Suggerimenti

Fertilizzanti per il giardino: [10 migliori tipi che puoi usare]

Un terreno che abbia una buona quantità di nutrienti sarà l’ideale per lavorare le colture e non c’è niente che aiuti più dei fertilizzanti naturali per il giardino.

La maggior parte di essi è facile da ottenere, creare e utilizzare, impiegando pochissimo tempo per lavorare e, in cambio, liberandoci da questa preoccupazione.

Ne conosci alcuni?

Certo che sì, anche se per aiutarti abbiamo preparato un elenco dei 10 migliori tipi di fertilizzanti attualmente esistenti.

Vediamoli.

Perché il compost per il giardino?

Le piante hanno bisogno di tre cose per sopravvivere e prosperare: potassio, fosforo e azoto.

Mentre i fertilizzanti chimici acquistati in negozio in genere hanno questi nutrienti, puoi anche fornirli alle tue piante senza i prodotti chimici aggressivi semplicemente facendoli tu stesso, e la maggior parte di essi può essere fatta con cose che hai già a portata di mano e probabilmente lancerai semplicemente lontano.

Può anche essere un ottimo modo per riciclare .

Il fai da te è un’ottima idea vero?

La relazione tra pH del suolo e compost

Il pH del tuo terreno ha un’influenza decisiva su quanto saranno accessibili i nutrienti.

Se il tuo terreno è troppo acido, gli elementi possono diventare tossici o non disponibili per le tue piante.

Ad esempio, se una pianta mostra segni di carenza di fosforo e il terreno è troppo acido, non importa quanto fertilizzante al fosforo applichi.

Le tue piante non saranno in grado di accedervi. Un pH neutro o leggermente acido per le verdure consente una maggiore disponibilità per tutte le piante.

Aumenta il pH del tuo terreno

Per aumentare il pH da acido ad alcalino, è necessario aggiungere calce.

Ci sono due tipi di calce a disposizione del giardiniere domestico: calce agricola a base di carbonato di calcio macinato e calce dolomitica a base di calcare macinato, che contiene anche magnesio. Ciascuno di essi deve essere aggiunto almeno 6 settimane prima della semina per avere effetto nel terreno.

Sebbene esistano altri tipi di calce commerciale come la calce spenta o la calce viva, presentano un alto rischio di scottature e non sono adatte al giardino di casa.

Abbassa il pH del terreno

Lo zolfo è un macronutriente essenziale per la pianta e può anche ridurre il pH nei terreni alcalini. Tuttavia, lo zolfo è molto più rischioso se applicato male.

Per questo motivo, assicurati di applicare lo zolfo solo in primavera per essere efficace. Prestare attenzione anche ai terreni sovrasaturi o anaerobici: in queste condizioni lo zolfo si trasforma in idrogeno solforato, che uccide le radici in via di sviluppo.

E tieni presente che lo zolfo impiega almeno un anno per fare effetto nel terreno.

Letame

È uno dei fertilizzanti naturali per eccellenza per via degli alti livelli di nutrienti che hanno nella loro struttura.

Non è il letame di nessun animale ma quello di animali da fattoria, come galline o conigli.

Per la sua applicazione deve essere in decomposizione perché altrimenti brucerebbe le colture a causa dell’alto livello di acidità.

Se non hai animali , ci sono già aziende che li producono e che ti permettono di acquistarli in sacchetti già pronti.

Il letame generalmente contiene alti livelli di azoto che è uno dei macronutrienti essenziali per mantenere le piante sane.

Avanzi di caffè

Molti degli avanzi che rimangono in cucina dopo aver preparato il nostro cibo sono utili come fertilizzanti naturali, come nel caso del caffè.

Può essere ottenuto dopo aver preso il caffè del giorno , conservandolo per un uso successivo o applicandolo direttamente alla produzione di compost casalingo.

Ha la proprietà di poter essere utilizzato direttamente sul terreno, se lo si desidera.

La cosa migliore è che il caffè fornisce una buona quantità di azoto e le piante lo apprezzano molto.

humus di lombrico

È un fertilizzante naturale che può essere utilizzato con qualsiasi tipo di coltura, essendo particolarmente utile per favorire la fioritura e la produzione di frutti .

La produzione viene effettuata sulla base della materia organica che scartiamo dopo la cottura. Cioè, i resti del cibo naturale.

Questa verrà riposta in un contenitore adatto per lavorare con i vermi e si aggiungeranno i lombrichi della California che possono essere acquistati nei negozi di agricoltura.

I vermi avranno il compito di consumare la materia organica e lavorarla per trasformarla in un humus di ottima qualità per qualsiasi pianta.

Può essere acquistato anche nei negozi specializzati.

gusci d’uovo

È uno dei fertilizzanti naturali più benefici che esistano perché, oltre a nutrire le piante, aiuta anche a respingere alcuni parassiti.

Idealmente, applicali direttamente alla base della pianta , lavorandola per renderla una polvere molto più facile da lavorare.

I gusci d’uovo sono ricchi di calcio, che è uno dei principali micronutrienti di cui le piante hanno bisogno per svolgere i loro processi vitali.

Inoltre è un fertilizzante naturale a costo zero perché le conchiglie non si possono consumare e finiscono quasi sempre nella pattumiera.

Ritagli d’erba Grass

Gli avanzi dopo la potatura del giardino sono utili anche per massimizzare le proprietà nutritive del giardino .

L’idea è di preparare un impasto con erba e acqua appena tagliata e lasciarlo riposare per 2 giorni.

Poiché questa erba tende a decomporsi abbastanza velocemente, otterremo un prodotto ricco di sostanze nutritive.

Quando lo si applica, è sufficiente diluire una parte del composto con 10 parti di acqua e distribuirlo sulle colture.

Bucce di banana

La banana è un frutto con un alto contenuto di potassio e ha la proprietà di trasferire questo nutriente attraverso la decomposizione.

Per ottenere il compost si utilizza la buccia, che può essere applicata al compost o interrata in una zona vicina alla base della pianta.

È importante sapere che quando le piante hanno un buon livello di potassio, riescono a fiorire con maggiore abbondanza, bellezza e qualità.

Cenere

Le ceneri prodotte dalla combustione del legno contengono buoni livelli di fosforo, calcio e potassio.

È un’attività utile per eliminare i rifiuti gettati dai camini che utilizzano la legna per produrre calore.

Naturalmente, anche con i vantaggi che ha, non è un fertilizzante così raccomandato per terreni molto alcalini.

In fase di preparazione sarà solo necessario diluire la cenere in acqua e spargerla intorno alla pianta , non direttamente alla radice.

Aceto di mele

È sicuramente uno dei fertilizzanti domestici meno conosciuti nel mondo del giardinaggio ma che offrono risultati sorprendenti.

Il suo utilizzo è orientato, soprattutto, a piante che crescono in terreni con un alto livello di acidità.

Grazie alle proprietà dell’aceto, le piante avranno un aspetto migliore ed eviteranno loro di avere scottature sulle foglie .

Come in quasi tutti i casi si tratta di un prodotto che va diluito in acqua e applicato come se fosse un’irrigazione.

Acqua zuccherata

Questo è uno dei migliori fertilizzanti esistenti per il trattamento di piante da fiore ornamentali .

Il motivo è che lo zucchero, una volta decomposto, si trasforma in glucosio che è uno dei requisiti fondamentali delle piante.

Questo fa sì che si riempiano di energia e vitalità e, quindi, producano una fioritura abbondante e bella.

La procedura consiste nel diluire due cucchiaini di zucchero in una tazza d’acqua e applicare come acqua di irrigazione.

Compost

È il concime organico casalingo più conosciuto ed è realizzato con l’utilizzo di verdura , frutta e altri elementi naturali che provengono dalla cucina.

La sua preparazione può essere effettuata in un contenitore di plastica, dandogli tempo sufficiente affinché i microrganismi decompongano la materia.

Alla fine, rimarrà come una sorta di terra che può essere incorporata nelle colture senza grossi inconvenienti.

Di solito è consigliabile che il contenitore abbia un’uscita più bassa e un’entrata più alta, per facilitare l’incorporazione degli ingredienti e rimuovere la materia organica fatta in casa come il compost pronto.

Qualsiasi di questi fertilizzanti per l’orto andrà bene per le nostre colture, è solo questione di saperli sfruttare e soddisfare le esigenze.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *