Suggerimenti

Punto angolare cucurbita: [Caratteristiche, rilevamento, effetti e trattamento]

Qual è il punto angolare delle cucurbitacee?

La macchia angolare delle cucurbitacee è la manifestazione più palpabile di un’infezione di origine batterica che genera importanti lesioni sulle foglie di ortaggi e alberi da frutto come meloni, cocomeri, cetrioli , zucchine, nonché altre piante che vengono coltivate in climi caldi con umidità elevata.

Il batterio responsabile di questa malattia è Pseudomonas syringae, che si manifesta in modo aggressivo dopo abbondanti irrigazioni, in condizioni di esacerbata umidità, o dopo piogge torrenziali.

L’enciclopedia virtuale Wikipedia descrive Pseudomonas syringae come un patogeno delle piante con più di 50 diversi tipi di pathovar o ceppi di batteri con le stesse e simili caratteristiche, che hanno differenze individuali a un livello, infraspecifico da altre razze della stessa specie o sottospecie.

Come possiamo identificarlo?

L’infezione batterica prodotta da Pseudomonas syringae, che genera i seguenti sintomi, dopo essersi insediata nella sua vittima. Vediamo.

  1. Le foglie assumono un colore che va dal grigio al marrone, dopo essere state bagnate con irrigazione o acqua piovana.
  2. Le prime lesioni possono espandersi a fusti, piccioli e frutti, non rimangono solo sulle foglie.
  3. Le lesioni sono inizialmente acquose, tondeggianti e irregolari, con presenza e assenza di alone clorotico, ma man mano che aumentano di dimensioni si producono macchie angolari brune, grazie alla limitazione che le nervature delle foglie producono per manifestare crescita batterica.
  4. La ferita, quando la foglia si secca, provoca un foro angolare perché il tessuto viene distrutto.
  5. La pianta assume un aspetto frastagliato e fatiscente.
  6. Se la pianta ha frutti, anche le ferite saranno visibili allo stesso modo, provocando buchi in superficie. Ma sono sempre più piccoli, biancastri e rotondi o circolari, di quelli che compaiono sulle foglie. 
  7. In condizioni di estrema umidità, i frutti registreranno un primo processo di essudazione che in seguito cederà alla comparsa di croste biancastre.
  8. Le ferite nel frutto facilitano l’inserimento di altri agenti patogeni, fino a marcire. Si verificano anche deformazioni iniziali.

Quali piante influenza la macchia angolare delle cucurbitacee?

Può attaccare qualsiasi cucurbita , ma ama soprattutto danneggiare piante di zucca , cetriolo, melone, anguria e zucchine.

Questo batterio ha una grande capacità di sopravvivere tra i residui colturali e nei semi , dove è enormemente rafforzato.

Quando un seme viene infettato da questo patogeno, ciò che accade è che quando la malattia germina si diffonderà ovunque nel terreno, perché è in grado di penetrare nei cotiledoni. La pioggia, l’abbondante irrigazione, i macchinari agricoli e persino gli insetti contribuiscono involontariamente alla sua diffusione.

I batteri, di conseguenza, agiranno liberamente e penetreranno nei tessuti vegetali attraverso aperture naturali come stomi e idatodi e trarranno vantaggio anche dallo scivolamento attraverso qualsiasi ferita. Prospera in ambienti carichi di elevata umidità e alte concentrazioni di azoto . Ecco perché ama l’ inverno

Ma anche a temperature calde, che oscillano tra i 23 -28ºC (75 e 82ºF).

Come combattere il punto angolare delle cucurbitacee?

Alcune semplici misure preventive sono il miglior antidoto contro questo devastante batterio, che può rovinare i raccolti in breve tempo e causare grandi perdite economiche. Il danno minore che provoca è la scarsa produzione, dove i raccolti non produrranno grandi raccolti.

I semi

La prima cosa da chiarire è che i semi devono essere acquistati in negozi di fiducia, ma che sono certificati in modo che ci siano tutte le garanzie di disinfezione. 

Nel caso in cui i semi non siano stati precedentemente testati, allora è necessario effettuare un precedente trattamento di disinfezione con l’ausilio di acqua calda, anche se il processo di germinazione potrebbe essere compromesso se non praticato con l’aiuto di esperti.

Non è opportuno innaffiare eccessivamente le piantine, soprattutto se coltivate in serra. La parte superiore dovrebbe essere sempre asciutta, per quanto possibile. E se si vedono macchie acquose, è conveniente prelevarne un campione e portarlo in un laboratorio per escludere gli agenti patogeni.

E se i sospetti sono confermati e ci sono batteri, allora il semenzaio o il vassoio contenente l’infezione devono essere eliminati. Un fungicida a base di rame dovrebbe essere applicato al resto delle piantine come misura di protezione. 

Colture altamente tolleranti

Un’altra opzione è che le colture selezionate siano tolleranti a questi agenti patogeni. L’aiuto di esperti del settore è molto importante, nella scelta di ciò che possiamo raccogliere senza grandi rischi associati.

Non concimare con azoto

Un’altra misura molto efficace è evitare l’irrigazione con fertilizzanti azotati. Promuovono la comparsa dell’agente patogeno. Ed è prudente fare rotazioni colturali, dove si evita la semina di nuove cucurbitacee per circa 3 anni

Un terreno con un pH situato in un intervallo di 6,0-7,0, insieme alla riduzione dell’azoto, porrà fine all’avvizzimento delle colture, soprattutto nel caso del melone , che ha un’elevata sofferenza a causa dell’azione dell’appassimento causata dal Fusarium, sebbene la pratica migliore sia quella di acquisire varietà resistenti.

Irrigazione a goccia

L’ irrigatore non è raccomandato, poiché è impossibile controllare così l’elevata umidità nelle foglie. È preferibile utilizzare un impianto di irrigazione a goccia , assolutamente controllabile.

Evitare l’eccessiva irrigazione è una misura obbligatoria, perché le foglie inzuppate non saranno salutari.

Applicazione insetticida

La cosa più consigliabile è utilizzare un’applicazione di insetticidi a livello fogliare, e anche sui semi e sul terreno prima di procedere alla semina.

Un’altra comoda misura è l’applicazione di insetticidi nelle ferite delle piante, poiché questa pratica aiuterà anche ad evitare la proliferazione di batteri e altri agenti mortali per la salute delle piante.

Una buona misura è quella di applicare un trattamento preventivo con composti a base di rame , sono un’altra opzione molto valida a livello protettivo. E molto importante: non appena si iniziano a osservare le foglie delle balie, vanno rimosse immediatamente, per evitare una diffusione che può essere inarrestabile.

Quali sono i migliori prodotti per rimuovere la macchia angolare delle cucurbitacee?

L’applicazione di trattamenti a base di ossocloruro di rame, Mancozed, Zineb e Maneb sono estremamente efficaci, seguendo le espresse indicazioni delle istruzioni fornite dal produttore.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.