Suggerimenti

Gli agricoltori statunitensi chiedono 1 miliardo di dollari a Syngenta per contaminare le loro colture con OGM

Gli agricoltori che coltivano mais negli Stati Uniti hanno denunciato Syngenta e chiedono un miliardo di dollari di risarcimento per aver contaminato i loro raccolti con OGM .

Come abbiamo appreso dall’ISIS , i coltivatori di 5 dei principali Stati produttori di mais hanno denunciato Syngenta e chiedono più di un miliardo di dollari di risarcimento perché non potranno esportare il loro mais in Cina, Paese che vieta l’ingresso di mais transgenico.

Circa l’85% delle esportazioni statunitensi verso la Cina sono state respinte perché contaminate da mais GM. Ricordiamo che il mais transgenico Syngenta MIR162 è vietato in Cina .

Ora gli agricoltori colpiti chiedono a Syngenta di pagare più di un miliardo di dollari per i danni causati. Nessuno degli agricoltori colpiti aveva piantato mais transgenico, ma i loro raccolti sono stati comunque gravemente contaminati, rendendo impossibile l’esportazione in Cina.

Questo è solo uno dei gravi pericoli degli OGM : possono facilmente contaminare altre colture anche a lunghe distanze.

Per motivi sanitari e ambientali, il ministro dell’agricoltura cinese ha dichiarato nell’agosto di quest’anno che la Cina non produrrà riso o mais transgenici.

Intanto in Spagna….

Gli ecologi in azione , tra gli altri, denunciano che il Ministero dell’Agricoltura e le Comunità Autonome ci nascondono ancora una volta informazioni e non forniscono le cifre reali del totale dei transgenici coltivati ​​in Spagna .

I dati offerti dal Governo e dalle Comunità Autonome sono invece lungi dall’essere simili. In alcuni casi sono addirittura raddoppiati.

In questa tabella sono riportati gli ettari coltivati ​​a mais transgenico Monsanto Mon810 secondo il Ministero e secondo le Comunità Autonome. Colpisce che secondo Castilla y León non si coltiva mais transgenico, mentre secondo il governo sì.

Perché le Comunità Autonome danno cifre così basse rispetto a quelle fornite dal Ministero dell’Agricoltura? Alcuni di loro non hanno nemmeno risposto alle richieste che sono state fatte, più volte, per offrire le informazioni esatte degli ettari coltivati ​​a transgenici, ma si rifiutano di renderle pubbliche nonostante siano obbligate a rendere pubblici questi dati. .

.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *