Suggerimenti

Come fare il compost fatto in casa

I fertilizzanti organici sono un ottimo modo per mantenere la salute del nostro giardino, frutteto o vaso in uno stato ottimale, prendendosi cura dell’ambiente. Il più diffuso di tutti è il compost, soprattutto a livello di appassionati di giardinaggio e orticoltura. I principali vantaggi del compost sono che è facile da realizzare e che può essere ottenuto riutilizzando i rifiuti organici domestici. Ma cosa occorre per fare il compost fatto in casa e come si fa?

Se vuoi imparare passo dopo passo come preparare il compost fatto in casa e tutti i dettagli per realizzarlo con successo, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde in cui vedrai una guida pratica per fare il compost fatto in casa.

Cos’è il compost: definizione e vantaggi

Il compost è un prodotto ottenuto dal processo di compostaggio, che consiste nell’ossidazione controllata di diversi materiali organici. Ecco alcuni dei vantaggi del compostaggio:

  • Ha l’aspetto di terra scura e non produce odori intensi.
  • È totalmente privo di elementi patogeni.
  • Il compost è un ottimo fertilizzante organico, che arricchisce il terreno con una moltitudine di nutrienti vegetali senza contaminarlo con sostanze chimiche artificiali.
  • Non è pericoloso per l’ambiente.
  • È facile da produrre in casa.
  • La produzione di compost domestico ci aiuta a riciclare buona parte dei nostri rifiuti organici.
  • Il compost migliora anche le proprietà di ritenzione idrica del suolo, aiutando i terreni più aridi a non aver bisogno di tanta irrigazione.

Ora che sai cos’è il compostaggio e i suoi vantaggi o benefici, ti spiegheremo come fare il compost biologico fatto in casa con una guida passo passo e maggiori dettagli sui materiali adatti e su quelli che non è consigliabile utilizzare.

Come fare il compost in casa: rifiuti organici che puoi utilizzare

Quando consideri come fare il compost in casa, è molto importante sapere quali rifiuti puoi o non puoi utilizzare nella sua preparazione. Ecco un elenco dei rifiuti organici che è possibile utilizzare, classificati per tempi di decomposizione, nonché un’indicazione di quelli che non devono essere utilizzati:

Rifiuti a rapida decomposizione

  • erba verde
  • Letame
  • Foglie verdi
  • Detriti di potatura del prato

Rifiuti a lenta decomposizione

  • Fiori secchi o piante in vaso
  • Detriti di potatura della siepe
  • Piante secche
  • paglia o fieno
  • Bucce e scarti di frutta e verdura

Rifiuti a decomposizione molto lenta

  • Trucioli di legno
  • Resti di potatura o disboscamento di rami o siepi legnose
  • gusci di frutta secca
  • gusci d’uovo
  • noccioli di frutta
  • fiori

Rifiuti che dovrebbero essere usati poco

  • ceneri di legno
  • Cartoni o derivati ​​della carta

Rifiuti che NON dovresti usare

  • ceneri di carbone
  • Riviste o stampe a colori
  • Olio
  • filtri per sigari
  • carne di qualsiasi tipo

Logicamente l’elenco dei materiali che non possono essere utilizzati è molto più ampio, ma quelli citati sono alcuni di quelli che generalmente causano più errori nel compostaggio. In linea di principio, tutto il materiale biodegradabile può essere trasformato in compost con un tempo sufficiente, ma l’uso di alcuni di questi materiali può significare che, anche se sono biodegradabili, attirano parassiti indesiderati o provocano cattivi odori.

Come fare il compost fatto in casa passo dopo passo

Ora che conosci le basi, possiamo passare alla cosa importante: come fare il compost fatto in casa passo dopo passo? Segui queste istruzioni per ottenerlo:

Materiale per fare il compost in casa

La prima cosa che devi considerare è dove creerai il compost. Se vivi in ​​una casa con un grande cortile, puoi compostare in una semplice pila a terra. È semplice e comodo, anche se, logicamente, non può essere fatto da nessuna parte. In caso contrario, la prima cosa di cui avrai bisogno è una compostiera o un bidone del compost. È facile trovarli per l’acquisto, anche se crearne uno è anche molto semplice. Puoi farlo con vecchi pallet o con assi da solo. L’importante è che abbia drenaggio e permetta la libera circolazione dell’aria in gran parte della sua struttura, non solo sopra. In sintesi, avrai bisogno di:

  • 1 bidone del compost o un pezzo di terra.
  • 1 forbice da potatura o tenaglia per sminuzzare gli avanzi.
  • 1 rastrello per rimuovere il compost.
  • Rifiuti organici che produci regolarmente in casa.

Passaggi per fare il compost fatto in casa

  1. Prepara e individua la compostiera o l’area in cui inizierai il cumulo di compostaggio.
  2. Separa i tuoi rifiuti organici. Devi separarli tra rifiuti umidi e rifiuti secchi. I primi sono resti di frutta o verdura, resti verdi di potatura o disboscamento, ecc. I secondi sono materiali privi di umidità, come rami secchi o foglie.
  3. Forma una base o un letto con i materiali più legnosi disponibili: pigne, rami o potatura di cespugli duri. Ciò faciliterà l’aerazione del compost, che è vitale per una corretta produzione di compost.
  4. Aggiungi un primo strato di rifiuti secchi che hai, sempre schiacciato con le forbici. Da qui, devi alternare gli strati di rifiuti umidi e secchi per rendere veloce il compost fatto in casa, o almeno per produrlo il più rapidamente possibile. Inoltre c’è chi consiglia che i residui umidi siano circa il doppio di quelli secchi. Questo non sarà un problema, perché una famiglia di solito ne produce molti di più sotto forma di cibo e rifiuti di cortile, come bucce di verdure o fondi di caffè.
  5. Innaffia un po’ i rifiuti organici, sempre senza allagarli, in modo che l’umidità penetri nei diversi punti del contenitore. Sarà necessario annaffiare e girare di tanto in tanto il compost.
  6. Se compaiono cattivi odori, potrebbe essere perché hai aggiunto rifiuti non validi o perché stai mantenendo un livello eccessivo di umidità nella compostiera. In tal caso, aggiungere il residuo secco e mescolare. Non preoccuparti perché, se tutto va bene, il cumulo di compost non produrrà cattivi odori né attirerà parassiti. Al massimo alcuni moscerini della frutta che non si allontaneranno dal mucchio e aiuteranno effettivamente il processo.

E quanto tempo ci vuole per fare un compost fatto in casa? Ebbene, dipende dalle condizioni climatiche e dai rifiuti utilizzati, ma inizialmente è un processo lento. La prima volta ci vorranno circa 9 mesi per poter avere il tuo compost, ma in seguito potrai ottenerlo ogni 2 o 3 mesi. La cosa buona è che una volta che inizierai e avrai il primo compost, se continui a riempirlo e controlli un po’ il processo, avrai sempre a disposizione il compost fatto in casa.

Sai già bene come fare il compost in casa e, quindi, ora ti consigliamo di scoprire anche il compost Bokashi o bocashi: cos’è e come farlo.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come fare il compost fatto in casa, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.