Suggerimenti

Hai pesticidi nel tuo corpo ma una dieta biologica può ridurli del 70%

Questo il titolo di un articolo del quotidiano britannico The Guardian in cui ci raccontano i risultati di un nuovo studio recentemente pubblicato sui pesticidi negli alimenti. Questo studio conclude che una dieta verde riduce rapidamente i livelli di pesticidi (come il glifosato) che sono collegati a malattie come il cancro.

Il famoso Roundup è il pesticida più utilizzato in agricoltura in tutto il mondo.

In questo studio, i ricercatori hanno trovato il glifosato in tutti i partecipanti, compresi i bambini di 4 anni. I più giovani sono tra i gruppi più vulnerabili ai pesticidi.

Ma non ci sono solo cattive notizie: mangiare cibo biologico funziona . Con una dieta a base di alimenti biologici, i livelli di pesticidi presenti nell’organismo si riducono drasticamente.

L’uso di pesticidi nella produzione alimentare

Ve l’abbiamo già detto: più pesticidi vengono utilizzati ora che mai per produrre “cibo”. E non solo, i pesticidi vengono utilizzati anche per spruzzare parchi per bambini e aree verdi in genere, bordi stradali, ecc.

La Spagna, in particolare, è il Paese dell’Unione Europea che utilizza il maggior numero di pesticidi a causa dell’aumento della superficie dedicata all’agricoltura intensiva monocoltura. All’estremo opposto abbiamo la Danimarca, che ha già ridotto del 50% l’uso di pesticidi.

E sappiamo perfettamente quali sono gli effetti dei pesticidi sull’ambiente: contaminazione del suolo, dell’acqua e dell’atmosfera che produce ogni tipo di effetti nocivi sugli esseri viventi, comparsa di super parassiti (che contraddizione, vero?), riduzione o addirittura eliminazione di biodiversità, impoverimento del suolo coltivato, solo per citarne alcuni.

Nel post Pesticidi: impatto sull’ambiente, salute e alternative sostenibili parleremo più in dettaglio di questo argomento.

Perché il glifosato è pericoloso?

Questo pesticida è stato classificato dalla US Environmental Protection Agency (EPA) come potenziale cancerogeno (che causa il cancro o ne favorisce la comparsa) nel 1983. Quasi 40 anni fa.

Diverse indagini collegano il glifosato a malattie renali, aborti, danni al DNA, squilibri nel microbiota intestinale, malattie del fegato e alterazioni ormonali.

Perché il glifosato è stato usato per decenni?

Non solo ha continuato ad essere utilizzato per produrre cibo, ma anche l’uso del glifosato è aumentato da allora grazie al potere che Monsanto (ora della multinazionale Bayer) ha sulle decisioni dell’EPA, che ha persino soppresso le prove che ha mostrato gli effetti sulla salute del glifosato e aumentando la soglia legale dei residui consentiti negli alimenti a 300 volte al di sopra dei livelli considerati sicuri.

Negli ultimi anni, l’EPA ha approvato più di 100 nuovi pesticidi con componenti considerati altamente pericolosi. E il Roundup continua a vendere senza alcun avviso di sicurezza.

Che le aziende di pesticidi abbiano così tanto potere sulle decisioni del governo è un serio problema per la nostra salute e quella del pianeta.

A causa dell’elevata esposizione al glifosato a cui sono esposti i cittadini, non sorprende che in pochi decenni si sia riscontrato un aumento del livello di glifosato nella popolazione dal 12% al 70%.

Residui di pesticidi dal cibo nelle famiglie

Le famiglie che hanno partecipato, da un lato, sono stati studiati i livelli di pesticidi con una dieta a base di alimenti convenzionali e dall’altro, con una dieta al 100% a base di alimenti biologici.

Tutti i membri della famiglia che hanno partecipato a questo studio avevano il glifosato nei loro corpi. Anche i bambini di 4 anni. I genitori sono stati preoccupati per i risultati a causa dell’elevata esposizione dei loro figli ai pesticidi. E hanno ragioni, la regolamentazione dei pesticidi non viene aggiornata sulla base delle attuali prove scientifiche e l’effetto prodotto dal cocktail di pesticidi che una persona può ingerire non viene misurato.. Non si tiene conto del fatto che questi pesticidi possono diventare più pericolosi anche se ingeriti da bambini, persone immunodepresse, donne in gravidanza, ecc. e livelli “sicuri” sono semplicemente stabiliti per l’intera popolazione, senza distinzione. E, dai risultati di questo e di altri studi, è chiaro che quei livelli di sicurezza non esistono.

Gli interferenti endocrini contenuti in molti pesticidi possono aumentare il rischio di malattie come cancro, malformazioni congenite, infertilità, neurotossicità, difficoltà di apprendimento, obesità e diabete… anche in quantità minime.

Le analisi scientifiche effettuate sui partecipanti hanno mostrato come la dieta biologica abbia ridotto i livelli di glifosato nell’organismo del 70% in soli 6 giorni.

Ma non solo sono stati trovati resti di glifosato, c’erano anche resti di altri erbicidi, pesticidi organofosfati, piretroidi e neonicotinoidi, tra i principali e più preoccupanti. Potete vedere tutti i dettagli dei risultati dello studio .

La Dieta Biologica

Ancora una volta vediamo che la dieta biologica è efficace nel ridurre drasticamente i livelli di pesticidi nel corpo.

Oltre a beneficiare le persone che mangiano biologico, l’esposizione ai pesticidi per gli agricoltori, le persone che vivono nelle aree rurali, gli ambienti naturali (terra, acqua, atmosfera) è ridotta e gli impollinatori e in generale sono protetti ad altre specie in via di estinzione.

È essenziale un sistema di produzione di cibo biologico accessibile a tutti, in cui nessuno dovrebbe essere esposto ai pesticidi attraverso il cibo. L’agroecologia dovrebbe essere sostenuta con i fondi necessari per posizionarla come un modo sostenibile ed equo che garantisca un’alimentazione sana per tutti .

Da ECOagricultor siamo consapevoli e impegnati da molti anni nell’agricoltura ecologica e nel consumo di cibo sano, ecco perché abbiamo messo a tua disposizione il Negozio Ecologico di ECOagricultor in cui hai cibo biologico certificato ai migliori prezzi, abbiamo anche un Gruppo di Consumatori Ecologico con molti vantaggi per i suoi membri.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *