Suggerimenti

Nabicol o cavolo rapa: [coltivazione, cura, irrigazione, substrato e parassiti]

Punti importanti per la semina di Nabicol
  • Quando? Preferibilmente, dovrebbe essere seminato all’inizio della primavera o quando finisce l’estate ed entra l’autunno. Da maggio a settembre è il periodo indicato.
  • Dove? A loro piace molto vivere in climi freschi o temperati. Sostiene una buona dose giornaliera di sole, ma mai eccessiva, perché poi avrà un sapore amaro.
  • Come prepariamo il terreno? Il terreno fertile e ben drenante è l’ideale. Privo di rocce, ben scolpito e mai impregnato d’acqua. Aggiungere la lolla di riso in modo che non si compatta.
  • Come seminiamo? La semina diretta del seme in giardino è la migliore. Misure: mezzo pollice di profondità e 1 pollice di distanza tra loro, in più file distanti 30 cm. Innaffiali ogni giorno gocciolando.
  • Come paghiamo? Un ottimo fertilizzante è l’ humus del lombrico. Applicare ogni 15-20 giorni.
  • Quando raccogliere? A partire da 90 giorni si raccolgono, si può ottenere in inverno se la semina è avvenuta a fine estate .
  • Temperatura ideale? La temperatura ideale va dai 12 ai 27ºC, anche se esistono cultivar che si adattano perfettamente alle temperature invernali moderate.
  • Come innaffiamo? Le annaffiature saranno costanti, ma non esagerate, per ottenere il miglior sapore da questo squisito tubero. Con dripping , il risultato sarà magnifico.
  • Malattie e parassiti? Probabilmente ci saranno fumigazioni e rimuoveranno i tonchi germogli, cavoli mosca, lumache, bruchi di cavolo cappuccio, vermi grigi e afidi.

 

Cos’è Nabicol?

Il Nabicol, Cavolo rapa o Brasicca naprobrasicca , come indica il nome, è un tubero crocifero ibrido derivante dall’incrocio tra rapa e cavolo cappuccio o cavolo, grazie a cultivar provenienti dall’Europa e dal Nord America.

Può crescere fino a circa 25 centimetri di altezza ed è in grado di espandersi o allargarsi di circa 35 centimetri, con una radice di 10 centimetri di diametro e 10 di profondità.

Ha varie applicazioni culinarie. Le sue foglie e le sue radici vengono utilizzate con lo stesso trattamento in gastronomia, dato a spinaci e bietole , viene utilizzato nelle insalate, nei prodotti da forno e il tubero viene utilizzato anche come degno sostituto delle patate .

E vanta elevate proprietà nutritive che favoriscono il rafforzamento del sistema immunitario e prevengono la comparsa di malattie gravi come il cancro, grazie ad un alto contenuto di vitamine, soprattutto C, minerali e altri nutrienti molto potenti.

Il suo seme è utilizzato al massimo, grazie al suo alto contenuto di olio vegetale utilizzato per produrre vernici, lubrificanti, oli e repellenti per insetti, tra le altre applicazioni per l’industria farmaceutica.

 

Dove dovremmo seminare il cavolo rapa?

Questa pianta ha bisogno di vivere in climi freschi o temperati, in modo che possa svilupparsi in circa 90 giorni al massimo. A temperature estreme, soprattutto molto calde, i suoi frutti e le sue foglie diventano amari e non raggiungono grandi dimensioni.

Quando coltiviamo il nabicol?

Questo tubero è abbastanza resistente , resiste alle basse temperature e anche alle gelate, ma è consigliabile coltivarlo all’inizio della primavera , quando le temperature si sono già alzate.

Oppure si può fare anche a fine estate, per raccogliere in inverno e gustare piatti prelibati.

Come prepariamo il terreno?

Il terreno deve essere ricco di sostanze nutritive, in modo che la pianta sfrutti tutto il carico energetico e possa crescere sana, pienamente.

Un’altra condizione del terreno deve essere la sua grande permeabilità, priva di rocce o sassi, perché questo curioso tubero non sopporta le inondazioni.

Ti danneggiano molto, quindi devi sempre avere un terreno ben arato, molto ricco di sostanza organica e rinforzato con un buon fertilizzante arricchito.

È molto importante che il terreno sia sempre umido, per garantire tuberi di buona qualità. Evitare le pozzanghere è essenziale, quindi un sistema di irrigazione a goccia sarà più che sufficiente per proteggere un buon raccolto.

Un buon compost, preferibilmente di lombrichi, ogni 15-20 giorni manterrà il terreno ottimale per la crescita.

E il pH del terreno dovrebbe variare da 6,0 a 7,5. Puoi usare la calce per aumentare il pH o lo zolfo se devi abbassarlo, se le misurazioni non ti favoriscono.

 

Come seminare nabicol passo dopo passo?

È necessario seguire, passo dopo passo, semplici istruzioni per piantare i nabicot in un giardino di casa.

La cosa più consigliabile è fare una semina diretta, ha più successo che fare successivi trapianti di piantine ottenuti con la germinazione dei semi .

Tuttavia, entrambi i metodi sono validi purché vengano completati i seguenti passaggi:

Semina diretta

  1. Quando il seme viene piantato direttamente nel terreno, calcolare preventivamente la seguente distanza: circa 12,5 millimetri di profondità (1/2 pollice) e circa 25 millimetri (1 pollice) tra ciascuno. Inoltre, ogni riga deve avere una separazione di circa 30 centimetri.
  2. Man mano che le piantine crescono, vengono annaffiate giornalmente, ma senza ricevere eccessivi bagni d’acqua, perché bisogna evitare che marciscano.
  3. Devi anche eliminare le erbacce che si incrociano tra le piantine, perché ti privano di sostanze nutritive e acqua.
  4. Quando le piantine sono alte circa 5 pollici, è bene spargere un sottile strato di pacciame organico sul terreno attorno alle piantine per rallentare la crescita delle erbacce e favorire l’umidità del suolo.

 

Semina per trapianto

Materiali

  • Un focolaio.
  • substrato di terreno sciolto e permeabile. (Mescolare l’hummus con la lolla di riso in modo che non si compatta).
  • semi.
  • Spruzzatore per l’irrigazione quotidiana.

Processi

  1. Applicare il substrato a tutte le cavità del letto di semina e distribuire subito dopo i semi in una proporzione adeguata, cercando di ottenere una distribuzione uniforme. Circa 3-4 semi andranno bene per ogni buca.
  2. Innaffia con spruzzi abbondanti ogni giorno, ma evita di bagnare eccessivamente il letto di semina. Il supporto deve essere mantenuto umido ma mai inzuppato d’acqua.
  3. Dopo circa 22 giorni, o poco meno, i germogli saranno pronti per essere estratti singolarmente dal semenzaio, avendo molta cura delle loro radici, per essere portati nel luogo definitivo di permanenza in giardino.
  4. Aprite una buca profonda circa mezzo pollice, in terreno fertile, che sarà destinato ad ogni pianticella, avendo cura che ci sia uno spazio tra ogni tubero di circa 8-10 centimetri, in modo che non si rubino i nutrienti l’uno dall’altro.
  5. Applicare l’irrigazione quotidianamente, senza che il substrato diventi troppo fradicio, in un clima fresco e con luce solare indiretta, in mezz’ombra.

 

Di che cure ha bisogno il cavolo rapa?

  • Questo ortaggio merita buone dosi giornaliere di sole radioso, ma anche un po’ di fresco e di mezz’ombra.
  • Un buon substrato ricco di sostanza organica, come un terriccio frondoso arricchito con humus di lombrico e con una buona dose di lolla di riso in modo che non si compatta è l’ideale. La chiave più importante per un buon gusto risiede in terreni ricchi e ben nutriti.
  • L’irrigazione è un altro fattore molto importante per evitare che il sapore sia troppo amaro. Un drenaggio ideale, che non sia mai saturo, è l’ideale. E se il terreno diventa secco, la crescita rallenta e il sapore sarà molto sgradevole.
  • Una temperatura ideale per una rapida crescita varia da 12ºC a 27ºC, o quando vedi che lo stelo ha raggiunto circa 3 pollici di diametro.

Quali parassiti e malattie ha?

L’ afide e il cavolo cappuccio , i germogli di punteruolo , le lumache, il bruco del cavolo cappuccio ei vermi grigi, gli insetti sono spesso l’attacco più comune di questa meravigliosa cultivar.

È necessario che venga sempre fatta una costante revisione del giardino in modo che vengano rimossi anche i vermi che tendono a mordere le foglie, ma questa non è la norma, bensì l’eccezione, perché questo tubero ha a suo favore una rapida facilità di crescita , anche il raccolto arriverà in breve tempo, quindi è molto difficile o raro che una pestilenza lo colpisca gravemente, al punto da ucciderlo.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.