Suggerimenti

Giardino verticale urbano, la migliore opzione per crescere in spazi molto piccoli

La mancanza di un giardino, patio o terrazzi con spazio sufficiente per i vasi non sono un motivo per scoraggiare il nostro desiderio di avere un orto biologico in casa . Basta un muro soleggiato per rendere bello e produttivo il nostro giardino urbano verticale .

L’alternativa di utilizzare palchi verticali per la coltivazione delle piante è nota dai giardini pensili di Babilonia, 2500 anni fa. Negli ultimi decenni questa organizzazione ornamentale verticale ha dato origine alla squisita architettura paesaggistica del brasiliano Roberto Burle Marx e ai muri vegetativi di Patrick Blanc.

Fare un passo oltre i giardini verticali meramente ornamentali implica la possibilità di utilizzare questi spazi di piantagione per coltivare varietà che producono cibo.

Oggi vi parleremo in questo articolo dei frutteti verticali e delle loro peculiarità, buona lettura.

Ti consigliamo inoltre quali semi biologici utilizzare , le migliori fioriere, cassette e tavoli da coltivazione per il tuo giardino e libri indispensabili per imparare tutto sul giardinaggio biologico .

Accedi al Calendario della Semina

Cosa sono i giardini verticali?

I giardini verticali adottano le pratiche pulite e di autoconsumo dell’agricoltura urbana ecologica e le combinano con l’intenzione estetica e il risparmio di spazio dei giardini verticali.

Le strutture utilizzate per creare un giardino verticale possono essere molto diverse: dall’attaccatura al muro all’utilizzo di mensole mobili. Anche i materiali sono molto diversi, a partire da strutture realizzate su misura con acciaio, rete metallica e legno, al riutilizzo di elementi che altrimenti andrebbero dismessi, come bancali in disuso, bottiglie e sacchi di plastica o di stoffa.

Trattandosi di un binomio ornamentale e produttivo, in generale, nel giardino verticale si coltivano ortaggi, aromatici e anche floreali , seguendo uno schema progettuale che esalti la bellezza del giardino verticale ed eviti una sensazione invasiva dello spazio sì scarso.

Leggi i compiti e le faccende in giardino mese per mese

Come sfruttare lo spazio con un giardino verticale

Mentre sul mercato sono disponibili supporti da giardino verticali, tipicamente costituiti da un cavalletto con vasi o cassetti a gradini , la migliore alternativa per gli spazi più piccoli è il design personalizzato.

Come in ogni giardino, l’essenziale è che il luogo sia esposto alla luce solare diretta per circa quattro-sei ore al giorno, e vicino all’acqua con cui irrigare.

Se si tratta di un giardino verticale su balcone o terrazzo , si possono utilizzare spazi con angoli in piedi, realizzati anche con bottiglie riutilizzate, o appesi con guide appese al soffitto.

Se si tratta di un giardino verticale su muro, si possono realizzare disegni incollati al muro con legno, supporti metallici per vasi o bottiglie, e anche, per rovinare il meno possibile il muro, installare una rete metallica su cui appendere i supporti per i contenitori.

Esistono centinaia di idee per la progettazione di giardini verticali, ognuna di esse può essere adattata dagli spazi e dal riuso degli elementi.

Se hai intenzione di riutilizzare, ad esempio, bottiglie di plastica, ricordati di dare loro una mano di vernice con una buona copertura all’esterno, possibilmente scura, in quanto ciò contribuisce ad avere una migliore resistenza del vaso agli sbalzi di temperatura che influenzeranno la temperatura del substrato. , trattenere l’umidità e resistere al caldo o al freddo.

Accedi alle Guide e ai Manuali sull’orto biologico

Cosa coltivare in un giardino verticale

Questo tipo di frutteto richiede un grande controllo del substrato, non verrà utilizzato terreno perché troppo pesante e compatto.

La torba insieme alla perlite o anche al compost o ai getti di vite senza fine sono la migliore alternativa.

I giardini verticali possono essere installati sia all’aperto che al chiuso, se sono spazi con una buona insolazione e sufficientemente ventilati. Una buona opzione è quella di installare in cucina pentole aromatiche con basilico , aneto , prezzemolo , coriandolo , menta ; fragole e anche verdure a foglia verde come lattuga , spinaci e rucola , per esempio.

Le migliori piante per un giardino verticale sono quelle con una crescita aerea densa e radici corte. In generale, i contenitori (che hanno una profondità limitata) non sono ottimali per tuberi e piante con bulbi, anche se tutto dipenderà dal design, poiché questi potrebbero essere collocati in una base più ampia e profonda che funge da supporto alla struttura. .

Manutenzione del giardino verticale

Un giardino verticale può richiedere una manutenzione ordinaria più rigorosa rispetto a un’installazione più tradizionale. Sarà necessario verificare che non vi siano ostruzioni negli scarichi -evitabili con una piccola parte di pietra alla base, al di sotto del sottofondo-, che i materiali della struttura mantengano le loro condizioni e, in caso di irrigazione a goccia , che l’approvvigionamento idrico sia in buone condizioni.

L’irrigazione con un annaffiatoio va fatta lentamente, iniziando da quelle in alto in modo che, se drenate, l’acqua in eccesso non si accumuli nei contenitori interni. Può essere utilizzato anche uno spruzzatore, più con lo scopo di migliorare l’aspetto delle piante ed eliminare l’eventuale polvere che si accumula sulle foglie.

I giardini verticali possono fare la differenza sia sensoriale che climatica, poiché le piante aiutano a migliorare la qualità dell’aria e a mantenere migliori condizioni di temperatura e umidità nell’ambiente.

Leggi Agroecologia: che cos’è? Caratteristiche, principi e differenze con l’agricoltura ecologica o biologica
.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *