Suggerimenti

Cura della Fresia, fragola o pianta di fragola

Il nome di questa pianta è dovuto al naturalista F.H. Theodor Freese, vissuto nel XIX secolo. È originario del Sudafrica. La coltivazione in Europa è stata introdotta intorno al 1875. Genere composto da una ventina di specie. Il gran numero di varietà ibride che esistono oggi si ottiene principalmente nei Paesi Bassi.

Il Fresia appartiene alla famiglia Iridaceae . Alcune specie sono : Fresia armtrongii, Fresia hybrida, Fresia fucata, Fresia refracta. Il loro nome scientifico è Fresia e il volgare Fresia o Fresilla.

La Fresia è una pianta erbacea e bulbosa di circa 3050 cm di altuira. Le sue foglie sono lunghe e strette, piatte e appuntite, di colore verde intenso. I fiori sono tubolari, di vari colori (crema, giallo, bianco, rosso, malva, viola e rosa), con un profumo intenso al quale si attribuisce il simbolo della “nostalgia”.

Viene utilizzata all’aperto come pianta da roccia, nei giardini rustici, in vaso (è necessario un diametro di 10 cm per ogni bulbo), come fiore reciso .

.

Può essere posizionato in pieno sole o all’ombra. Non resiste agli inverni gelidi delle regioni settentrionali. Nelle regioni mediterranee, può diventare spontaneo in mezzo alla terra.

Il terreno deve essere leggero e ben fertilizzato. Può essere terreno da giardino con torba, sabbia e letame. Non appena appare la spiga del fiore , concimare con un concime minerale con un’annaffiatura ogni 15 giorni fino a quando il fiore appassisce.

Dopo la fioritura, interrompere l’annaffiatura fino a quando le foglie non sono completamente asciutte. Poi i bulbi vengono rimossi e conservati, ben puliti dal terreno, in un luogo asciutto e buio fino al momento del reimpianto, che avverrà tra ottobre e dicembre.

Quando l’ambiente è eccessivamente caldo e umido, possono comparire gli afidi e l’acaro del ragno rosso .

La Fragola viene moltiplicata per la divisione dei bulbi o per il seme. È più semplice per divisione. Sono piantate a circa 58 cm di profondità e a circa 6 cm di distanza l’una dall’altra.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *