Suggerimenti

Come si svolge la riproduzione vegetale?

Sapere come avviene la riproduzione delle piante è stato importante fin dagli albori della biologia e della botanica.

Questa caratteristica è tipica di tutti gli esseri viventi ed è ciò che permette alle specie di continuare il loro sviluppo sulla terra.

Ma non tutte le piante si riproducono allo stesso modo e per definire le caratteristiche di questo processo abbiamo preparato questo articolo.

Ti unisci a noi ?

 

Come si riproducono le piante?

Le piante si riproducono in due modi: sessuale e asessuata.

Nella riproduzione sessuata intervengono gli organi riproduttivi delle piante che si trovano all’interno dei fiori .

Questi, attraverso il processo di impollinazione, riescono ad unire i loro grani pollinici e determinano lo sviluppo di semi e frutti.

Quando i semi trovano un’area fertile su cui atterrare, nasce una nuova pianta.

Nel caso della riproduzione asessuata, ciò che accade è che le piante raggiungono il loro sviluppo con i propri mezzi, senza impollinazione.

.
 

Riproduzione asessuata delle piante Riproduzione sessuale delle piante
È coinvolta una sola pianta madre. Coinvolti sia i padri che le madri.
Si verifica nelle piante unisessuali. Si verifica nelle piante bisessuali.
Si verifica ai piani bassi. Si verifica su piante alte.
Gli organi riproduttivi non sono presenti. Le parti riproduttive sviluppate sono completamente presenti
Nella maggior parte dei metodi il genitore originale scompare. I genitori originali rimangono in vita dopo il processo di allevamento.
Non si vedono processi come la formazione dei gameti o la fecondazione. La fecondazione dei gameti dà origine allo zigote.
Le caratteristiche di un solo genitore sono ereditate. Le caratteristiche di entrambi i genitori sono ereditate.
Non c’è bisogno di semi. I semi vengono utilizzati per ottenere nuove piante da un fiore.

Riproduzione sessuale delle piante: stami e pistilli

Le piante si riproducono sessualmente attraverso la fusione di gameti maschili e femminili nel fiore.

La riproduzione sessuale è simile alla riproduzione umana, che prevede la fusione dei gameti maschili (polline) e femminili (ovuli) per formare un nuovo organismo che eredita i geni da entrambi i genitori.

I fiori sono le parti riproduttive di una pianta. Gli stami sono la parte riproduttiva maschile e il pistillo è la parte riproduttiva femminile.

I fiori che contengono solo il pistillo o solo gli stami sono chiamati fiori unisessuali. I fiori che contengono sia gli stami che il pistillo sono chiamati fiori bisessuali.

 

Esempi di piante sessuali

Mais , papaia e cetriolo producono tutti fiori unisessuali, mentre senape, rosa e petunia hanno fiori bisessuali.

Sia i fiori unisessuali maschili che quelli femminili possono essere presenti sulla stessa pianta o su piante diverse.

Le antere contengono granuli di polline che producono gameti maschili. Il pistillo è formato da stigma, stilo e ovaio. L’ovaio contiene uno o più ovuli. Il gamete femminile o l’ovulo si forma in un ovulo.

Nella riproduzione sessuale, un gamete maschile e femminile si fondono per formare uno zigote.

Impollinazione: autoimpollinazione e impollinazione incrociata

I grani di polline hanno generalmente un rivestimento protettivo resistente che impedisce loro di seccarsi. Poiché i grani di polline sono leggeri, possono essere trasportati dal vento, dall’acqua o dagli insetti.

Gli insetti sono attratti dai fiori vistosi e finiscono per essere vettori di polline quando si deposita sui loro corpi. Questo accade in natura, quindi durante la primavera è comune vedere insetti sopra i fiori di campo .

Parte del polline cade sullo stigma di un fiore della stessa classe. Il trasferimento del polline dall’antera allo stigma di un fiore è chiamato impollinazione.

Se il polline cade sullo stigma dello stesso fiore si parla di autoimpollinazione. Quando il polline di un fiore cade sullo stigma di un altro fiore della stessa pianta, o su quello di una pianta diversa dello stesso tipo, si parla di impollinazione incrociata.

Concimazione delle piante

.

Il processo di fusione dei gameti maschili e femminili (per formare uno zigote) è chiamato fecondazione. Lo zigote diventa un embrione.

 

La formazione di frutti e semi

Dopo la fecondazione, l’ovaio si trasforma in un frutto e altre parti del fiore cadono. Il frutto è l’ovaio maturo.

I semi si sviluppano dagli ovuli.

Il seme contiene un embrione protetto da uno strato protettivo di semi. Alcuni frutti sono carnosi e succosi come il mango , la mela e l’ arancia .

Alcuni frutti sono duri come mandorle e noci .

Propagazione dei semi

Sappiamo che il polline è leggero e si muove facilmente attraverso il vento, l’acqua o gli insetti. Ma… che dire dei semi ? Come lo fanno?

Principalmente grazie agli animali . Sia perché sono un tipo di pianta spinosa, grazie alla quale i semi sono in grado di aderire al corpo degli animali. Questi animali si muovono, spostando i semi da un lato all’altro.

Tuttavia, c’è qualcosa di meglio. Uno dei meccanismi più utili che la natura, e in particolare le piante, ha per riprodursi è attraverso i frutti. Molti animali mangiano la frutta.

I semi finiscono nell’apparato digerente di questi animali, che in seguito, in larga misura, li defecano in un luogo diverso dove sono stati ingeriti, e anche con una buona manciata di fertilizzante naturale

 

Cos’è la riproduzione asessuata delle piante?

La riproduzione asessuata è quella che avviene senza la necessità dell’intervento degli organi sessuali delle piante.

Né sarebbe necessario che abbia luogo il processo di impollinazione.

Il motivo per cui è così è dovuto alla capacità di alcune piante di rigenerarsi da alcuni tessuti che già possiedono.

Ad esempio, uno stelo o una cellula.

Quali tipi di riproduzione asessuata troviamo?

I tipi di riproduzione asessuata hanno origine in base all’area della pianta che viene presa come base per la nascita di un nuovo esemplare.

Tubero

Questo tipo di riproduzione avviene in alcune piante che crescono sottoterra.

I responsabili del compito sono gli steli , che sono pieni di sostanze nutritive che consentono loro di creare da soli una nuova pianta.

Questo è possibile perché diventano capaci di generare radici.

Per saperne di più: I tuberi.

rizomi

In questo caso si tratta anche di fusti che si formano sottoterra ma hanno la particolarità di andare paralleli al suolo.

Dalla base degli steli si generano gemme da cui nascono fusti e radici più piccole.

Hanno la particolarità di crescere in modo permanente, quindi possono coprire una buona quantità di spazio con piante della loro specie.

 

stoloni

In questo caso i fusti attraversano la superficie della terra e quando sentono di essere nelle condizioni corrette, producono radici.

Dopo che le radici si sono formate, iniziano il processo di creazione di steli verticali .

Vale la pena notare che gli stoloni, a differenza dei rizomi , muoiono quando la nuova pianta è forte, rendendola indipendente.

lampadine

Si tratta ancora di fusti sotterranei che sono formati da un insieme di foglie disposte una sopra l’altra.

Una volta che questi bulbi sono posti in un terreno fertile, producono radici e nuovi steli.

bulbi

Infine, c’è la riproduzione asessuata per bulbi che funziona con le formazioni di gemme che si generano sui bordi di alcune foglie.

Queste gemme finiscono per cadere a terra e, da lì, nasce una nuova pianta.

Quali esempi possiamo trovare in natura?

Nel mondo vegetale esistono molte specie in grado di riprodursi solo asessualmente e anche sessualmente o asessualmente.

Le fragole sono chiari esempi di piante che possono utilizzare entrambi i percorsi . Nel caso del sistema asessuale, lo fanno attraverso gli stoloni.

Quando si tratta di tuberi, la patata è l’esempio per eccellenza perché fa un ottimo lavoro in questo senso, aumentando i raccolti. Altri ortaggi a radice sono patate dolci , patate dolci o zenzero .

Le piante che funzionano per i bulbi sono quelle i cui frutti hanno una condizione simile di foglie sovrapposte, ad esempio le cipolle .

 

Nel caso delle piante che lavorano con i rizomi, ci sono specie come l’ origano .

Tra le piante che lavorano con i bulbilli, infine, c’è il Bryophyllum calycinum.

Altre specie che possiamo trovare incluse in questo gruppo sono tulipani , alghe verdi, denti di leone , canna da zucchero, malamadre, aglio , rosmarino , alcuni garofani , peschi , aranci , tra gli altri.

Anche come le fragole, molte di queste specie sopra menzionate funzionano anche sotto la riproduzione sessuale.

Quali sono i vantaggi della riproduzione asessuata delle piante?

Il principale vantaggio della riproduzione asessuata è la semplicità, poiché praticamente non è necessario alcun lavoro di supporto.

Inoltre, il dispendio energetico delle specie è molto inferiore rispetto a quando devono eseguire l’intero processo da un seme.

È anche possibile che una specie raggiunga un gran numero di discendenti da una madre in un nuovo spazio.

Nel caso della vita vegetale, questo vantaggio rappresenta la possibilità di aumentare i campi coltivati ​​e, quindi, la quantità di cibo.

La riproduzione asessuata aiuta anche le piante più giovani a proteggersi dagli attacchi di altri organismi con poco sforzo.

Infine, c’è il fatto che non hai bisogno di un partner , quindi il lavoro viene svolto molto più rapidamente.

Quali sono gli svantaggi della riproduzione asessuata delle piante?

Il principale svantaggio di questo metodo è che è impossibile produrre variazioni nella prole.

Ciò significa che tutti i bambini saranno pressoché identici ai loro genitori e continueranno a farlo nel tempo.

Questa stessa condizione li rende vulnerabili a situazioni avverse, come le condizioni atmosferiche, poiché non hanno possibilità di creare resistenza.

Negli spazi in cui non si desidera piantare una certa specie, la riproduzione asessuata funziona senza permesso.

Questo è ciò che accade, ad esempio, con prati o erbacce da giardino che crescono e crescono senza sosta.

Ogni specie è unica e le sue possibilità di riproduzione saranno benefiche, o meno, nella misura in cui sapranno trarne vantaggio.

La riproduzione asessuata non si verifica solo nelle piante, ma anche in alcuni tipi di animali.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *