Suggerimenti

Entretien de la plante Juniperus thurifera ou Sabina albar

Della famiglia Cupressaceae , troviamo il genere Juniperus , composto da una sessantina di specie di alberi e arbusti provenienti da vari continenti dell’emisfero nord. Alcune specie di questo genere sono : Juniperus thurifera, Juniperus oxycedrus, Juniperus communis, Juniperus cedrus, Juniperus phoenicea, Juniperus horizontalis, Juniperus squamata, Juniperus chinensis, Juniperus drupacea, Juniperus californica, Juniperus brevifolia, Juniperus virginiana, Juniperus conferta.

Le vengono dati i nomi comuni di Sabina albar, Cedro di Spagna, Sabina di Spagna o Sabina blanca. Questa specie proviene dalle montagne dell’interno della penisola iberica, dal Nord Africa e dalle Alpi sul versante francese.

La Sabina albar è un albero dioico (piante femminili e maschili) con un portamento piramidale da giovane che, con l’età, può diventare arrotondato, lobato o disordinato. Sono piante a crescita molto lenta che possono crescere fino a 20 metri di altezza, ma di solito rimangono a 8-10 metri. La corteccia si incrina e si stacca a strisce. Le sue foglie perenni sono di colore verde scuro e assomigliano a quelle del Ginepro ma poi assumono l’aspetto di squame (come le foglie di Cipresso) con una punta. I fiori non hanno alcun interesse ornamentale: le femmine hanno la forma di un cono arrotondato e i maschi hanno piccole punte. Fioriscono nella seconda metà dell’inverno. I frutti , chiamati gayubas, impiegano 2 anni a maturare e passano dal blu al nerastro.

Possono essere utilizzati nei giardini come esemplari isolati; particolarmente indicati per giardini a bassa manutenzione e con freddo e caldo intensi. Il suo legno resinoso di lunga durata, con un odore molto gradevole, è molto apprezzato nella produzione di mobili.

La Sabina di Spagna vive bene in pieno sole e tollera molto bene il gelo (fino a -25ºC) e il forte calore dell’estate mediterranea.

Il terreno più adatto sarebbe sassoso, come di solito è nel suo habitat naturale.

Si tratta di piante a bassissima manutenzione che vengono mantenute con l’acqua piovana occasionale del clima mediterraneo, quindi non è necessario innaffiarle.

Non necessitano di concime speciale né di potatura , ma solo di rimuovere i rami danneggiati, se necessario.

Si tratta di piante che sono altamente resistenti ai comuni parassiti e alle malattie del giardino.

Poiché il processo di moltiplicazione da semi è un processo complicato e molto lento, è preferibile ottenere talee piantate in un substrato sabbioso e aiutate da ormoni radicali.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *