrassanti. Nel caso del sapone di potassio, invece, viene eliminato l’uso di prodotti tossici per l’agricoltura o per gli animali. 

afidi

Abbiamo 2 rappresentanti principali degli afidi (anche se ce ne sono alcuni in più) nei parassiti del pomodoro,  A. gossypii  e  M. Persicae.

Di solito colpiscono le parti più giovani e tenere della pianta, come la parte apicale o i nuovi germogli. Provocano deformazioni sulle foglie mentre succhiano la linfa.

Infine, la foglia priva di succo cellulare si raggrinzisce e si ritrae su se stessa, perdendo la capacità fotosintetica.

Uno dei maggiori problemi degli afidi nei parassiti del pomodoro è la possibilità di trasmettere virus. Ad oggi sono stati identificati diversi ceppi di virus i cui trasmettitori sono gli afidi, che mordendo e assorbendo il succo cellulare, trasmettono il virus alla pianta, senza guarire.

Gli afidi del pomodoro sono responsabili di praticamente il 70% della virosi di cui può soffrire questa coltura.

Danno causato

  • Aspirano i nutrienti cellulari dalla pianta, limitandone la crescita e lo sviluppo. Ciò provoca deformazioni e protuberanze sulle foglie e sugli steli.
  • Durante l’aspirazione del succo cellulare, l’afide produce melata, un liquido appiccicoso che macchia foglie e frutti e attira le malattie.
  • Oltre ai virus, possono emettere sostanze tossiche sul raccolto, rendendo il raccolto non commerciabile.

Controllo biologico degli afidi

Alcuni insetti utilizzati nell’agricoltura intensiva per ridurre i parassiti del pomodoro legati agli afidi.

  • Chrysoperla carnea  Sono le larve di questo vorace predatore a ridurre notevolmente le popolazioni di afidi. Possono consumare più di 100 afidi durante il loro ciclo di vita.
  • Aphidius colemani:  questa minuscola vespa agisce parassitando più di 40 specie di afidi, tra cui alcuni che sono considerati parassiti del toamte.
  • Aphidius ervi:  un altro tipo di vespa che parassita un tipo più grande di afide (noto come  Macrosiphum euphorbiae).
  • Aphidoletes aphidimyza: zanzara predatrice di afidi la cui larva può consumare tra 10 e 100 afidi nel suo ciclo vitale.
  • Sitobion avenae:  un tipo di moscerino che funge da predatore di oltre 70 specie di afidi.

Controllo con prodotti fitosanitari

controllo ecologico

Uno dei prodotti più efficaci nella lotta agli afidi è  il sapone di potassio, ha la proprietà di ammorbidire l’esoscheletro degli insetti, sono molto indeboliti e finiscono per morire, inoltre è un prodotto naturale e innocuo per la salute.

Una cosa positiva che ho trovato sulla farina fossile è che combatte i parassiti con cui molti altri insetticidi hanno problemi, come le lumache o i nematodi. Non solo agisce quasi immediatamente, ma spruzzandolo nell’area di coltivazione si ottiene un effetto preventivo e duraturo.

Mosca bianca

Un parassita del pomodoro molto temuto per la sua capacità di moltiplicarsi e la sua rapida fuga quando il pomodoro viene trattato con prodotti (ha la capacità di volare) è la mosca bianca.

Le prime larve mobili sono quelle che provocano i maggiori danni alla coltura poiché, come l’afide, assorbono la linfa delle foglie, provocando un indebolimento generalizzato della coltura e una spiccata clorosi.

Può anche produrre melassa che provoca l’ingresso di malattie, come il grassetto, svalutando il valore dei frutti e provocando macchie difficili da pulire.

Controllo con prodotti fitosanitari

controllo ecologico

Qualcosa che di solito viene fatto nell’agricoltura biologica intensiva è il seguente trattamento.

Ogni 3 o 4 giorni effettuare un’applicazione fogliare della seguente miscela

Efficace anche il sapone al potassio ad alte dosi (10-20 ml/L), ma bisogna essere costanti con i trattamenti perché non appena la mosca bianca prende il volo, il trattamento è difficile.

Eliotide ( Helicoverpa armigera)

Tra i parassiti del pomodoro troviamo un bruco verde noto come heliotis. Ha una lunghezza da 3 a 5 cm e ha una grande voracità nelle foglie di pomodoro.

Attacca le foglie riducendone le dimensioni e può attaccare i frutti in pieno sviluppo, che presentano un foro attraverso il quale entra il bruco.

Queste perforazioni sul frutto generano una fonte di ingresso per batteri e funghi.

Controllo con prodotti fitosanitari

controllo ecologico

  • Rileva i primi voli di eliotis adulta utilizzando trappole a feromoni.
  • Controllare attivamente le piante di pomodoro, eliminando i gambi e i frutti danneggiati.
  • Evitare l’eccesso di vigore a causa di un elevato apporto di azoto.

 Varietà Bacillus thuringiensis kurtaki:  dose di 250-500 g/ha per il controllo di bruchi, falene, ciambelle, ecc.

Foglia di pomodoro   ( Liriomyza spp .)

Il minatore di pomodori, come suggerisce il nome, crea gallerie sulle foglie che possono essere viste ad occhio nudo.

Lo stadio adulto del parassita del pomodoro ha una dimensione di circa 2 mm, è nero con macchie gialle e ha le ali.

I danni sul pomodoro si originano quando l’adulto introduce le uova sulle foglie. Le gallerie che si creano finiscono per diventare nel tempo necrotiche e causare un indebolimento generale del pomodoro.

Tra tutti i parassiti del pomodoro, il minatore fogliare è considerato di 2° grado, poiché la sua capacità di intaccarlo non è molto elevata e viene combattuto con i prodotti agrochimici o ecologici normalmente utilizzati.

Controllo con prodotti fitosanitari

Controllo biologico

Vespe parassitoidi di Diglyphus isaea e Dacnusa sibirica.

Tra i predatori  spiccano:

  • Macrolofo spp.
  • Dicifo spp.,
  • Nesidiocoris tenuis,
  • Nabis spp.,
  • Orio spp.,
  • Chisoperlla spp.

Falena del pomodoro ( Tuta Absoluta)

Le falene del pomodoro sono classificate come lepidotteri e hanno una grande capacità di aumentare la loro popolazione in breve tempo, deponendo più di 40-50 uova nel loro ciclo vitale.

Il danno che produce nella coltura del pomodoro compare quando le larve entrano all’interno delle foglie, dei germogli o dei frutti per nutrirsi, creando gallerie che finiscono per necrotizzare nel tempo.

Leggi tutto:  Identificazione e controllo della Tuta Absoluta

Controllo con prodotti fitosanitari

controllo ecologico

Tra i  parassitoidi delle uova si possono utilizzare alcune specie di vespe del genere  Trichogramma.

Tripidi ( Frankliniella occidentalis)

I tripidi sono insetti dal corpo allungato che sono lunghi circa 1-2 mm (si possono vedere ad occhio nudo), con un colore sui toni del marrone.

I tripidi attaccano il pomodoro succhiando il succo cellulare. La parte interessata ha una colorazione argentea molto caratteristica che si scurisce nel tempo.

Controllo con prodotti fitosanitari

controllo ecologico

  • Possono essere utilizzate  piretrine naturali, riconosciute come trattamento in agricoltura biologica.
  • Il sapone al potassio   può essere uno strumento efficace, con ripetizione del trattamento e pazienza.
  • Puoi scegliere di posizionare trappole adesive blu vicino alle piante di pomodoro.
  • Su superfici chiuse, come le serre, un’opzione interessante è installare una rete anti-tripide.
  • Questi suggerimenti possono essere applicati a diversi parassiti del pomodoro.

prodotti correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.