Suggerimenti

Parassiti e malattie del cavolfiore: [rilevamento, cause e soluzioni]

Il cavolfiore è un ortaggio dal gusto molto buono e dalle proprietà ideali per la salute. Il suo consumo può essere fatto crudo o cotto.

Intorno alla semina, le sue radici sono generalmente corte, ma questo non significa che sia una coltura che ha bisogno di molto spazio per crescere.

Considerare i parassiti e le malattie che possono attaccarti è decisivo per ottenere buoni raccolti. E lo scopo che cerchiamo in questo articolo è che tu conosca i dati più precisi sull’argomento in modo da sapere come agire, se necessario.

bruchi

Rappresenta un parassita frequente nelle colture di cavolfiore , che attacca in modo dannoso quando è larva, non quando diventa farfalla.

Il punto focale è orientato verso le foglie, che appaiono piene di buchi prodotti dal consumo della loro struttura.

Questi morsi portano a un evidente indebolimento della pianta e, in alcuni casi, le ferite possono marcire. Esistono diversi tipi di bruchi che possono causare danni alle piante, alcuni preferiscono qualsiasi tipo di foglia, mentre altri optano per la più tenera.

D’altra parte, la maggior parte dei bruchi attacca di notte, rendendoli difficili da percepire. Pertanto, vengono rilevati sia per il danno. Per affrontarli, è meglio usare i feromoni e installare anche fonti di luce dove si trovano le colture.

Muffa

È una delle malattie più comuni che colpisce solitamente la coltivazione del cavolfiore e che si genera nelle stagioni in cui prevalgono il freddo e l’umidità.

La sua azione va direttamente alle foglie in cui si generano delle macchie che prima hanno un aspetto untuoso e poi diventano brune e appassite .

Questa condizione può verificarsi, sia nelle piante giovani che in quelle già sviluppate, provocando danni in qualsiasi fase. Poiché le foglie vengono interrotte dal loro normale processo di fotosintesi , lo sviluppo del vegetale può essere gravemente compromesso.

Per evitarne la comparsa, è fondamentale utilizzare piantine molto resistenti, nonché anticipare l’applicazione di fungicidi in modo preventivo.

Mosca bianca

La mosca bianca genera due tipi di danni sulle foglie di cavolfiore. Il primo di essi è dovuto all’aspirazione che fa della linfa dello stesso per alimentarsi.

Il secondo ha a che fare con la produzione di melassa , che non è solo un punto di ingresso per i funghi, ma sporca anche le foglie.

È un parassita che può comparire a temperature piuttosto basse, cosa rara nella maggior parte dei parassiti dove la preferenza è in calore. Trovare la mosca bianca sulla pianta sarà un compito più o meno semplice se controlliamo la parte inferiore delle foglie, poiché di solito si trovano lì.

In ogni caso, se c’è un attacco, puoi sfruttare i tuoi estratti vegetali (come aglio o assenzio) per affrontarli.

afidi

Gli afidi sono parassiti che si trovano molto spesso in tutti i tipi di colture e il cavolfiore non fa eccezione.

Sono di diversi tipi a seconda della specie e questo permette loro di variare in termini di caratteristiche fisiche, soprattutto per quanto riguarda i colori.

Sono minuscoli afidi che non superano i 3 mm di lunghezza e la loro dieta è a base di piante giovani. Queste piante consumano gli zuccheri presenti nella linfa, che estraggono per aspirazione.

All’inizio le larve hanno la proprietà di consumare parti delle foglie , creando delle gallerie al loro interno. Più tardi, quando diventano adulti, estraggono la linfa e producono a loro volta una melata che attira le formiche e che è un campo aperto per l’insediamento degli audaci .

La cosa normale è che attaccano in modo pronunciato per un certo tempo, ma in pochissime occasioni provocano danni così dannosi da far perdere la piantagione. Quando si applica un trattamento, è meglio usare olio di neem , sapone di potassio o purina di ortica.

botrite

Quando si tratta di malattie del cavolfiore, la botrite è un fattore determinante per l’azione di un fungo.

Si manifesta in condizioni di elevata umidità, attaccando drammaticamente le piante, provocandone il marciume al loro interno .

Questo marciume si genera nei tessuti , soprattutto quelli localizzati nel collo e nei suoi steli più giovani. Questi attacchi possono essere evidenziati dalla presenza di una polvere grigia che corrisponde al micelio del fungo.

Una delle principali cause che ne favoriscono la comparsa ha a che fare con il fatto che la malattia si è manifestata in colture precedenti in quello stesso terreno. La cosa peggiore è che il trattamento della botrite è complesso e non in tutti i casi si ottengono i risultati desiderati.

Attualmente, uno dei composti che sta producendo migliori aspettative è l’iprodione, che è una polvere che viene diluita prima dell’applicazione.

falene

Le falene hanno diverse fasi della vita che colpiscono le piante di cavolfiore in modo diverso a seconda del loro stadio.

Il meno dannoso è in età adulta , quando diventa farfalla perché visita la pianta solo per nascondersi tra le foglie durante le ore di sole.

Questo perché il loro ritmo di vita è preferibilmente notturno. Tuttavia, rilevare la loro presenza può dare l’allarme sull’esistenza di larve che causano danni precisi e notevoli al cavolfiore. Le larve, appena schiuse dall’uovo, operano consumando il tessuto fogliare.

Ma man mano che crescono, vengono consumati anche i germogli e le infiorescenze. È una piaga che può essere controllata fin dall’inizio grazie all’uso di feromoni , oltre a prodotti biologici e chimici.

Sarà possibile gustare cavolfiori sani e gustosi purché le coltivazioni siano nelle migliori condizioni.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.