Suggerimenti

Proteggi le radici delle tue piante dal freddo con pacciamatura o pacciamatura

Pacciamatura, pacciamatura o pacciamatura è una delle attività di manutenzione che consigliamo sempre perché è molto interessante .

Durante l’autunno e l’inverno le radici delle piante dei frutteti e dei giardini subiscono le conseguenze delle basse temperature caratteristiche di queste stagioni dell’anno.

Il gelo e il freddo possono danneggiare le radici delle piante perché sono molto vulnerabili agli sbalzi di temperatura , soprattutto le piante più giovani. Ma per fortuna, per evitare di avere questo problema possiamo mettere in atto alcune strategie per proteggere le radici dal freddo e una di queste è la pacciamatura o la pacciamatura.

Ti consigliamo inoltre quali semi biologici utilizzare , le migliori fioriere, cassette e tavoli da coltivazione per il tuo giardino e libri indispensabili per imparare tutto sul giardinaggio biologico .

Cos’è il pacciame?

Il pacciame, il pacciame o il pacciame è una tecnica ampiamente utilizzata in permacultura e agroecologia perché è abbastanza sfaccettata e offre buoni risultati.

Questa tecnica consiste essenzialmente nel collocare materiali organici o inorganici sul terreno che circonda le piante, come:

Ghiaia, paglia, foglie secche, segatura, pinnace, tessuti di cotone o lana, fieno, pezzi di corteccia, ritagli, alghe o cartone.

Tieni presente che se metti un pacciame con pezzi più grandi ci vorrà più tempo per decomporsi e richiederà meno manutenzione rispetto a se mettiamo un pacciame con pezzi più piccoli o più fini che impiega poco tempo a decomporsi.

Questa copertura che viene posta a terra manterrà una temperatura più costante e proteggerà le radici delle piante quando le temperature scendono e c’è il gelo.

Altri articoli sull’agricoltura biologica

Oltre a proteggere le radici dal freddo, la pacciamatura offre altri vantaggi:

Stimola la crescita di microrganismi benefici.

Evitare piante spontanee o incolte (le cosiddette erbacce ).

Fornisce materia organica al substrato

Migliora la struttura del suolo

Mantiene una temperatura del suolo costante e adeguata

Aiuta a mantenere umido il terreno.

Risparmio nell’acqua di irrigazione

Protegge il suolo dal sole e dall’erosione del vento

L’attività biologica dei microrganismi che vivono nella terra è migliorata.

Leggi anche Qual è il miglior pacciame per il tuo giardino o giardino ?

Una volta scelto il tipo di imbottitura, tieni presente alcune linee guida di base:

  • Prima della sua collocazione, aerare il terreno, lasciarlo sciolto ed eliminare le piante indesiderate che sono spuntate nella zona in cui andrai a mettere la pacciamatura.
  • È preferibile mettere l’imbottitura una volta che il pavimento ha un certo grado di umidità e quando non fa freddo .
  • Se scegli materiali organici, come residui di potatura, foglie, ecc. non hanno bisogno di essere tagliati in pezzi molto piccoli.
  • Non posizionare il pacciame vicino al fusto della pianta , lasciare un raggio di circa 10-15 cm. In questo modo preveniamo la comparsa di funghi e altre malattie.
  • Il pacciame va messo, almeno, su tutta la superficie che occupa la pianta
  • Solitamente viene posato uno strato di imbottitura di spessore compreso tra 3 e 5 cm se si opta per materiali più compatti e umidi e uno strato di spessore compreso tra 4 e 7 cm se si scelgono quelli più asciutti e leggeri . È importante tenere conto dello spessore del pacciame perché se è troppo spesso non permette la circolazione dell’aria e si può produrre calore in eccesso che danneggia le radici.
  • Tieni anche presente che per i terreni con tendenza a compattarsi, i materiali come fieno, paglia o segatura sono generalmente più vantaggiosi.
  • Quando si utilizzano materiali come erba o foglie, che tendono a decomporsi rapidamente, il pacciame richiede più manutenzione perché deve essere rinnovato più frequentemente.
  • Lascia un piccolo foro per aiutare l’acqua a penetrare nel substrato.
  • Una volta posizionato il pacciame, viene annaffiato

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *