Suggerimenti

Fertilizzante per cavalli: [Proprietà, vantaggi e applicazione]

Il compost si ottiene attraverso la miscelazione di diversi elementi e, tra tutti, il letame di cavallo è uno dei preferiti .

Questo perché raccoglie una grande quantità di sostanze nutritive che aiuteranno le piante a crescere molto più vigorosamente.

Non hai cavalli? Non preoccuparti perché puoi acquistarlo in un negozio di prodotti agricoli, quindi non ci sono scuse per non approfittarne.

Cos’è il letame di cavallo?

Il letame di cavallo è il prodotto ottenuto dalle feci di questi animali .

Questo prodotto è lo spreco generato dall’organismo, è ricco di alcuni elementi che sono positivi per il raccolto .

Naturalmente, se hai un cavallo in casa, non puoi applicare il letame direttamente sulle radici.

Per prepararlo, gli specialisti consigliano di fare una miscela con resti di materia verde (foglie, paglia) .

Questo preparato previene i cattivi odori e aiuta a ridurre i livelli di acidità che possiede.

Quali sono le proprietà del letame equino?

Il cavallo fertilizzante ha guadagnato la sua popolarità in base a tutte le proprietà che possiede e che possono essere riassunte come segue:

  1. Fermentazione facile : questo letame dura molto meno nel lavoro di fermentazione rispetto ad altri che vengono utilizzati anche nei processi agricoli. Questo lo rende un buon supporto per la creazione di compost fatto in casa.
  2. Uccide i batteri nocivi : quando crei il compost fatto in casa, è probabile che vengano generati batteri che non sono benefici per le colture e il letame di cavallo è facile da eliminare.
  3. È povero di azoto : tutte le piante hanno bisogno di azoto per crescere e, infatti, molti fertilizzanti si affidano a questo componente per l’applicazione. Ma è importante averlo molto ben controllato per evitare danni alle colture e poiché il letame ha un livello basso, la quantità necessaria può essere applicata in seguito.

Perché può essere utile per il nostro frutteto o giardino?

I benefici del fertilizzante per cavalli occupano un’ampia varietà di elementi, dall’apporto nutritivo alla cura del terreno .

Tra i benefici che sono direttamente legati al terreno, dobbiamo aiutare a prevenire la crescita delle erbe infestanti , come se fosse pacciame .

Allo stesso modo, aiuta la sua struttura ad essere più favorevole alla piantumazione, contribuendo al recupero di coloro che sono impoveriti .

Per quest’ultimo è utile dire che ha un buon prezzo, quindi utilizzarlo in grandi quantità non comporta un investimento maggiore.

Tuttavia, non può essere applicato solo prima della semina, ma dopo la semina per fornire protezione alle radici. Un altro aspetto importante per quanto riguarda i benefici è che può essere applicato in qualsiasi periodo dell’anno , aiutando ad esempio le piante invernali.

Il maggior apporto nutritivo si otterrà lavorandolo come parte del compost casalingo, mescolando i suoi valori positivi con quelli del resto dei materiali.

Come dovremmo applicare il letame di cavallo?

Affinché il letame di cavallo faccia un buon lavoro sul terreno, è meglio mescolarlo al terreno prima di procedere alla semina .

Quando questo processo viene eseguito con un certo anticipo, ciò che si ottiene è che le piante trovino un terreno di qualità superiore.

Inoltre migliora la tessitura del terreno, che lo rende più aerato e leggero, utile per l’ irrigazione e il drenaggio.Oggi il letame di cavallo viene venduto in sacchi, pronto per essere applicato al terreno che serve senza dover eseguire un grande intervento.

Bibliografia e riferimenti

  • K Simpson, Jesús F.; Terreros Ceballos, Manuel Ramis Vergés. (1990). Fertilizzanti e concimi. Acribia. Madrid, Spagna.
  • Moreno Vega, Alberto. (2015). Attività di irrigazione, fertilizzazione e trattamento nelle colture . Edizioni Paraninfo. Madrid, Spagna.
  • Università autonoma di Chapingo. (1999). Vermicoltura e fertilizzanti organici . Simposio Internazionale e Primo Incontro Nazionale. Chapingo-Messico.
  • Félix-Herrán, Jaime Alberto; Sanudo-Torres, Rosario Raudel; Rojo-Martínez, Gustavo Enrique; Martinez-Ruiz, Rosa; Olalde-Portogallo, Victor. (2008). Importanza dei fertilizzanti organici. Ra Ximhai. Università Indigena Autonoma del Messico. El Fuerte, Messico. Riprodotto da:  http://www.redalyc.org/articulo.oa?id=46140104
  • Rimski-Korsakov, H.; Alvarez, CR (2016). Gestione della fertilità del suolo nelle piante organiche . Prima edizione. Editoriale Facoltà di Agronomia (EFA), Università di Buenos Aires, Argentina. Ristampato da:  https://www.ciaorganico.net/documypublic/126_libro_fertILIDAD_de_suelos-pvo_isbn.pdf#page=134

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.