Suggerimenti

Come piantare i pomodori

Il pomodoro, con il nome scientifico Solanum lycopersicum, è una pianta solanacea che si coltiva negli orti e nei vasi e si consuma sia fresco che cotto per un’infinità di piatti, salse e altre preparazioni. Il frutto di questa pianta è così ampiamente consumato in tutto il mondo che viene coltivato quasi ovunque, ed è in realtà abbastanza facile da coltivare, se conosci alcuni suggerimenti. Per iniziare ad avere pomodori in giardino, la prima cosa è seminarli o piantarli. Quindi, se anche tu non riesci a immaginare un giardino completo senza alcune piante di pomodoro, continua a leggere in questo articolo di EcologíaVerde, in cui ti insegniamo come piantare i pomodori passo dopo passo.

Quando piantare i pomodori

I pomodori dovrebbero essere seminati dopo che sono passate le ultime gelate, da inizio a metà primavera. Logicamente, i mesi specifici dipendono molto dal clima specifico di ciascuna area, quindi la cosa più importante è assicurarsi che non avremo temperature inferiori a zero gradi.

Inoltre, nonostante sia possibile seminare la pianta di pomodoro direttamente nel terreno, andiamo a spiegarvi come seminarla prima in semenzaio, potendo così seminare tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera. In questo modo possiamo anticipare l’intero processo tra le 4 e le 6 settimane, permettendoci di gustare i nostri pomodori freschi molto prima. Inoltre, se stai pensando di piantare pomodori dalla pianta che è già in qualche modo sviluppata perché hai una piantina di pomodoro, questo intervallo di mesi è anche il più ottimale per questo.

Come piantare i pomodori passo dopo passo

Spiegheremo prima come coltivare i pomodori e poi il modo migliore per piantarli. Nel caso in cui non possiedi semi e scegli di acquistare una piccola pianta di pomodoro, vai direttamente alla sezione sulla semina dei pomodori passo dopo passo, poiché è il processo per posizionare le piantine di pomodoro nel posto definitivo.

Piantare i pomodori in un semenzaio passo dopo passo

  1. Prepara il semenzaio: puoi utilizzare qualsiasi contenitore, dai semenzai specializzati in plastica ai cassetti in polistirolo. In ogni caso è importante praticare dei piccoli fori di drenaggio sul fondo se il contenitore non li ha.
  2. Preparare il composto di semenzaio: l’ideale è preparare un composto con una parte di torba, un’altra parte di fibra di cocco e un’altra parte di humus di lombrico, a cui poi aggiungeremo un po’ di vermiculite e perlite. Con questa ricca miscela, non avrai problemi a far germogliare i tuoi pomodori.
  3. Scegli i semi di pomodoro: scegli una varietà di pomodoro adatta al tuo clima. In questo altro articolo puoi conoscere +30 tipi di pomodori.
  4. Piantare i pomodori: Stendere i semi in una piccola fila o in un buco fatto con il dito, non più di 1 cm di profondità. Innaffia abbondantemente il composto dopo aver seminato i pomodori, e mantieni il substrato sempre umido fino alla germinazione dei semi, che durerà circa 10-15 giorni. È importante mantenere il letto di semina in un luogo caldo e ben illuminato.

Dopo 4-6 settimane, le tue piante di pomodoro dovrebbero essere pronte per il trapianto nella loro posizione all’aperto.

Piantare i pomodori passo dopo passo

  1. Fai un buco poco profondo, leggermente più grande della dimensione della zolla, e copri il fondo con uno strato di humus di lombrico o qualche altro fertilizzante organico.
  2. Quindi seppellire la pianta di pomodoro, lasciando parte del gambo sotto il livello del suolo.
  3. Rispettare una distanza compresa tra 40 e 50 centimetri tra le diverse piante.
  4. Dopo il trapianto, innaffia le piante di pomodoro. È importante che, durante l’irrigazione, si cerchi di bagnare il terreno e non la pianta, per evitare l’umidità in eccesso.
  5. Il pomodoro si associa molto bene alle cipolle e ad alcuni aromi come il basilico, quindi, se li avete, piantateli accanto alle vostre piante di pomodoro.

Pomodori – cure di base

Ora che abbiamo visto come seminare e piantare i pomodori, è importante conoscere i fattori essenziali per sapere come prendersi cura dei pomodori in modo corretto, in modo che le nostre piante di pomodoro si sviluppino senza problemi e possiamo ottenere questi deliziosi frutti.

terreno o substrato

Il pomodoro è una pianta alquanto esigente in termini di nutrienti del suolo, quindi, come spiegato sopra, è necessario arricchire il substrato o il terreno con abbondante sostanza organica. Inoltre, il terreno dovrebbe offrire un buon drenaggio, quindi terreni molto argillosi che si impregnano facilmente d’acqua non sono adatti per le piante di pomodoro.

Irrigazione dei pomodori

La cosa più importante con l’irrigazione è che sia regolare. Un’irrigazione troppo distanziata e abbondante non andrà bene per le piante di pomodoro, che soffrono molto l’eccesso di umidità, anche se puntuali. È meglio annaffiare spesso e meno. Una volta che il frutto è maturo, puoi ridurre un po’ i rischi in modo che il suo sapore sia concentrato.

Imbottito

Molti consigliano di pacciamare questo raccolto, anche se dovrebbe essere fatto bene in primavera per dare al terreno il tempo di riscaldarsi. Vi consigliamo questo altro post su Come realizzare un’imbottitura per piante o pacciamatura.

istruito

Le piante di pomodoro apprezzeranno l’avere delle canne o dei fili che fungono da traliccio, per sostenersi e mantenere i loro frutti sollevati da terra. Inchioda un bastoncino o un bastoncino a ciascuna pianta per sostenerla.

Potare le piante di pomodoro

Alcune varietà di pomodoro richiedono la potatura circa due settimane dopo il trapianto all’aperto. Consiste nella rimozione dei germogli ascellari, sebbene non sia necessario applicarlo a tutte le varietà.

Scopri di più sulla coltivazione dei pomodori con quest’altra guida pratica su Come coltivare pomodori biologici.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come piantare i pomodori, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.