Suggerimenti

Come realizzare un giardino ecologico

Realizzare un giardino ecologico richiede un approccio molto diverso rispetto alla realizzazione di un giardino convenzionale. L’approccio eco-friendly è l’unica, ma essenziale, differenza che alla fine segna il risultato in aspetti come la distribuzione degli spazi, l’uso di materiale riciclato, l’irrigazione con acqua piovana, l’uso di sementi biologiche o, ad esempio, la promozione di biodiversità autoctona.

Ma da dove cominciare? Una volta scelte le piante, siano esse sementi biologiche, talee prelevate dalla natura o piante biologiche certificate, progetteremo lo spazio in modo intelligente, cercando di coniugare le loro esigenze con un uso efficiente dell’irrigazione e, volendo, anche con l’effetto ornamentale.. Continua a leggere questo articolo di Green Ecology se vuoi sapere come realizzare un giardino ecologico.

Semina e concima

L’idea è quella di raccogliere le piante che necessitano di poche annaffiature, che inizialmente sarebbero le più consigliate, da raggruppare nelle zone soleggiate, e lasciare gli spazi più ombreggiati per quelle che necessitano di annaffiature più intense. In questo modo eviteremo sprechi d’acqua e aiuteremo le piante con maggior bisogno di acqua a sopravvivere all’estate.

Inoltre è importante scartare le piante stagionali per non doverle cambiare e, se possibile, sceglieremo le specie autoctone o, meglio ancora, quelle anch’esse in via di estinzione.

La scelta dei semi per il nostro giardino

Scegliere sementi biologiche, invece, garantisce che non abbiano subito modificazioni o alterazioni genetiche dovute a fertilizzanti, pesticidi o altri trattamenti artificiali.

Ogni pianta ha un tempo di semina consigliato, ma in generale dobbiamo tenere presente che risparmieremo più acqua facendolo in autunno, perché così avranno il tempo di crescere fino alla primavera e all’estate successive, quindi non avremo annaffiare così tanto per farli crescere.

tipo di suolo

Il tipo di terreno influenza anche una maggiore o minore frequenza di irrigazione, oltre alla necessità di fertilizzanti. È fondamentale conoscere le caratteristiche del terreno per scoprire se ha un buon drenaggio e che tipo di compost dobbiamo creare in casa per compensare la mancanza di sostanza organica.

In caso di acquisto del terreno, scegliamo quello ecologico. Alcuni hanno humus di vermi e drenano l’acqua in modo ideale, e i vasi migliori sono fatti di argilla naturale o, perché no, ricicliamo vecchi mobili o oggetti o bancali per realizzare vasi o fioriere originali.

Innaffia e respingi i parassiti

L’impianto di irrigazione a goccia è adatto ai terreni sabbiosi e, invece, se è argilloso, le irrigazioni saranno frequenti e in piccole quantità. Parimenti, la raccolta dell’acqua piovana in appositi fusti sarà una soluzione molto interessante per la salute delle piante e per il risparmio idrico.

Combattere i parassiti senza usare prodotti chimici può sembrare impossibile. Tuttavia, ci sono alternative verdi che le combattono in modo ingegnoso. Sebbene ci siano prodotti biologici sul mercato, i trucchi fatti in casa danno buoni risultati.

Schiacciare gusci d’uovo o cenere e cospargerli per terra, fare pesticidi naturali mescolando aceto, cipolla, aglio in proporzioni diverse o coprire circostanzialmente una pianta con un telo fine (tipo a griglia, come quelli usati per proteggere i frutti), sono alcuni accorgimenti quel lavoro.

Se la situazione va fuori controllo, cerchiamo prodotti biologici che siano sicuri se applicati alle piante commestibili. D’altra parte, come prevenzione, è efficace anche la scelta strategica di alcuni tipi di piante che allontanano l’uno o l’altro tipo di insetto.

attrarre la biodiversità

Esatto, combattere i parassiti creando un determinato ecosistema, da un lato ci permetterà di sfruttare la funzione predatoria degli insetti che vengono e raggiungere così un equilibrio generale, mentre dall’altro attireremo la fauna selvatica.

Proprio come promuoviamo le piante autoctone, attirare la fauna selvatica nel nostro giardino è la loro cosa. No, non mi riferisco a lupi o cinghiali, ma a scoiattoli, insetti impollinatori, scarafaggi, piccoli rettili, anfibi, libellule, uccelli, ecc.

I grossi sassi accatastati, gli stagni naturali sono nascondigli che apprezzeranno anfibi e piccoli animali. E, naturalmente, se vogliamo aiutare le nostre amiche, le api, nel nostro giardino troveranno fiori senza pesticidi dove potranno succhiare felicemente. In generale, possono essere attratti da qualsiasi fiore, proprio come le farfalle, ma possiamo anche sceglierne alcuni che gli piacciono particolarmente.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come realizzare un giardino ecologico, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.