Suggerimenti

5 consigli per allestire un orto urbano sul tuo terrazzo

Il mondo degli orti urbani è in piena espansione. La consapevolezza ambientale si sta evolvendo e sempre più persone sono preoccupate di trovare le soluzioni più sostenibili possibili nel cibo.

Si cercano quindi nuovi modi di coltivare nel modo più organico possibile, installando un orto urbano sul proprio terrazzo, balcone o qualsiasi superficie esterna.

Per i più inesperti, qui diamo una serie di consigli affinché l’inizio in questo tipo di giardinaggio sia il più riuscito possibile.

1. Materiali necessari

La prima cosa che può scoraggiarci quando installiamo un giardino sul vostro terrazzo può essere la convinzione che sia necessario un investimento significativo. Da qui lo neghiamo con forza.

Sebbene siano opzioni che migliorano in termini di comfort, non abbiamo bisogno di costosi tavoli da coltivazione, sistemi di ventilazione, vassoi per la germinazione o qualcosa del genere. Per dirla in altro modo, è sempre stato possibile germinare negli yogurt.

Questi sono gli elementi di cui hai bisogno per entrare nel mondo degli orti urbani:

Contenitore o vassoio di germinazione:  qualsiasi elemento che possa immagazzinare un piccolo substrato, situato in un’area protetta e con una certa umidità ambientale. Esistono germinatori economici a base di cartone, oppure puoi gestire piccoli vasi o qualsiasi tipo di contenitore con un foro all’interno per consentire l’estrazione dell’umidità in eccesso.

Substrato:  quando si tratta di substrato, non dovremmo commettere il peccato di acquistare la prima cosa che ci viene in mente. In altre parole, quello che troviamo nei negozi che vendono tutto a cento (conosciuto da qualche anno come «i cinesi»). Questi substrati di solito contengono abbastanza sali che aumentano la conduttività e riducono la percentuale di germinazione. A sua volta, contiene anche resti non organici come pietre, rami, paglia, ecc.

Scegli un substrato di buona qualità, con alcuni nutrienti, che sia poroso (quelli in fibra di cocco ti aiuteranno enormemente) e offra un buon drenaggio.

Semi:  puoi acquistarli o conservarli da produzioni passate. Se è la prima volta, dovrai effettuare il checkout. Credimi, sono molto economici per il numero di semi che hanno e ti dureranno alcuni anni.

Acqua:  facile da ottenere. Non abbiamo bisogno di elaborare o trattare l’acqua del rubinetto, perché se possiamo berla, possono farlo anche le piante. Di solito hanno una conduttività che raramente supera 1 mS/cm, qualcosa che qualsiasi pianta può assorbire comodamente.

Fertilizzante:  le piante necessitano di un brodo completo di macronutrienti e micronutrienti che l’acqua o il substrato non possono offrire loro. In commercio puoi trovare formule complete a buon prezzo oppure puoi cercare formule inorganiche a costo zero (sostanza organica a base di compost vegetale con scarti di cucina).

2. Cerca la migliore posizione possibile

Un modo per classificare le diverse famiglie di piante è in base alle esigenze di luce. E anche se sembra sciocco, non tutti richiedono la stessa concentrazione. Ci sono piante da ombra (dove non richiedono il contatto diretto con la luce solare) e piante da luce.

Tutti gli ortaggi estivi che appartengono alla famiglia delle Solanacee ( Solanaceae) necessitano di grandi dosi di luce distribuita nell’arco della giornata. Tuttavia, il contatto diretto nelle ore centrali, con temperature elevate e ambiente secco, riduce l’impollinazione dei fiori e la loro futura impollinazione.

L’ideale: cercare un ambiente con molta luce ma con poche ore di luce solare diretta.

D’altra parte, ed è cosa che capita molto spesso nelle specie che necessitano di un’impollinazione entomofila (cioè da parte degli insetti), è che i fiori si aprono ma non fecondano mai.

Ambienti molto protetti o con scarso accesso agli insetti volanti (api, vespe e bombi) non consentono l’allegagione di fiori nelle specie di pomodoro o anguria, ad esempio.

In casi come questo, dobbiamo ricorrere all’impollinazione manuale fatta da noi stessi.

3. Rispettare il calendario di coltivazione

Il successo di una coltura dipende dal rispetto del calendario di ogni pianta. Questa è normalmente distribuita in base alla famiglia di appartenenza.

Ad esempio, pomodoro, peperone, patata, melanzana e altre piante simili richiedono temperature superiori a 18ºC per raggiungere il loro punto di sviluppo ottimale.

La famiglia delle crocifere (broccoli, cavolfiori e tutte le varianti) o le Compositae (lattuga), possono invece necessitare di temperature più basse per trovare il loro range ottimale.

Come al solito, in estate hai molte più opzioni per trovare ortaggi di ogni tipo da coltivare nel tuo orto urbano.

4. Controllare la quantità di acqua di irrigazione

Uno degli elementi che crea più fallimenti quando si coltiva in un orto urbano è l’eccesso di acqua. L’incoraggiamento a entrare in empatia con le piante che abbiamo visto germogliare da quando erano un seme e che un’eccessiva cura significa che vengono annaffiate con più quantità del necessario.

Pur trovandosi in un ambiente domestico, sono presenti funghi e batteri che sono presenti nel substrato, in attesa del loro momento ottimale (generalmente con picchi di umidità) per entrare nella pianta e ucciderla).

Meno è meglio e lo stress idrico dovuto alla mancanza di acqua è più favorevole della saturazione e del soffocamento delle radici.

Quando si nota un rammollimento delle foglie, cadute per mancanza di pressione osmotica, segno che siamo andati troppo oltre con l’approvvigionamento idrico. L’importante è mantenere un substrato leggermente umido. Lo noteremo subito toccando il supporto e tastando con la punta delle dita.

  • Quantità d’acqua ideale nei mesi primaverili e autunnali: 0,5-1 L/m2 al giorno
  • Quantità d’acqua ideale nei mesi estivi:  1,5-2 L/m2 al giorno

5. D’inverno c’è vita anche per i frutteti

C’è sempre la tendenza ad associare la gestione della coltivazione delle piante agli amanti dell’estate. Tuttavia, in inverno ci sono un gran numero di specie orticole che possono essere piantate e che ci daranno piccole gioie nella loro raccolta.

Per questo, vivere in una zona con inverni miti è l’ideale, poiché pochi impianti di produzione possono resistere a temperature inferiori a 0ºC. Infatti, quando scendono sotto i 10 ºC, molti smettono di crescere, non ottenendo risultati positivi.

Per questo molte volte si è ricorso alla realizzazione di giardini urbani in recinzioni di vetro sui terrazzi.

Questo elemento, che ha guadagnato popolarità per dare una seconda vita al terrazzo nei mesi estivi più freddi, è un alleato per la realizzazione di questo tipo di frutteto in inverno o nei primi mesi di primavera (quando è specie d’estate).

La recinzione di terrazze con vetro Lumon rende più facile avere un giardino urbano davanti al resto dei vicini, poiché si ha l’acclimatazione dell’ambiente. Una pianta di questo tipo, seminata a febbraio, potrà darci un raccolto abbondante nei primi mesi dell’estate poiché è cresciuta nelle prime fasi con luce, ambiente con umidità controllata e temperatura regolata.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.