Suggerimenti

Prugna lavanda: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]

Se ti stavi chiedendo quanto sia necessario potare la lavanda, ti diciamo che è essenziale e che è un’azione che dovresti applicare 2 volte l’anno .

La lavanda è una pianta squisita per il suo aroma e originale per il modo in cui si genera la sua fioritura, quindi vale la pena averla ben curata.

Il dettaglio è che prospera in salute quando è in pieno sole, quindi le parti che sono in ombra tendono ad appassire. Non sai qual è il modo corretto per eseguire questo processo? Non preoccuparti perché di seguito troverai tutti i dettagli di cui hai bisogno.

Perché potare la pianta di lavanda?

La potatura della lavanda viene eseguita principalmente per scopi estetici in quanto tende a crescere lunga e disordinata. Quando un esemplare è tenuto in un’area dove non riceve abbondante luce solare, è comune che appaiano parti avvizzite che devono anche essere rimosse.

Un altro fatto importante da sapere riguardo a questa specie è che con il tempo i rami diventano legnosi.

Questa condizione ha un’influenza negativa sulla generazione dei fiori , quindi è necessario applicare una ristrutturazione per ottenere risultati migliori.

Quando è meglio eseguire la potatura della lavanda?

Come abbiamo discusso in precedenza, la potatura della lavanda viene eseguita in due fasi annuali: una in primavera e una in estate . Anche se sembra eccessivo non c’è da temere perché è una pianta vigorosa che si riprenderà velocemente e continuerà la sua crescita.

Quali strumenti dobbiamo usare per potare la lavanda?

A causa della struttura della lavanda, la potatura può essere applicata con piccole forbici da giardino o un coltello multiuso. Questi strumenti devono essere ben affilati ed è bene strofinarli con alcool prima di applicare eventuali tagli per evitare il proliferare di malattie.

Al termine, disinfettali nuovamente. Si consiglia di utilizzare guanti da giardinaggio come strategia di protezione.

Quali considerazioni dobbiamo tenere a mente quando potiamo la lavanda?

La potatura della lavanda è abbastanza semplice da applicare e puoi farlo anche se sei un principiante in questa materia. Devi solo valutare quali elementi stanno influenzando il sano sviluppo del tuo cavallo perché è la prima cosa che dovrai rimuovere.

Verifica anche dove si trova il fusto legnoso che entra in contatto con la radice e da cui iniziano a svilupparsi le parti verdi. Questo viene fatto perché quel gambo legnoso è intoccabile nella potatura, poiché tagliarlo potrebbe porre fine alla vita della tua pianta di lavanda.

Come potare la lavanda senza danneggiare la pianta?

La potatura della lavanda dovrà essere effettuata in due fasi: estiva e primaverile.

Potatura estiva

È la potatura che viene applicata dopo che la pianta ha terminato il suo ciclo di fioritura. A seconda di dove vivi, potrebbe essere l’inizio dell’autunno .

L’idea è quella di togliere tutti gli steli che sono già fioriti perché non lo faranno più e poi diventa un modo per rinfrescare la pianta .

Il punto di taglio sarà sopra i primi fogli. Le foglie che rimangono attaccate allo stelo sono sane quindi è meglio non tagliarle.

Se gli steli sono di dimensioni molto irregolari, puoi applicare i tagli a un’altezza specifica per ottenere l’equilibrio desiderato.

Potatura primaverile

Si tratta di una potatura di mantenimento che mira a preparare la pianta alla sua prossima fioritura. Con il tempo trascorso dalla potatura estiva è normale che sia cresciuta ed è un po’ caotica ora, quindi vale la pena aiutarla.

Come avete già tolto i fusti fioriti nella potatura estiva, qui l’idea della potatura è rivolta a chi non l’ha fatto per motivare una produzione maggiore. I tagli di questi steli saranno proprio alla loro base e il resto di quelli rimasti verranno portati a metà della loro altezza.

Devi controllare l’aspetto generale della lavanda per vedere se riceve abbastanza luce solare alla base. Se noti spopolato potrebbe non essere, o è un problema di vecchiaia, quindi dovrai ridurre la quantità di fogliame superiore per schiarirlo.

Fate sempre attenzione alla presenza di foglie secche e toglietele subito, poco importa che non corrisponda ai tempi di potatura. Il motivo è che questo aiuta la pianta ad avere un aspetto migliore, ma ha anche un impatto diretto sulla salute dell’esemplare.

Ora, assicurati che la pianta non finisca mai le foglie perché così non sarà in grado di fare il suo processo di fotosintesi e non fiorirà.

Forse ti interessano anche:
  • Cura della lavanda: [Terra, umidità, potatura e problemi]
  • Differenze tra Lavanda e Cantueso: cosa sono?
  • Talee di lavanda: [Concetto, stagione, radicamento e semina]
  • Parassiti e malattie della lavanda: [rilevamento, cause e soluzioni]
  • Potare una lavanda: [date, strumenti e modi per farlo]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *