Suggerimenti

Il ruolo dei produttori biologici

Questo post è scritto da Africa Teruel, una donna molto attenta al consumo responsabile che ha scritto anche il post Mangiare biologico non costa più e che vi consigliamo di leggere.

Il produttore è considerato colui che coltiva frutta e verdura o che alleva animali per la successiva vendita. Ovviamente qui ci occuperemo solo di chi lo fa in biologico.

Bisogna fare una distinzione tra produttori biologici : la maggioranza che coltiva su larga scala e la minoranza che lo fa a livello locale.

Quasi la metà si trova in Andalusia, poi in Castilla-La Mancha, Catalogna ed Estremadura e coltiva principalmente cereali, oliveti, noci, vigneti e solo il 3% di ortaggi, patate e legumi.

La maggior parte dei prodotti viene esportata, in particolare: vini, frutta , verdura e olio d’oliva .

Se teniamo conto che la spesa media per persona all’anno sui prodotti biologici è di circa 42 euro, è chiaro che pur essendo la Spagna il primo produttore biologico europeo e il quinto a livello mondiale, non cresce per casa ma per l’esportazione.

Ciò significa che più o meno la metà di ciò che consumiamo viene importato e quella cifra non smette di aumentare, il che finisce per rendere il prodotto più costoso. Riceviamo cereali e semi di soia, frutta e verdura di stagione, tropicale ed esotica, alimenti per l’infanzia, prodotti dietetici, latticini e derivati, caffè, tè, infusi, derivati ​​del cacao nonché mangimi e materie prime per allevamenti o industrie ecologiche da parte del Unione Europea, Stati Uniti, Sud America e India.

Quindi l’immagine che ci viene venduta dal settore maggioritario della prossimità e della sostenibilità è abbastanza fuorviante perché né l’esportazione né l’importazione rispettano queste massime. È un’altra industria e si comporta come tale. L’unica cosa che cambia è il prodotto che vendi o acquisti poiché i loro prezzi sono regolati dalle stesse linee guida di quelli dell’agrobusiness.

Cosa cambia allora?

Il produttore ha due opzioni: seguire la linea di esportazione per essere competitivo oppure scegliere una crescita moderata dedicandosi al commercio locale.

Abbiamo già parlato della prima opzione, passiamo alla seconda.

Oggettivamente è il più difficile e se chi lo sceglie vuole sopravvivere dovrà cambiare mentalità.

Siamo tutti rimasti con il fatto che Darwin ha basato la sua teoria dell’evoluzione sulla competitività perché è una bugia! Gli organismi che sopravvivono sono quelli che collaborano e si trasformano.

Questo è quello che devi imparare e qui ci sono alcune chiavi:

  • smettila di pensare che sei solo e che sei l’unico che lo sa
  • smettila di incolpare il consumatore che sceglie il meno caro
  • comunicare con altri produttori come lui
  • creare e promuovere un mercato locale
  • organizzare un calendario di semina comune per province in modo che il consumatore sia sempre rifornito
  • condividere i costi di stoccaggio, distribuzione, ecc… per abbassare i prezzi
  • prova, a poco a poco, a prendere in mano l’intera catena distributiva integrando altri partner
  • ritorno allo spirito della gilda

Se non cambia, non avrà futuro e sarà presto assorbita perché non può competere né con i grandi produttori né con i grandi supermercati.

Dipende da lui…

Nel prossimo articolo parleremo di etichettatura ECO

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *