Suggerimenti

Come coltivare peperoncino o peperoncino or

Peperoncino Habanero (il più piccante), chile serrano , peperoncino jalapeno , chile cayenne … peperoncini con nomi diversi a seconda delle diverse aree geografiche e possono essere chiamati peperoncino, peperoncino piccante, peperoncino, paprika, peperoncino, ecc. Il peperoncino può essere coltivato direttamente nel terreno o anche in vaso o contenitore, essendo un’ottima opzione di coltivazione per orti urbani o terrazzi.

Il peperoncino, un baccello cavo con all’interno dei semi, era già consumato in America più di 9.000 anni fa e tutte le varietà appartengono alla famiglia delle Solanacee.

I peperoncini sono molto usati nella gastronomia asiatica, africana o latinoamericana. Possono essere utilizzati in salse, purè di patate, insalate, arrosti, fritture, stufati, ecc. Addirittura, grazie alle proprietà dei peperoncini , possono essere utilizzati per realizzare un olio ad azione analgesica per alleviare il dolore .

Vediamo di quali cure e requisiti hanno bisogno i peperoncini, sia che li pianti in vaso o direttamente nel terreno.

Come coltivare peperoncino o peperoncino

Semina

Inizia a preparare le piantine di peperoncino alla fine dell’inverno. Bisogna posizionare i semenzai in un luogo protetto dal gelo e dalle basse temperature. Seminare i semi ad una profondità non superiore al doppio del loro spessore, facilitando così la germinazione dei semi. Per preparare i semenzai o le piantine si possono utilizzare una parte di sabbia, due di lombrico e due di terra, in quest’ordine dallo strato più profondo al più superficiale. Innaffia i semenzai ogni tre giorni evitando le pozzanghere. Inizierai a vedere i germogli 15-20 giorni dopo la semina. I semi devono avere una temperatura di circa 20/23 ºC per germinare. Scegli sempre semi biologici.

Trapianto

Una volta che le piantine misurano tra i 10 ei 15 cm e non c’è più alcun pericolo di gelo, possiamo trapiantarle nel loro luogo finale. Possiamo coltivare il peperoncino in vaso o anche direttamente nel terreno.

Cornice per piantare

Lasciare circa 50 cm tra pianta e pianta. I peperoncini di solito crescono fino a un metro di altezza.

substrato

I peperoncini necessitano di un substrato con una buona capacità drenante perché non tollerano molto bene l’umidità in eccesso. Il substrato deve essere ricco di sostanza organica, potendo in questo caso utilizzare compost o humus di lombrico, che andrà applicato principalmente dopo la prima fioritura del peperoncino. Se avete intenzione di piantare peperoncino in vaso , dovrebbero avere una profondità minima di 40 cm per permettere il corretto sviluppo delle radici.

Tempo metereologico

Troppo caldo o freddo non sono una buona compagnia per i peperoncini. Questa pianta non sopporta bene le temperature estreme e lo possiamo notare perché non fiorisce, perché i frutti non si sviluppano bene o non compaiono mai direttamente. Trova un luogo in cui i peperoncini possano essere a una temperatura compresa tra i 18 ei 28 ºC poiché sono piante adattate ai climi caldi.

Leggero

I peperoncini richiedono luce, anche se durante le estati molto calde possono subire danni dal troppo sole. Se li metti in una zona con mezz’ombra durante le ore più calde della giornata saranno più che felici.

Irrigazione

Questa pianta non tollera molto bene i terreni con elevata umidità. L’irrigazione dovrebbe essere poco frequente e in quantità moderate. Ovviamente, quando le temperature sono più alte ei venti sono più secchi, le annaffiature verranno aumentate per evitare che la pianta vada in stress idrico e influisca sullo sviluppo dei frutti. .

Imbottito

È una pratica altamente raccomandata. Permette di mantenere una temperatura costante della terra e un certo grado di umidità, quindi ci aiuta a fare un uso migliore dell’acqua di irrigazione.

parassiti

La comparsa di afidi , mosche bianche e talvolta anche vermi può essere comune nei peperoncini . Tutti possono essere prevenuti e trattati con metodi ecologici, vedi qui .

Tutorato

A seconda dell’altezza e dello stelo della pianta di peperoncino che stai coltivando, probabilmente avrai bisogno di un tutor o di una guida per mantenere la pianta e favorirne la crescita. È soprattutto per mettere un tutore sui peperoni se ci sono venti, poiché questi possono causare scompiglio alle piante. Guarda i tipi di tutorato .

Raccolto

Dipende dalla varietà di peperoncino che pianti e dalle condizioni di crescita che hai avuto, ma in generale, i peperoncini possono iniziare a essere raccolti in un periodo di circa 70-80 giorni dopo la semina. Tagliatelo con cura dal peduncolo. I peperoncini sono prima verdi e poi assumono un colore rosso, giallo o arancione. A proposito, tieni presente che nel caso dei peperoncini piccanti, più sono piccanti più maturano. Lavati bene le mani dopo aver maneggiato i peperoncini, perché se ti tocchi gli occhi o la bocca può causare prurito.

Se vuoi essiccare i peperoncini, devi solo raccoglierli e legarli in fili. Li lasciamo in un luogo buio e asciutto per diverse settimane per favorire la loro asciugatura e li avrete pronti per essere utilizzati nelle vostre ricette preferite. Un’altra opzione è quella di estrarre l’intera pianta una volta terminato il suo ciclo e appenderla ad asciugare con i peperoncini.

Inoltre da questi peperoncini che abbiamo essiccato possiamo ricavare i semi che risparmieremo per seminare nelle stagioni successive e per scambiare con altri giardinieri.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *