Suggerimenti

Queste sono le migliori piante medicinali

In natura ci sono infinite erbe e piante medicinali con proprietà diverse. Questi sono stati usati fin dall’antichità con diversi obiettivi: come rimedio naturale per alleviare il dolore, curare le malattie, come integratore alimentare e, infine, per mantenere un corpo sano e in buona salute.

Di queste innumerevoli piante medicinali o terapeutiche, alcune si sono distinte per i loro benefici e proprietà. Abbiamo effettuato una ricerca meticolosa degli studi che sono stati effettuati con le piante medicinali e siamo giunti alla conclusione che ci sono 5 piante medicinali che meritano di essere ai primi posti delle migliori piante medicinali perché la loro ampia azione è stata provato, medicinale.

Le 5 migliori piante medicinali

5. dente di leone

Conosciuto anche come cicoria amara, amargon, cerraja, taraxacón, moraja, chipule, ranuncolo, lechuguilla e scientificamente chiamato Taraxacum Officinale .

Il dente di leone è un’erba con molteplici benefici e sia le sue foglie che le sue radici vengono utilizzate per fare un infuso con esse. Metti un cucchiaino della pianta essiccata in una tazza e aggiungi 200 ml di acqua molto calda. Coprire e lasciare riposare 5 minuti. Quindi viene filtrato e bevuto poco a poco quando l’infuso è a temperatura ambiente.

Il componente più notevole della sua radice è l’inulina, che ha un effetto diuretico e le sue foglie includono la presenza di lattice, flavonoidi, cumarine, vitamine B e C. Ha proprietà depurative sia nel fegato che nei reni, quindi è consigliato nelle persone con reni e calcoli biliari .

Agisce come coleretico e ha benefici nel sistema digestivo, essendo usato come rimedio per la stitichezza . Stimola anche l’appetito. Inoltre, il dente di leone è considerato un blando lassativo osmotico e un blando agente ipoglicemizzante, quindi coloro che assumono insulina, litio o un altro integratore per abbassare i livelli di glucosio dovrebbero fare attenzione al loro uso. 1,2 .

D’altra parte, è usato come trattamento di fondo per malattie della pelle come acne, eczema, foruncolosi, tra le altre.

Il dente di leone può essere ingerito come infuso, tonico, tintura, succo di radice o usato localmente 1,2 . Alcune persone aggiungono anche foglie di tarassaco insieme ad altri alimenti in ricette come insalate o come sostituto del caffè e altre come trattamento per il cancro e le infezioni virali, tuttavia non ci sono informazioni scientifiche accurate su queste ultime due applicazioni.

Tutte queste proprietà e i suoi pochi effetti negativi rendono questa erba un alleato da considerare.

4. Lavanda

Conosciuto anche come lavanda e scientificamente noto come Lavandula angustifol Miller.

È una pianta comunemente conosciuta e non per niente, poiché ha numerose proprietà benefiche per la salute.

La lavanda viene utilizzata per le sue sommità fiorite ed è utilizzata come:

  • Coleretico: stimola la produzione di bile
  • Carminativo: favorisce l’eliminazione di gas o flatulenza
  • Colagogo: attiva l’espulsione della bile dalla colecisti con effetto purgante.
  • Digestivo: per alleviare i disturbi digestivi
  • Antisettico delle vie respiratorie e urinarie: eliminazione dei microbi.
  • Spasmolitico: riduce convulsioni o spasmi.
  • Analgesico: riduce o elimina il dolore.
  • Sedativo: rilassa e calma i nervi e l’ansia.
  • Guarigione: accelerare la guarigione delle ferite sulla pelle.

Anche la lavanda (in olio essenziale) si è dimostrata efficace se applicata localmente per lenire i dolori reumatici, trattare distorsioni, lussazioni, ulcere , ferite infette e ustioni, tuttavia, quest’ultima applicazione è controversa, motivo per cui è controindicata. il suo olio quando ci sono ferite aperte estese, malattie della pelle acute, febbre alta o infezioni gravi.

Ricordiamo che, come del resto delle piante medicinali, compresi i loro oli essenziali, il suo uso è sconsigliato nelle donne in gravidanza, dal momento che esistono applicazioni come emmenagoghe e abortive, sebbene ci siano poche informazioni al riguardo. 3.4

3. Camomilla

Inutile dire che è una delle piante più conosciute e utilizzate al mondo, poiché viene utilizzata in molti rimedi naturali grazie alle sue buone proprietà e ai suoi pochi effetti negativi.

Una camomilla so anche con altri nomi popolari come botoncillo e chiamato scientificamente Matricaria Chamomilla L .

Questa pianta, da cui si ricavano i suoi piccoli fiori bianchi, aiuta nella cura dei problemi digestivi, per la sua azione antispasmodica, carmitiva e antinfiammatoria. Ed è proprio per la sua azione antinfiammatoria che la camomilla viene utilizzata dalle donne per alleviare i sintomi mestruali in modo naturale.

Nei bambini (usare sotto la supervisione di un pediatra) questa erba medicinale viene utilizzata per calmare le coliche digestive ed è molto utile nelle persone che soffrono di flatulenza. Inoltre, la camomilla è efficace come antidolorifico nervoso grazie al suo effetto leggermente sedativo.

È usato esternamente per la sua azione antinfiammatoria, analgesica, antisettica e cicatrizzante, allevia il prurito e gli arrossamenti, serve per trattare blefariti, congiuntiviti e pulizia delle ferite .

La camomilla, invece, viene utilizzata a livello alimentare per preparare bevande aromatiche ghiacciate, da sola o in combinazione con altre erbe o prodotti come il latte e nell’industria cosmetica sia per i capelli che per la pelle e serve come rimedio contro la forfora 1,5 , 6 .

¿ Come camomilla viene utilizzato ? Nelle ricette medicinali lo troviamo sotto forma di impacchi e cerotti se applicato esternamente e localmente e sotto forma di infuso se utilizzato internamente.

Per tutto questo, dopo un pasto per alleviare i sintomi dell’indigestione o in un bagno rilassante, questa erba medicinale è un rimedio naturale che deve essere nel nostro armadietto dei medicinali verde.

.Due

2. Calendula

Conosciuta anche come mercadela, meraviglia, silvia e scientificamente chiamata Calendula Officinalis .

I fiori delle meraviglie sono usati per scopi medicinali.

A cosa serve la calendula ? È molto utile per alleviare le condizioni della pelle e i sintomi di gastrite o bruciore di stomaco , poiché ha effetti antisettici, antiparassitari, astringenti, fungicidi, antibiotici, cicatrizzanti, antinfiammatori, aiuta a combattere la flatulenza, stimola la produzione di bile, sudorazione e pulisce il sangue.

È una pianta benefica per le donne, poiché agisce come regolatore del ciclo mestruale . Serve come rimedio casalingo per lenire e curare ustioni del bambino, dermatite da pannolino, protuberanze, ulcere, verruche, funghi, punture di insetti e punture di rettili . Alcune persone lo usano nei tumori.

Per i suoi numerosi benefici, la calendula è ampiamente utilizzata nell’industria cosmetica per la produzione di shampoo, unguenti, saponi e creme per il viso.

Inoltre, viene utilizzato nelle ricette di insalate e come colorante per biscotti, caramelle e liquori 1,5,6 .

Per la sua origine naturale, ha poche controindicazioni, e il suo uso dovrebbe essere regolamentato perché produce insonnia e irritabilità se viene consumato in modo eccessivo e anche le persone con problemi cardiaci dovrebbero moderarne l’uso 6 .

1. Aloe Vera o Aloe Vera

In prima posizione abbiamo l’Aloe Vera, popolarmente conosciuta anche come aloe e scientificamente nota come Aloe barbadensis miller , pianta comune nelle zone tropicali che ha molteplici proprietà benefiche per il nostro organismo, grazie al suo potere antiossidante, antinfiammatorio e antisettico.

L’aloe vera è ampiamente utilizzata nelle lesioni cutanee , principalmente per il suo effetto emolliente e ammorbidente. È stato confermato che i suoi cristalli contengono vitamine A, B1, B2, B6, C, E e acido folico. Contiene inoltre minerali, aminoacidi essenziali e polisaccaridi che stimolano la crescita dei tessuti e la rigenerazione cellulare .

Esternamente, l’aloe viene utilizzata per guarire le ferite, come disinfettante e astringente , ed è stato dimostrato che stimola la riproduzione dei fibroblasti nelle colture di tessuti. È in grado di modulare i processi infiammatori causati dai batteri. Riduce anche i sintomi della sindrome dell’ovaio policistico nelle donne.

Grazie al suo effetto astringente e analgesico, è usato esternamente per trattare distorsioni, stiramenti, dolori muscolari, colpi , tra gli altri.

Inoltre, l’aloe vera o aloe ha la capacità di ridurre gli effetti di allergie, indigestione, bruciore di stomaco, gastrite, ulcere duodenali e gastriche, ulcere oculari, emorroidi , è antivirale ed è stata associata a trattamenti contro il cancro.

È per tutte queste virtù che poniamo l’aloe vera o aloe in prima posizione nella nostra lista delle migliori piante medicinali .

Riferimenti

  1. https://www.fademur.es/_documentos/ponencias/Ponencia_Fademur_farmacia_OK.pdf
  2. file: /// C: /Utenti/Usuario/Downloads/Dialnet-Fisioterapia-202438.pdf
  3. https://redsa.com.mx/descargas/fichastecnicas/lavanda.pdf
  4. file: /// C: /Users/Usuario/Downloads/Lavanda%20-Ficha.pdf
  5. Manuale del frutteto med 2010
  6. https://libros.secretosparacontar.org/wp-content/uploads/2015/04/los_secretos_de_las_platas.pdf
  7. file: /// C: /Users/Usuario/Downloads/Dialnet-SabilaAloeVera-4956300.pdf
  8. https://www.nutribiota.net/blog/media/blogs/alimentos/aloe/estudiossobreelaloevera.pdf
  9. https://www.medigraphic.com/pdfs/vertientes/vre-2011/vre112a.pdf

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *