Suggerimenti

Compost: [Guida completa per creare il tuo compost]

Il compost o compost serve principalmente come compost.

Un compost ben fatto dovrebbe sembrare sporco scuro ed essere inodore.

Ma oltre ad aggiungere sostanze nutritive, il compost aiuta a regolare l’ acidità e la temperatura e a mantenere l’umidità.

A rigor di termini, i termini compost e humus non sono sinonimi e non possono essere usati in modo simile.

Come fare il compost fatto in casa

Successivamente, ti presentiamo  due metodi per fare un buon compost. 

Metodo 1 per compostare

  1. Fai uno strato di paglia, rami o qualsiasi altro materiale che permetta all’aria di circolare e non si schiacci facilmente. Questo strato dovrebbe essere di circa 20 cm e dovresti posizionarlo come base, sul fondo del silo, preferibilmente a contatto con il terreno.
  2. Sopra questo primo strato aggiungetene un altro con i resti verdi del raccolto.
  3. Il terzo strato incorpora materiali ricchi di azoto , come il letame.
  4. Infine, aggiungi uno strato sottile di 2-5 cm di terriccio.
  5. È necessario assicurarsi che il materiale sia sempre bagnato, ma senza gocciolare . Il rapporto tra materiali bagnati e materiali asciutti dovrebbe essere di 2 a 1.
  6. Ogni volta che aggiungi più detriti, devi mescolarli con il vecchio materiale, foglie o paglia. Questo aiuterà anche a prevenire il moscerino della frutta, che risulta essere molto fastidioso.
  7. Ricorda che i residui marroni o ricchi di carbonio devono essere inumiditi prima di essere introdotti.
  8. Continuerai ad aggiungere strati fino a raggiungere l’altezza prevista. Una volta che il mucchio è finito, coprilo con terra o segatura.

Metodo 2 per compostare

  1. Metti circa 25 cm di rami spessi e sottili.
  2. Sopra, posizionare tra 25 e 30 cm di rifiuti organici facilmente decomponibili.
  3. Quindi un piccolo strato di letame o altro materiale ricco di azoto.
  4. Stendi un altro strato di scarti organici verdi.
  5. Aggiungere un altro strato di letame, fino a raggiungere un metro e mezzo di altezza.
  6. Quando raggiungi l’altezza desiderata , copri con un sottile strato di terra e lascia riposare per finire di decomporsi.
  7. Inumidisci il composto a giorni alterni, nel caso non piova.

Cos’è il compost?

Il compost è la terra nera creata dalla decomposizione della materia organica e può essere costituita da avanzi di cibo o rifiuti di giardino.

Il compost maturo viene utilizzato come compost o substrato quando assume un aspetto scuro e terroso , e si distingue per il fatto che quasi tutti i materiali si sono decomposti.

Per realizzarlo , i rifiuti organici vengono collocati in un silo , che fornisce al materiale un ambiente favorevole alla corretta decomposizione.

In questo modo il silo non solo mantiene gli agenti che intervengono nella decomposizione dei rifiuti, ma anche altri che se ne nutrono .

Il suo aspetto è molto simile al terreno da semina, solo che nella sua composizione contiene una grande quantità di sostanze nutritive.

Grazie all’enorme varietà di prodotti biologici esistenti, è possibile ottenere materiali per il compost senza investire denaro.

Inoltre, il tempo necessario per la sua decomposizione può essere pianificato tra l’ autunno e l’inverno , consentendone l’utilizzo in primavera .

Il compost è uno strumento ampiamente utilizzato in agricoltura.

Qual è la funzione del compost?

Lo sapevate…
La funzione principale di un compost è quella di fertilizzare il terreno dove verrà stabilito un campo.

Grazie al fatto che si tratta di materia in decomposizione aerobica , si ottiene un prodotto con molti nutrienti che aumenta la qualità del sito da utilizzare.

Comprendeva anche elementi chimici di grande importanza per il suolo, come zolfo, fosforo , ferro e potassio .

Tuttavia, non è l’unica cosa.

Il compost aiuta anche a combattere i problemi comuni del suolo, come l’ erosione o il lavaggio che si verifica durante i periodi di pioggia.

E se il terreno è stato esposto ad alti livelli di contaminazione , può aiutare nel suo recupero.

Questo si genera attraverso la regolarizzazione del pH che determina un’influenza diretta molto importante sullo stato dello stesso.

È anche conveniente per  trattenere l’umidità  che le piante hanno bisogno di crescere.

E, sebbene non sia generalmente un pesticida, ha anche un’importante funzione contro la crescita di funghi e batteri.

Come si vede, le sue funzioni sono tutte finalizzate a raccogliere numerosi benefici per le piantagioni.

Pertanto, è meglio sapere come può essere fatto da casa.

Quali sono le condizioni ottimali per fare un buon compost

Umidità adeguata

Devi assicurarti che ci sia materia umida nel tuo compost.

Dovresti anche annaffiarlo se è asciutto.

Il compost deve avere un aspetto bagnato, ma non gocciolante. 

Se soffri di residui di umidità in eccesso, aggiungi segatura per neutralizzare.

Aria

È necessario ventilare di tanto in tanto il compost , per evitare che gli strati inferiori marciscano . In questo modo otteniamo un materiale più omogeneo e acceleriamo, a sua volta, il processo di fermentazione.

Per migliorare l’areazione, prova ad aggiungere rifiuti ingombranti e forme irregolari che consentano fessure nel materiale e facilitino la circolazione dell’aria.

 Corteccia e rami sono ottimi esempi. 

Se il tuo compost è in un silo o in contenitori , assicurati che abbiano dei fori per consentire una buona ventilazione del materiale.

Temperatura

Maggiore è la temperatura nelle parti interne del materiale , meglio è. Mettere il compost alla luce del sole aiuterà ad accelerare il processo.

Un altro modo per raggiungere le temperature desiderate è fare grandi quantità di compost . Maggiore è la quantità, più velocemente il materiale si riscalda.

Dimensione dei rifiuti

I rifiuti non devono essere né troppo grandi né troppo piccoli . I primi impiegano molto tempo per decomporsi, mentre i secondi rendono difficile la ventilazione del materiale.

Bilancio materiale: azoto e carbonio

Ci deve essere un equilibrio tra residui ricchi di carbonio e rifiuti ricchi di azoto.

Elementi ricchi di azoto:
  • Fondi di caffè.
  • Concimi verdi.
  • Cespeda.
  • Liquame di ortica o ortiche fresche.
  • Letame animale fresco.
  • Urine.
Elementi ricchi di carbonio:
  • Segatura.
  • Paglia di grano .
  • Canne di mais .
  • Rami di potatura.
  • Foglie di pino .
  • Carta o cartone (che non include inchiostro o altri elementi chimici).
  • Paglia di avena , orzo o segale.
  • mob.

Per ottenere un buon equilibrio, raccomandiamo quanto segue

Per ottenere un corretto equilibrio nei materiali, tenere in considerazione quanto segue:
  • Rifiuti verdi o ricchi di azoto : sono la materia umida del compost, quindi si decompongono rapidamente. Tendono a causare un cattivo odore (i legumi di solito emettono azoto durante la loro crescita).
  • Steli, foglie e altri resti di piante verdi delle nostre coltivazioni.
  • Rifiuti di cucina come scarti di frutta e verdura.
  • Prato .
  • Avanzi di bustine di caffè e infusi…
  • Letame e liquame .
  • Concimi verdi.
  • Rifiuti marroni o ricchi di carbonio.

Materiali secchi che possono essere inclusi

Sono secchi, quindi impiegano molto tempo a decomporsi , anche se lo fanno senza lasciare cattivi odori. Devono essere inumiditi prima di entrare a far parte del compost:

  • Paglia e fieno.
  • Segatura.
  • Rami legnosi e corteccia.
  • erbacce e foglie secche
  • Carta o cartone.
  • Gusci di noci o uova.

Cosa si può e non si può compostare?

C’è una grande varietà di elementi che possiamo usare per fare il compost , sapendo che la cosa principale è che sono biologici. 

In questo senso, ci sono alcuni elementi che si decompongono più velocemente di altri ed è per questo che l’orario di lavoro viene adattato a livello generale.

Cosa possiamo includere nella nostra compostiera

Cosa PU essere usato per compostare:
  • All’interno della rapida decomposizione si trovano il letame degli animali , i resti di piante e foglie verdi, le erbacce.
  • Nell’ordine di decomposizione più lento, il cibo rimane , i fiori , tra gli altri, spiccano.
  • Nel caso del letame è importante precisare che l’usato deve provenire da animali da cortile e non da quelli domestici in attenzione al tipo di alimentazione.
  • Gusci di noci.
  • Gusci d’uovo.
  • Cibo avariato o scaduto.
  • Fondi di caffè.
  • Fieno ed erba tagliati o falciati.
  • Erbe medicinali.
  • erbacce.
  • Birra, aceto o vino avanzati.
  • Prato .

Cosa NON può essere incluso nel bidone del compost

Ma sotto questo aspetto è davvero notevole sapere  quello che non potrà mai essere usato,  poiché possono produrre danni sul resto della questione e non agiscono correttamente.

Cosa NON può essere utilizzato per il compostaggio:
  • Qui vengono contate carni di origine animale , feci di cane e gatto , cenere di sigaretta , qualsiasi latticino , carta con stampe a colori, ecc.
  • Nel caso delle uova vanno utilizzati solo i gusci e non i tuorli , in quanto possono attirare i roditori e produrre cattivi odori.
  • Non è inoltre possibile aggiungere vetro, metalli o qualsiasi altro materiale di questo tipo .
  • Prodotti o materiali chimici.
  • Tabacco perché contengono nicotina.
  • Detersivi e altri prodotti chimici utilizzati nelle case.

Quando compostare nel nostro giardino?

Compost  Ci vorranno circa tre mesi per essere pronti.  Durante l’inverno il tempo è esteso a sei mesi.

Per vedere se è pronto, prendi un pugno e osserva il suo colore . Dovrebbe essere buio e non vedrai nulla depositato, tranne i pezzi di rami.

Il compost viene applicato una volta all’anno . Aggiungi i lombrichi dove metterai il compost, in modo che sia ossigenato attraverso i tunnel che scavano.

Se non usi il compost, puoi conservarlo in sacchetti ermetici.

Quanto tempo ci vuole per prepararsi?

Il processo per ottenere il compost si basa su una scomposizione di elementi , dove alcuni vengono elaborati velocemente e altri sono più lenti.

Affinché l’intero processo scorra come dovrebbe , è fondamentale consentire al processo stesso fai il ciclo completo,  che può durare da 6 a 8 mesi.

Un compost ben fatto dovrebbe sembrare sporco scuro ed essere inodore.

Se non si ottiene questo risultato è meglio scartarlo e iniziare una nuova preparazione.

Ora, per capire meglio tutto ciò che accade all’interno del luogo in cui stiamo immagazzinando il compost , dobbiamo sapere che passa attraverso quattro fasi.

mesofilo

 Il primo è noto come mesofillo. È la fase iniziale e, quindi, i materiali inclusi sono ancora in uno stato molto fresco .

Il processo di decomposizione inizia rapidamente con la presenza di microrganismi che fanno aumentare notevolmente la temperatura interna .

A questo punto, l’umidità contenuta nel compost è decisiva per avviare il processo con il piede giusto . Il più raccomandato è che sia compreso tra il 40 e il 60%.

Termofilo

Nel momento in cui questi microrganismi vengono sostituiti dai batteri, si dice che inizi la fase due, detto termofilo. 

Inizia quindi il processo di degradazione di alcuni componenti, come cellulosa, cere e carboni.

Anche qui l’ambiente viene sanificato

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *