Suggerimenti

Alcuni errori comuni quando si lavora il terreno del giardino

Ci sono errori che sono fatti molto frequentemente durante la coltivazione di ortaggi nel giardino biologico , soprattutto quando stiamo imparando e sperimentando come i compiti da svolgere si pone.

Alcuni errori sono recuperabili e non hanno gravi conseguenze per le colture, ma ce ne sono altri che possono causare danni sia immediati che a lungo termine e ostacoleranno lo sviluppo e la corretta crescita delle piante, e ci daranno anche più lavoro.

Gli errori più comuni quando si lavora il terreno del giardino

Per una resa migliore e per massimizzare il lavoro che svolgiamo in giardino, è consigliabile iniziare a concimare, scavando un po’ per mescolare il fertilizzante con il terreno e aerarlo. Ne approfitteremo anche per frantumare e sminuzzare le grosse zolle di terra, eliminare le piante annuali e spontanee e togliere i sassi. Quindi equalizzeremo la superficie con il rastrello.

Se andremo a piantare ortaggi a ciclo breve, è sufficiente scavare 20 o 30 cm di profondità, e per il resto degli ortaggi lo faremo fino a 50 cm di profondità.

Arieggiare il terreno aiuta il terreno a non essere così incrostato, è aerato e drenato e senza ristagni d’acqua e quindi le radici potranno svilupparsi meglio avendo una comoda aerazione e drenaggio.

Uno degli errori più tipici è quello di interrare le radici e le parti aeree delle piante che abbiamo coltivato prima o delle piante spontanee che sono cresciute. Le conseguenze di questa azione innocente possono portare a problemi di parassiti e malattie quando meno te lo aspetti. Il problema può sorgere perché i resti delle colture precedenti possono avere malattie, funghi e altri parassiti che lasceremo sul terreno e quando semineremo e avremo le giuste condizioni per svilupparsi lo faranno.

Tutti i detriti vegetali delle colture precedenti, così come “erbacce” o piante spontanee possono essere incorporati nel cumulo di compost .

Un altro aspetto importante che dobbiamo tenere in considerazione nella progettazione del giardino è quello di evitare l’accumulo di acqua (sia per pioggia che per irrigazione) negli stessi punti. Ecco perché è interessante creare un certo grado di inclinazione in modo che l’acqua abbia una via di fuga e le radici delle piante non marciscano.

È anche molto comune che, nella semina diretta , il seme venga seminato ad una profondità eccessiva. Ciò riduce al minimo le possibilità che i semi possano germogliare e germogliare perché non sono abbastanza forti da raggiungere la superficie. È sufficiente seminare il seme ad una distanza pari al suo diametro. Né dovremmo compattare eccessivamente la terra o esagerare con l’irrigazione. Richiede umidità costante, ma senza eccessi.

Un errore molto tipico è non applicare uno strato di pacciame o pacciame . È molto facile da applicare e ci fa risparmiare molta acqua e altre attività come eliminare piante non coltivate che possono crescere spontaneamente. Con il pacciame, l’umidità viene trattenuta nel terreno e previene danni alle radici, sia a causa del calore eccessivo che delle basse temperature.

E, naturalmente, assicurati di utilizzare correttamente gli strumenti di cui avrai bisogno per ogni attività in giardino.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *