Suggerimenti

Compost da giardino: tutto ciò che devi sapere sul compost

Abbiamo già parlato in altri post dei  benefici del compostaggio in giardinoPoiché questo compost da giardino è qualcosa di molto interessante per gli amanti del giardino, gli agricoltori biologici, i curiosi e gli appassionati di giardinaggio, durante questo periodo ad Ilgiardinocommestibile sono sorti dubbi e domande su questo argomento.

Domande e risposte sul compost da giardino

Faremo un riassunto con i dubbi sul compost in modo che a colpo d’occhio tu possa avere un’idea delle chiavi del compostaggio e dei problemi che possono sorgere.

1. Cos’è il compost da giardino?

Il compost è un materiale fertilizzante che possiamo produrre noi stessi sfruttando i rifiuti organici dell’orto e della cucina .

A poco a poco, il materiale accatastato (a terra o in una compostiera o in un contenitore) si decompone grazie ai microrganismi benefici presenti nel terreno o nei resti delle colture.

Dopo qualche settimana o mese si ottiene un prodotto scuro e omogeneo che può sembrare terra ma in realtà è un composto ricco e completo per il giardino.

2. Benefici del compost

Il compost da giardino è  uno dei fertilizzanti naturali più completi perché, avendo molti tipi di residui, la varietà di nutrienti che contiene è molto ampia.

Anche perché  apporta al suolo microrganismi benefici Inoltre, facendolo noi stessi, stiamo riciclando materiali e rifiuti del giardino e della cucina, rendendo il nostro giardino più ecologico e sostenibile e risparmiando denaro che spenderemmo in fertilizzanti artificiali.

3. Quali materiali posso utilizzare per il compostaggio e quali no?

Per fare il compost fatto in casa puoi usare steli, foglie e altri resti di piante verdi delle nostre colture, erba tagliata, rifiuti di cucina come resti di frutta e verdura, lische di pesce, caffè, bustine di tè, alghe, letame e liquame … Anche rifiuti ricchi in carbone o “marrone”: paglia e fieno, segatura, resti di potatura e corteccia legnosa, foglie secche, carta o cartone sminuzzati, gusci di noci o uova, aghi di pino …

NON dovresti usare per fare il compost : materiale non degradabile come resti di ceramica, vetro, plastica, fogli di alluminio, contenitori …

Né legno che è stato trattato né sughero, resti di piante malate o erbacce che abbiamo eliminato dal giardino , escrementi umani o animali domestici, avanzi di carne, ossa o cibi grassi…

4. Devo acquistare un bidone o una compostiera?

Non è necessario acquistarlo, puoi creare un cassetto con assi di legno, pallet, rete metallica … o semplicemente impilarlo sul pavimento in una pila.

Nel post Urban Gardening, Composting and Planting  e nell’orto urbano sul tetto dell’Anken Rooftop a Shanghai, abbiamo visto come sono stati utilizzati diversi bidoni per il compost , uno per i resti più recenti e uno per il compost più maturo.

5. Cosa devo fare se il compost ha un cattivo odore?

Aggiungi segatura o terra asciutta dal tuo giardino, che assorbirà l’umidità e aiuterà a fermare le reazioni che causano il cattivo odore. Girandolo anche con una pala o un forcone in modo che arieggi e non produca fermentazioni inopportune.

6. Quanto tempo ci vuole per il compostaggio?

Da quattro a cinque settimane a pochi mesi . Dipende dalla temperatura e dall’umidità: a temperature molto basse i resti impiegano più tempo a decomporsi, e deve esserci anche sufficiente umidità per accelerare il processo, quindi è necessaria un’irrigazione con giramenti di tanto in tanto se si vede che i materiali sono asciutti .

Il tempo di maturazione dipende anche dalle dimensioni dei componenti, più piccoli e sbriciolati li aggiungiamo al supporto, meno lavoro e tempo impiegheranno i microrganismi a trasformarli in terriccio da giardino.

7. Quanti tipi di compost esistono?

Tante, visto che il risultato finale dipende da tutti i componenti aggiunti e dalle quantità, dal tempo di maturazione… Ci sono centinaia di possibilità…

Alcuni tipi particolari di compost sono, ad esempio, il bocashi compost , o vermicompost , quest’ultimo realizzato grazie ai vermi che vivono al suo interno. Per fare il vermicompost, i vermi più usati sono quelli della spezia  Eisenia foetida (lombrico, verme rosso o verme rosso), ma puoi acquistare anche Eisenia hortensis.

Queste sette sono solo alcune delle domande più frequenti relative al  compostaggio . Ma sicuramente molti di più possono sorgere! Incoraggiaci nei commenti a sollevare i tuoi dubbi sull’argomento o suggerimenti per post futuri.

Se vuoi approfondire passo passo come fare il compost fatto in casa ti lascio questo link che ho scritto con alcuni consigli per il compostaggio in casa .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *