Suggerimenti

Come Piantare il Timo in 12 Passaggi [Guida + Immagini]

Punti importanti per piantare il timo:
  • Quando? Tarda primavera.
  • Dove? In luogo ben illuminato, con sole diretto. La temperatura deve essere compresa tra 15 e 30 ºC.
  • Tempo di raccolta? Dalla tarda primavera all’inizio dell’autunno.
  • Come prepariamo il terreno? Il pH ottimale varia tra 7,0 e 7,5. Ha bisogno di terreni asciutti e alcalini.
  • Quanto spesso annaffiamo? È una pianta che non necessita di molte annaffiature.
  • Come seminiamo? Il metodo di semina è a spaglio, il che significa che i semi vengono distribuiti regolarmente in tutto il terreno.
  • Quando raccogliamo? Durante la stagione di fioritura della pianta.
  • Che buone associazioni ha? Qualsiasi altra pianta, anche se è molto favorevole ai cavoli poiché la protegge dal verme del cavolo.
  • Malattie e parassiti? Viaggi, oidio e muffa.

Il timo, Thymus vulgaris , è originario del Mediterraneo e appartiene alla famiglia delle Labiadas, proprio come il rosmarino , il basilico o la menta . È un arbusto aromatico perenne che può raggiungere i 40 cm di altezza.

È un  erbe aromatiche  ed erbe officinali molto facili da coltivare , oltre a fornire grandi vantaggi.

Di cosa abbiamo bisogno per piantare il timo?

Quando dovrebbe essere seminato? Gli appuntamenti

È raccomandato  la sua coltivazione in primavera . Il timo può essere seminato da febbraio nelle zone calde, e da aprile nelle regioni più fredde.

Dove? Temperatura e luminosità

Resiste bene alle gelate e alla siccità, ma non all’eccessiva umidità.

La temperatura ottimale di coltivazione è compresa tra 15 e 30 ºC. Tuttavia, sopporta molto bene il gelo, fino a -10ºC.

È favorevole alla loro crescita localizzarli in  un luogo ben illuminato, con sole diretto . Tuttavia, tollerano bene l’ombra durante il giorno, purché non sia assoluta. Preferiscono l’illuminazione di mezzogiorno.

Ogni quanto e come va annaffiato?

È una pianta che non necessita di molte annaffiature. Infatti è preferibile che i rischi siano scarsi piuttosto che si eccedono con l’acqua. L’eccesso di umidità favorisce la crescita di funghi dannosi per la pianta.

Come prepariamo il terreno?

Il timo necessita di terreni asciutti e alcalini, con un buon drenaggio poiché non tollera le pozzanghere.

Si adatta bene a suoli ricchi di alluvioni e calcarei, ma anche a suoli argillosi, leggeri e silicei.

 Il pH ottimale varia tra 7,0 e 7,5. 

Quali sono le associazioni più favorevoli per coltivare il timo?

La sua vicinanza ad altre piante aiuterà a tenere lontani insetti e parassiti.

Soprattutto, favorisce i cavoli, poiché li protegge dal verme del cavolo.

Come seminare il timo passo dopo passo

1. Pulisci il terreno

 Rimuove erbacce e detriti dalle colture precedenti  e tutti i tipi di residui per garantire che il tuo timo riceva la giusta quantità di sostanze nutritive.

Tutte le piante devono essere estratte dalle radici per evitare che ricrescano.

2. Preparare il terreno

Inumidisci il terreno prima della semina. Ciò impedirà ai semi di muoversi facilmente

Fertilizzare il terreno. Stendere uno strato di materia organica sul terreno. Si consiglia il letame ben passato.

3. Metti i semi nel terreno

 Il metodo di semina è broadcast , vale a dire che i semi sono sparsi regolarmente in tutto il terreno.

Crea solchi sul terreno, lasciando mezzo metro di distanza tra ogni fila. Quindi distribuire uniformemente i semi sul terreno e coprirli leggermente di terra.

Interrateli a 1,5 cm di profondità e copriteli leggermente.

4. Innaffia il terreno regolarmente

Si consiglia di annaffiare quando si vede che gli strati superiori della terra si sono asciugati.

5. Seleziona le piantine più sane e più forti

 I semi germineranno dopo quattro settimane . Se più di un seme è germogliato in ogni buca, mantieni il più forte. Per fare questo, non tirare i deboli, poiché puoi danneggiare le foglie. È sufficiente una semplice potatura a livello del suolo.

Preferibilmente, fallo quando la pianta è alta circa 15 cm. In questo modo garantisci l’integrità di ogni pianta.

Una volta che sono alte 12 pollici, le piante saranno forti e autosufficienti e cresceranno più velocemente.

6. Proteggi la tua pianta e dagli una buona manutenzione

Controlla regolarmente le tue piante; questo per impedire loro di contrarre parassiti e altre malattie . Se lo desideri, puoi applicare uno spray fungicida per contrastare la muffa.

Puoi anche posizionare una rete metallica per proteggere le piante mentre crescono.

Sebbene non sia essenziale, puoi nutrire il tuo timo con un compost organico come i getti di lombrico per assicurarti che abbia i nutrienti necessari.

Come raccogliere il timo?

Sarai in grado di raccogliere foglie fresche, durante il periodo di fioritura della pianta, questo è da  tarda primavera all’inizio dell’autunno .

Taglia i rami, lasciando qualche centimetro per consentire una nuova fioritura. Si consiglia di raccogliere in giornate asciutte, con pochissima umidità nell’ambiente.

Non raccogliere mai più di 1/3 delle foglie contemporaneamente.

Parassiti e malattie del timo

Il timo di solito non è vittima di insetti o parassiti. Tuttavia, quando viene annaffiato male, c’è il rischio che appaiano le lumache.

Altri parassiti che possono essere colpiti sono:

viaggi

Per combattere i tripidi , si consiglia un’applicazione combinata di estratto di neem e sapone di potassio.

Mosca bianca

Si raccomanda di spruzzare inferiore delle foglie con sapone di potassio al 1% con acqua distillata o pioggia.

oidio

È meglio installare un sistema di irrigazione a goccia e applicare l’ equiseto per la prevenzione.

Funziona anche per eliminare erbacce e detriti colturali, nonché per favorire la ventilazione del raccolto.

Muffa

Per combatterla si consiglia di eliminare erbacce e residui colturali.

Allo stesso modo, dovrebbe essere evitata l’umidità in eccesso, ventilando la coltura.

Si può anche applicare l’ estratto di equiseto o lo zolfo spruzzato.


[limite crp = ”5 ″ intestazione =” 1 ″]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.