Suggerimenti

Caratteristiche della coltivazione indoor o protetta

L’ agricoltura moderna oltrepassa i confini e non consiste più solo nell’avere un vasto campo aperto dove seminare, annaffiare e raccogliere dopo pochi mesi. Con il vertiginoso progresso della tecnologia, in meno di 10 anni ci sono stati abbastanza progressi per poter spingere al limite lo sviluppo di qualsiasi coltura, e non parliamo necessariamente di frutta e verdura.

Sotto questo concetto tecnologico si apre la gamma dell’agricoltura indoor o delle colture protette, per questo si parla di varcare i confini in termini di possibilità di poter coltivare in aree che, a causa del freddo o dell’umidità, era impensabile in grado di farlo.

Allo stesso tempo, con questo modo di coltivare, si amplia anche l’ambito del calendario colturale, potendo anticipare la semina e allungare il processo di raccolta.

Caratteristiche della coltivazione indoor

Quando si parla di agricoltura indoor o di agricoltura protetta, ci si riferisce al concetto di protezione dell’habitat in cui si sta sviluppando la coltura. La prima cosa che viene in mente è immaginare una serra, ma con il progresso tecnologico degli ultimi anni troviamo diverse opzioni, alcune molto interessanti.

La coltivazione della lattuga in armadietti leggeri suona un campanello? Questo concetto è stato adattato per l’industria alimentare e, in particolare, per i ristoranti pionieri e contemporanei che hanno deciso di puntare sul «self service» nel cibo.

Si compone di armadietti luminosi con coltivazione idroponica di diverse varietà di lattuga, dove puoi scegliere quelle che più ti piacciono e lo chef le raccoglie e le prepara al momento giusto.

La coltivazione indoor offre diversi vantaggi (e anche svantaggi) rispetto all’agricoltura convenzionale (quella del suolo, propriamente detta). Questi sono alcuni di loro.

Vantaggi dell’agricoltura indoor

  • Controllo assoluto di luce, temperatura e umidità della coltura.
  • Ridurre la proliferazione di parassiti e malattie.
  • Raccolta al momento giusto.
  • Gestione del raccolto più confortevole.
  • Aumento della produzione e della qualità del raccolto.

Tuttavia, questo tipo di sistema produttivo presenta anche degli svantaggi rispetto a quello tradizionale.

Svantaggi dell’agricoltura indoor

  • Aumento dei costi per macchinari e mobili.
  • In generale, aumento del consumo di energia elettrica.
  • Notevole riduzione della superficie.

Nella maggior parte dei casi, l’aumento dei costi dell’energia elettrica e dell’adeguamento delle infrastrutture viene ammortizzato in breve tempo dall’aumento della produzione.

A livello di spazio, è molto più limitato, quindi è lasciato per colture premium o di alto valore, come quello che accade con il mercato della produzione di semi di cannabis.

Fattori da tenere in considerazione nella coltivazione indoor

In questo sistema, che non deve necessariamente essere realizzato sfruttando la luce solare, è necessario un controllo approfondito di tutte le condizioni atmosferiche. Non si tratta nello specifico di riprodurre tutte le condizioni che l’outdoor ci offre, ma solo di replicare quelle favorevoli.

Pertanto, controllando luce, umidità e concentrazione di CO2, possiamo aumentare la produzione al massimo dell’espressione genetica della pianta.

controllo della luce

La luce interferisce in modo significativo con lo sviluppo della pianta e non sempre in modo positivo. La sua assenza fa allungare la pianta, con una crescita verticale molto brusca che riduce lo spessore del fusto e la ramificazione laterale.

Un eccesso, invece, favorisce la fioritura e riduce la crescita verticale, provocando una maggiore ramificazione laterale.

Il punto ottimale è la compensazione o l’equilibrio dello sviluppo delle piante. Per la coltivazione indoor, una pianta molto alta non è interessante, poiché l’handicap principale è lo spazio.

Un’intensità di 9.000-10.000 lux al picco di luce è una situazione ideale per quasi la maggior parte delle colture.

monitoraggio dell’anidride carbonica

Con il controllo dell’anidride carbonica (CO2) viene forzata una maggiore frequenza respiratoria della pianta, ottenendo un maggiore sviluppo e, quindi, una maggiore produzione. Come la luce, anche un eccesso ha conseguenze negative per le colture, quindi il punto ideale è anche qualcosa da controllare nel sistema di coltivazione indoor.

Esistono sistemi di riscaldamento ed emettitori di CO2 (come quelli del sito Andino Tech) che raggiungono un equilibrio tra temperatura e accumulo di anidride carbonica.

Si considera un punto di concentrazione ottimale di 800-900 ppm, sebbene dipenda in modo significativo dall’intensità della luce, quindi ci sono tabelle per diverse colture e situazioni per evitare di superare il punto di saturazione.

Ad esempio, nel pomodoro, il punto di saturazione con intensità luminosa superiore a 750 w è 550 ppm.

Irrigazione e automazione

Il controllo dell’irrigazione e dell’umidità è essenziale per le colture idroponiche con substrati organici o artificiali (perlite, vermiculite, fibra di cocco). Per l’acquaponica, dove la soluzione di fertilizzante è sempre a contatto con la radice nuda della pianta, il pH, la conducibilità e la concentrazione dei nutrienti devono essere attentamente controllati per evitare tossicità salina o bruciare le radici.

Temperatura

Il controllo della temperatura è essenziale nella coltivazione indoor. È una delle variabili che possiamo controllare più facilmente e che ha il maggiore impatto sullo sviluppo della coltura. Tutte le piante hanno un loro limite di temperatura particolare per le diverse fasi fisiologiche, e il momento più critico è quello dell’impollinazione e della fecondazione dei fiori.

Poter controllare ogni periodo con il suo range ottimale di temperatura (e umidità) favorisce notevolmente il corretto sviluppo di qualsiasi pianta.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.