Suggerimenti

Il giardino in primavera: le attività più comuni in questa stagione dell’anno

È primavera! E le ore diurne si allungano ed è ora di preparare tutto per averlo pronto e prendere splendidamente il giardino in primavera.

Ottenere un buon raccolto stagionale dipenderà dall’esecuzione dei compiti corretti in questo periodo dell’anno e dalla corretta cura durante la stagione.

Questo è senza dubbio uno dei momenti in cui si svolgono più lavori in giardino, ma il clima maggiormente accompagna e favorisce la realizzazione di queste attività familiari che daranno colore all’orto.

Giardino in primavera: le attività più comuni di questo periodo dell’anno

Si avvicina il momento di sostituire le colture invernali con colture primaverili-estive, quindi sarà necessario lavorare, sia nel giardino stesso che all’esterno.

In giardino:

  • Pianificare la sostituzione graduale delle specie invernali con quelle primaverili-estive. Vedrai come programmarlo seguendo, di seguito, i tempi migliori per la semina e il trapianto.
  • Preparare il terreno, togliere le piante spontanee, concimare e arieggiare. Va fatto circa 20 giorni prima di piantare in terra o trapiantare.
  • Pianificare l’area, considerando gli spazi necessari per ogni specie, considerando il controllo biologico dei parassiti, l’esposizione alla luce e la necessità di ombra per la specie prescelta.
  • Pianificare l’irrigazione, l’esposizione al sole e l’ombra. Si può prendere in considerazione un’installazione specifica per l’ombra e, soprattutto, per l’irrigazione durante l’estate. Come per esempio l’opzione dell’irrigazione a goccia .

Fuori dal frutteto:

  • Preparare i semenzai per le piante da trapiantare in primavera ed estate.
  • Progettare un sistema di irrigazione appropriato per l’intera stagione.
  • Effettuare trattamenti preventivi per la disinfestazione .

Calendario: cosa seminare in primavera

Per tenere un Quaderno di Campo (orario di lavoro) è necessario prima determinare quali specie vogliamo nel nostro orto, sia per produrre, sia per aumentare la biodiversità e attirare impollinatori e fauna ausiliaria per aiutare a controllare i parassiti in modo naturale.

È importante considerare che ci sono piante che possono essere seminate direttamente nel terreno, mentre ce ne sono altre che dovranno essere seminate in semenzaio e poi trapiantate.

  • Bietola : può essere seminata in semenzaio, trapiantata fino a marzo e raccolta fino a giugno.
  • Aglio : può essere seminato in piena terra da gennaio e raccolto fino a giugno.
  • Melanzana : si semina in semenzaio da marzo e può essere trapiantata ad aprile e maggio per essere raccolta da giugno a settembre.
  • Patata Dolce o Patata Dolce : si semina direttamente in terra tra aprile e maggio, per essere raccolta tra settembre e novembre.
  • Zucchini e Squash : Sono preparati nel letto di semina da aprile e possono essere rapidamente trapiantati per i raccolti da luglio a novembre.
  • Cipolla ed erba cipollina: dalla semina in semenzaio a partire dall’inverno, può essere trapiantata da febbraio e raccolta tra maggio e settembre.
  • Piselli (Piselli) e Fagioli di Lima : vengono seminati direttamente nel terreno e raccolti tra marzo e maggio.
  • Rapa: si semina direttamente in piena terra durante l’inverno e fino ad aprile, per avere raccolti fino a giugno.
  • Cetriolo : si semina in semenzaio da marzo, si trapianta fino a giugno e si semina fino a settembre.
  • Peperoncino o Peperoncino : si semina in semenzaio tra marzo e aprile, può essere trapiantato fino a giugno e raccolto da giugno a novembre.
  • Porro o Aglio : si semina in semenzaio fino a marzo, trapiantando fino a maggio si può raccogliere fino ad agosto.
  • Ravanello e Barbabietola o Betabel : si pianta direttamente nel terreno fino ad aprile e si raccoglie fino a giugno.
  • Lattuga : le piantine possono essere preparate dall’inverno e trapiantate fino a maggio, per raccogliere fino a luglio.
  • Melone : si semina in semenzaio da maggio, trapiantato a giugno e raccolto fino a settembre.
  • Anguria : si semina in semenzaio e si trapianta fino a giugno ottenendo semine fino a settembre.
  • Pomodoro : viene seminato in semenzaio e trapiantato da marzo a giugno, per ottenere raccolti tra giugno e ottobre.
  • Carote : si semina direttamente nel terreno e si raccoglie fino a giugno.

Le date sono approssimative e possono variare leggermente in base alle condizioni climatiche della regione, avendo cura soprattutto di evitare e proteggere correttamente il frutteto dalle ultime gelate .

Associazioni e rotazione delle colture

La chiave per un orto di successo in ogni ciclo colturale è conoscere a fondo l’importanza dell’associazione e della rotazione delle colture seguendo questi criteri:

  • I fabbisogni nutritivi di ogni pianta : dopo aver coltivato una pianta esigente (come cavoli, broccoli, patata dolce) o moderatamente esigente (come bietola, carota, cipolla), sarà necessario utilizzare il terreno con una meno esigente ( come fagioli, ravanelli o zucchine).
  • Famiglia botanica di appartenenza : è importante cercare di evitare di piantare piante della stessa famiglia della coltura precedente.
  • L’affinità o intolleranza tra piante : proseguendo con il punto precedente, conviene seminare belladonna (pomodoro, peperone, melanzana) dove erano presenti le liaceae (come porro, cipolla o aglio); mentre è meglio evitare di piantare belladonna dove prima c’erano le cucurbitacee (come zucchine, zucca, anguria o melone).
  • Gli apparati radicali : si consiglia di sfruttare gli apparati radicali per favorire il drenaggio e l’areazione del terreno, seminando piante a radicamento intermedio (melanzana, peperone, carota) dopo quelle a radicamento superficiale (aglio, cipolla, spinacio) ed infine quelle di radici profonde (pomodoro, patata dolce, zucca)
  • La parte della pianta che si consuma : è un punto importante per sfruttare al meglio la produzione ed evitare gli sprechi, oltre che per mantenere un orto colorato e sano, poiché le verdure a foglia hanno bisogno di molto azoto, mentre le verdure da frutta richiedono più di il fosforo e i tuberi assorbono più potassio.

Come puoi vedere, è un argomento tanto interessante quanto importante. Per conoscerla bene vi consiglio di leggere questo post sulle Associazioni delle Colture , quest’altro articolo sulla Rotazione delle Colture e vi lascio anche questa pratica Tabella delle Associazioni delle Colture .

Come prevenire parassiti e malattie

L’ afide , il ragno rosso , le gite , la mosca bianca , le chiocciole e lumache , il Mindiu , l’ oidio , la Roya … sono parassiti e malattie molto comuni nel giardino.

Di pari passo con l’associazione e la rotazione delle colture, per mantenere un orto sano ed equilibrato è importante pianificare il controllo di parassiti e malattie, che si manifestano, soprattutto in primavera e in estate.

Dato che gestendo un orto stiamo realizzando, in un modo o nell’altro, una semplificazione dell’ecosistema, insetti e microrganismi (principalmente funghi) possono causare seri problemi se non si attua una buona prevenzione e controllo.

Esistono diversi modi per prevenire e controllare parassiti e malattie in giardino. Abbiamo già visto che l’associazione e la rotazione delle colture è una di queste per mantenere il suolo sano, fertile e biologicamente attivo, ma è importante considerare anche:

  • Piante repellenti : la coltivazione di specie aromatiche, medicinali e ornamentali, come calendula , nasturzio , basilico , borragine e garofano cinese, che donano colore e respingono gli insetti parassiti. In questo post ti fornisco esempi di piante che aiutano a controllare i parassiti .
  • Piante da trappola : che attirano gli insetti utili o proteggono quelli che sono piantati in una seconda linea del giardino.
  • Trappole per parassiti : realizzate per attirare e catturare insetti, come nastri con colla per formiche e trappole chiare o colorate.
  • Preparati preventivi con estratti vegetali : ottenuti dalla fermentazione o decotto di piante essiccate o fresche, come cipolla , equiseto e ortica , da spruzzare sulle piante una o due volte al mese. Ecco 7 ricette di biopreparati contro le piaghe .

Che si tratti di avviare un orto in casa o di mantenere il giardino sano e produttivo in questo periodo dell’anno, è essenziale fare una pianificazione dettagliata, mantenere un controllo e un’agenda per prevenire parassiti e malattie.

Ogni giardino, in base alle sue dimensioni, ubicazione e rotazione delle colture, pone una cura specifica focalizzata, soprattutto durante la primavera e in vista dell’estate, sull’orientamento e sulla pendenza del terreno per soddisfare le esigenze di luce, ombra e irrigazione.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *