Suggerimenti

Manutenzione della pianta Echinocereus, Organite o Thornbush

Il genere Echinocereus è composto da circa 75 specie di cactus provenienti dal Messico e dagli Stati Uniti meridionali. Alcune specie sono : Echinocereus cinerascens, Echinocereus sciurus, Echinocereus pectinatus, Echinocereus blanckii, Echinocereus pentalophus, Echinocereus baileyi.

È conosciuta con i nomi volgari di Organito, Pitaya o Céreo espinoso.

Questi cactus formano gruppi densi e hanno un aspetto simile ai cactus del genere Cereus, differenziandosi da loro per il fatto che hanno frutti con le spine. Gli steli possono essere cilindrici o ovali, con circa 5 o 7 costole e areole allungate con spine di 2 tipi: uno lungo e scuro al centro circondato da altri di colore più chiaro e di dimensioni più piccole. I fiori sono di notevoli dimensioni e possono essere viola, gialli o rosa. Fioriscono da metà primavera a metà estate. I loro frutti sono commestibili.

Di solito vengono utilizzati in vasi da fiori o fioriere per terrazze e balconi e per formare gruppi in un giardino di cactus.

Céreo espinoso necessita di un’esposizione semi-ombra ed è in grado di resistere alle alte temperature e al gelo fino a quando l’umidità ambientale è bassa. Durante la stagione di riposo, è conveniente avere temperature fresche e frequenti cambi d’aria.

Il terreno potrebbe essere una miscela di 50% di lettiera di foglie e 50% di sabbia grossolana. La ghiaia deve essere aggiunta alla superficie del substrato per evitare l’accumulo di umidità. In caso di trapianto , è consigliabile farlo in primavera.

L’acqua è generosa durante l’estate e riduce l’irrigazione il resto dell’anno fino a quando non viene quasi eliminata in inverno.

Concimare in estate ogni 15 giorni con un concime minerale a basso contenuto di azoto

Possono essere attaccati in inverno da l’acaro del ragno rosso perché hanno bisogno di molta siccità durante la stagione di riposo; questo problema può essere risolto spruzzando un po’ d’acqua vicino alla pianta, purché non ci sia pericolo di gelo.

Essi si moltiplicano abbastanza facilmente da talee effettuate durante la prima metà dell’estate, che possono attecchire in un substrato standard.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *