Suggerimenti

Proprietà e caratteristiche della pebrella

Amiamo le piante fuoristrada. Quelli che hanno una risposta di crescita rapida, si adattano a qualsiasi condizione climatica e, soprattutto, resistono agli ambienti siccitosi. Tutte queste caratteristiche definiscono perfettamente la pianta di pebrella, il cui nome scientifico è Thymus piperella. 

Questa pianta, oltre ad essere utilizzata come ornamentale in giardinaggio, viene utilizzata anche in gastronomia (ricordate il genere Thymus?) e, per lo straordinario odore che sprigiona, anche in profumeria e per produrre essenze.

Viene, quindi, considerata una spezia, anche se presenta notevoli differenze rispetto al timo comune ( Thymus vulgaris). Fornisce un sapore e un aroma ancora più intensi rispetto al timo tradizionale, rendendolo estremamente attraente per usi cosmetici.

I suoi usi in gastronomia sono molto simili (quasi gli stessi) a quelli a base di timo. Aroma selvaggina, sottaceti, pasta e quant’altro si possa pensare per la varietà tradizionale.

Principali caratteristiche della pebrella ( Thymus piperella)

La pianta di pebrella cresce in ambienti prettamente mediterranei, e lo fa spontaneamente. Caratteristica, quindi, la sua grande rusticità, che si sviluppa in ambienti rupestri, privi di precipitazioni e con forti escursioni termiche tra l’estate (secca e calda) e l’inverno (freddo e poco piovoso).

È considerata una pianta arbustiva, a portamento strisciante e di forma circolare, che solitamente non supera i 30 cm di altezza.

Questa pianta è anche conosciuta come timo d’oliva, poiché viene spesso utilizzata per condire le olive da tavola, insieme ad altre specie di timo, come il timo limone.

cura delle pebrelle

Climatologia

Temperatura

Adattata al clima mediterraneo, è una specie molto rustica che sopporta un’ampia escursione termica. Tollera dalle temperature gelide (sebbene con danni ai giovani germogli) alle estati calde con più di 35 ºC.

Tuttavia, la temperatura di crescita ideale è compresa tra 10ºC e 25ºC.

illuminazione

La pianta di pebrella, come ogni genere del genere Thymus, necessita di elevate dosi di luce. Se coltivata in giardino, può essere piantata in pieno sole, lontano da piante più grandi che forniscono ombra. Coltivato indoor, dobbiamo cercare l’area più illuminata e vicina ai vantaggi con un buon apporto di luce.

Umidità

Necessita di condizioni di bassa umidità, l’optimum è compreso tra il 60% e il 75%. Coltivata in vaso, non necessita di nebulizzazioni o applicazioni fogliari per aumentare l’umidità.

tipo di suolo

Pebrella cresce solitamente in suoli caratteristici dell’area mediterranea, in particolare quelli a tessitura sciolta (sabbioso o franco sabbioso), ambienti sassosi e con elevata presenza di calcio (calcareo).

Necessita di un terreno con un buon drenaggio per favorire una buona ossigenazione delle sue radici. Si consiglia di evitare i terreni argillosi o, se ne possiedi uno, moderare molto le annaffiature, applicando più quantità con minore frequenza.

Il pH a cui la pianta è abituata è compreso tra 6,5 ​​e 8.

Substrato ideale:  25% sabbia + 25% fibra di cocco + 50% supporto universale

bisogni di acqua

Il fabbisogno idrico della pebrella ( Thymus piperella)  è straordinariamente basso, potendo svilupparsi in ambienti desertici con precipitazioni annue inferiori a 150 mm.

Nelle piantagioni commerciali ci si è accorti che per ottenere la migliore qualità dei suoi componenti attivi (timolo, carvacrolo e metil salicilato, tra i più importanti), è necessario mantenere un livello idrico basso, nonostante il calo della resa produttiva (kg/ha).

Per la sua crescita spontanea, preferisce gli ambienti asciutti piuttosto che le zone umide vicino a fiumi, bacini artificiali o foreste ombrose.

  • Irrigazione in estate:  2 irrigazioni settimanali.
  • Irrigazione in inverno:  1 irrigazione ogni 7/15 giorni a seconda delle precipitazioni.

La pebrella coltivata in vaso viene solitamente annaffiata con un volume d’acqua di 1/5 del contenitore.

Uso di fertilizzanti

Nonostante tutte le specie di timo siano molto rustiche, se lo coltiviamo in giardino o in vaso possiamo facilitarne lo sviluppo in primavera con l’apporto dei fertilizzanti. Possiamo scegliere fertilizzanti liquidi (li mescoliamo con l’acqua di irrigazione alla dose di 1-2 ml/L di acqua) o fertilizzanti solidi granulari che applichiamo due volte l’anno.

Concime consigliato: NPK 12-8-16 con micronutrienti

Dose di 100 g per arbusto coltivato in giardino, 2 applicazioni all’anno (1° all’inizio della primavera e la 2° in estate). Per le pebrelle coltivate in vaso, applicare la quantità di un cucchiaio da minestra distribuita uniformemente su tutta la superficie del contenitore, una volta all’anno.

Altri fertilizzanti per Thymus piperella:

moltiplicazione delle piante

La pebrella si moltiplica facilmente per semi o per talea. Nel caso di farlo attraverso i semi, otterremo una pianta diversa dalla madre. Nel caso di talee, otterremo una copia esatta della pianta da cui abbiamo selezionato la talea.

La moltiplicazione delle pebrelle per talea necessita di cercare un giovane stelo di circa 10-15 cm di lunghezza. Eliminiamo le foglie che si trovano alla base e manteniamo quelle in alto. Quella parte verrà immersa per alcuni giorni in acqua per stimolare l’emergere di nuove radici.

Quando vediamo che si formano una specie di minuscoli peli biancastri, possiamo effettuare il trapianto in un vaso con una miscela di torba e  fibra di cocco. È importante mantenere costante l’umidità ed evitare che a un certo punto si secchi, mantenendo la temperatura calda e costante che l’interno della casa ci fornisce.

Pebrella parassiti e malattie

Anche le piante aromatiche e medicinali possono essere invase o infettate da parassiti e malattie, anche se in misura minore rispetto, ad esempio, alle piante orticole. Nel caso della pebrella e di tutte le specie del genere Thymus, possono soffrire della presenza della cocciniglia cotonosa, localizzata sui giovani germogli.

Per la sua eliminazione possiamo spruzzare ogni 3 giorni con sapone di potassio, acqua + 2ml/L di acqua ossigenata o alcool fino a completa pulizia della pianta.

Per quanto riguarda le malattie, l’elevata umidità del substrato condiziona la comparsa di malattie che vivono in zone umide e con scarso ossigeno. Sono funghi del collo come la Phythopthora che colpiscono la pianta e sono difficili da eliminare. Per combattere questo tipo di fungo si possono utilizzare soluzioni di rame, come la miscela bordolese.

Raccolto Pebrella per uso gastronomico

L’uso che si fa della pebrella in gastronomia è molto simile a quello del timo comune. Pertanto, il momento migliore per la raccolta è in estate, prima della raccolta. In quel periodo, è quando le sue foglie accumulano più sostanze attive e profumo, a causa della situazione di stress idrico che la pianta soffre in estate.

Si utilizzano quindi le sue foglie, che vengono lasciate essiccare all’aria aperta per essere usate come spezia, anche se vengono utilizzate anche fresche prima di arrostire la carne.

Uso della pebrella come pianta medicinale

I benefici medicinali sono attribuiti all’intera famiglia che compone il genere Thymus , e questo è stato confutato dalla comunità scientifica e medica. Le proprietà del timo sono legate al suo potere antisettico ed è ampiamente utilizzato nel mondo dei collutori, detersivi, shampoo e dentifrici.

Alcune delle proprietà medicinali della pebrella sono le seguenti:

azione espettorante

La maggior parte delle piante della famiglia del timo contengono diverse concentrazioni di  saponosidi, una sostanza correlata alla capacità espettorante, all’aumento della salivazione e alla capacità di espellere il muco.

 Riduce l’alitosi

Uno dei benefici più conosciuti per le persone è l’interesse della pebrella e, in generale, del resto dei timi, ad eliminare l’alitosi causato dai batteri. Non solo per la sua azione disinfettante e battericida, ma anche perché la presenza di timolo e carvacrolo, tra i più importanti, regalano in bocca un aroma caratteristico e duraturo.

Potenziale anticancerogeno

Uno degli elementi più interessanti della pebrella a livello scientifico contro lo sviluppo del cancro, e la cui attività è stata studiata negli ultimi anni, è il contenuto di carvacrolo di questa pianta.

Al momento, in concentrazioni significative, ha la capacità di ridurre la moltiplicazione delle cellule di melanoma fino al 25%, quindi il suo utilizzo è interessante anche per il suo potenziale antimutageno.

effetto antinfiammatorio

La presenza di timolo e carvacrolo nell’estratto di pebrella offre una grande attività antinfiammatoria a livello di organi e tessuti. Questo fatto è dovuto al fatto che riduce la proliferazione
dell’elastasi neutrofila, componente necessaria per attivare i processi infiammatori.

A sua volta, ha un effetto battericida, motivo per cui è interessante accelerare i processi di guarigione e guarigione di ferite e ustioni.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.