Suggerimenti

Mosca dell’olivo: trattamento

Essendo l’olio d’oliva uno dei principali prodotti che l’industria spagnola produce, non sorprende l’impatto che la mosca dell’olivo (Bactrocera oleae) ha sui suoi agricoltori. Ogni anno vengono investiti grandi sforzi e denaro nella lotta contro questo parassita, che è il principale parassita nella coltivazione dell’olivo e colpisce principalmente le olive, rovinandole, ma nei casi più gravi può anche finire per colpire l’intero olivo.

Se vuoi saperne di più sulla mosca dell’olivo e sul suo trattamento, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde dove troverai una guida su questo parassita.

Cos’è la mosca dell’olivo e il suo ciclo

Con il nome scientifico Bactrocera oleae, a prima vista la mosca dell’olivo non è troppo diversa da quelle che è comune vedere nella maggior parte degli ambienti urbani. È un parassita che può essere trovato in tutta l’area mediterranea, così come in gran parte dell’Africa, Isole Canarie, India, Asia occidentale e California. il ciclo vitale della mosca dell’olivo è il seguente:

  1. Il loro ciclo vitale inizia con la deposizione delle uova da parte delle femmine, che effettuano perforando la buccia dell’oliva con il loro ovicapto, un organo specializzato. Con esso si depositano le uova sotto la buccia dell’oliva, quando l’oliva ha un diametro di circa 8 mm. Questo morso lascia un segno visibile sull’oliva, verde scuro dapprima e marrone poi, quando guarisce.
  2. L’uovo si schiude tra 2 e 10 giorni dopo la deposizione, a seconda del tempo e della stagione.
  3. La larva cresce scavando gallerie nel frutto, sviluppando ed effettuando due modifiche. Quando è prossima alla terza ed ultima muta, la larva prepara la sua uscita dal frutto.
  4. Nei mesi caldi, la larva si trasforma in pupa all’interno dell’oliva, vicino alla sua buccia, fino a quando non assume la forma adulta e lascia il frutto.
  5. Nei mesi freddi, invece, la larva trafigge il frutto per farlo cadere a terra, dove forma la pupa, nella quale rimane fino all’arrivo della successiva primavera o stagione calda.

La durata del suo ciclo biologico dipende molto dal clima e dalla stagione, e può variare da un minimo di 20 giorni quando la temperatura è ottimale, fino a 5 mesi se la pupa trascorre l’inverno nel terreno, in letargo. La sua temperatura ideale è di circa 20 ºC. Al di sopra dei 30ºC la mosca dell’olivo diventa meno fertile e al di sopra dei 32ºC molte delle sue uova muoiono. Allo stesso modo, anche questo insetto non può sopravvivere al di sotto di 0 ºC. Pertanto, nelle colture costiere la mosca si sviluppa per gran parte dell’anno, mentre nelle colture interne i suoi mesi di attività sono più concentrati sulla primavera e sull’autunno.

Quando trattare la mosca dell’olivo – tempo del trattamento

Dato che, come abbiamo appena visto, questa piaga evolve in modo molto diverso a seconda del clima e delle condizioni locali, non è possibile stabilire un tempo universale per il suo trattamento. Invece, per sapere quando trattare la mosca dell’olivo, sarà necessario:

  • Analizza quanto è diffusa la peste.
  • Dove sei nel tuo ciclo?
  • Qual è il miglior trattamento da applicare?

Come combattere la mosca dell’olivo – trattamento

Esistono vari trattamenti per eliminare la mosca dell’olivo.

  • Quando non è molto diffuso, è consuetudine utilizzare parzialmente l’insetticida per la mosca dell’olivo, utilizzando la tecnica del patching e dell’attrattivo, in modo da non saturare la coltura con sostanze chimiche.
  • Per un trattamento totale, se la lesione è molto grave, i prodotti fitosanitari per la mosca dell’olivo verranno applicati solo quando la lesione della raccolta è superiore all’1% nella stagione dell’inverdimento, o al 3% nel frantoio.
  • E’ inoltre possibile ricorrere ad un trattamento ecologico per la mosca dell’olivo, soprattutto se stiamo cercando un uliveto ecologico. In questo caso, la misura più popolare e utilizzata sono le trappole per mosche delle olive.. Di questi, il più comune è il cosiddetto olip trap. Questi possono essere fatti in casa, riciclando vecchie bottiglie di plastica, e sebbene il loro costo economico sia molto basso, la loro efficacia è più che dimostrata. Viene prodotto utilizzando una bottiglia in PET, a cui sono praticati alcuni fori di circa 5 mm di diametro nel quarto superiore. La metà inferiore della bottiglia viene quindi riempita, leggermente al di sotto dei fori, con un attrattivo, il fosfato diammonico sciolto al 3 o 5% che è uno dei più utilizzati. La trappola è appesa ai rami meridionali degli ulivi, al riparo dal sole diretto, e le mosche entreranno attraverso i buchi per affogare nell’acqua. La trappola deve il suo nome alla Cooperativa Olivarera los Pedroches, dove è stata ideata.
  • Infine, il controllo biologico può essere utilizzato anche con l’introduzione di specie predatorie di questo insetto, soprattutto nella sua fase suolo durante l’inverno, nonché l’utilizzo di funghi entomopatogeni nel terreno della coltura.

Ora che hai imparato di più sul trattamento per la mosca dell’olivo, ti consigliamo questi altri articoli di EcologíaVerde sui parassiti dell’olivo e sul loro trattamento naturale e sulle malattie dell’olivo.

Se desideri leggere altri articoli simili a Mosca dell’olivo: trattamento, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.