Suggerimenti

Scopri il sottaceto del diavolo (e il suo frutto esplosivo)

Il mondo delle graminacee avventizie, o come sono anche conosciute, le erbacce, comprende un gran numero di piante a crescita spontanea. In questo caso si tratta di un tipo di erba che appartiene alla stessa famiglia delle cucurbitacee (melone, anguria, cetriolo, ecc.) conosciuta come cetriolino del diavolo ( Ecballium elaterium).

In questo articolo vogliamo presentarvi questa pianta, le sue principali caratteristiche e gli usi medicinali che le furono attribuiti a suo tempo.

Principali caratteristiche del sottaceto del diavolo ( Ecballium elaterium)

Molte specie appartenenti alla famiglia delle Cucurbitacee  hanno frutti che accumulano al loro interno una grande quantità di acqua. Tuttavia, questa pianta si distingue dalle altre in quanto è l’unica rappresentante del genere   Ecballium.

La principale differenza che questo genere ha all’interno delle cucurbitacee è che non hanno viticci, i famosi steli che si avvolgono attorno a canne o recinzioni e che le piante rampicanti usano per reggersi.

Il sottaceto del diavolo ha foglie ruvide, molto pelose e spesse, che accumulano molta acqua all’interno. I suoi fiori sono biancastri o giallastri e molto simili a quelli del cetriolo o della zucchina.

È una specie strisciante che raramente supera i 30 cm di altezza. I più caratteristici  dell’Ecballium elaterium sono i suoi frutti, di aspetto ovoidale e di dimensioni comprese tra 4 e 5 cm.

Quando li calpestiamo, il liquido all’interno e tutti i semi che contiene sparano (fino a 3 metri) ovunque, cosa che questa specie usa per effettuare una propagazione di successo.

tassonomia

  • Famiglia: Cucurbitacee
  • Genere: Ecballium
  • Specie:  Ecballium elaterium

Il cetriolino del diavolo si diffonde facilmente su tutto il versante mediterraneo, abituato alle zone calde con inverni miti. Resiste molto bene ai periodi di siccità poiché immagazzina al suo interno una grande quantità di acqua nei periodi di pioggia o maggiore umidità.

Nella penisola iberica coincidono 2 sottospecie di E. elaterium, con la sottospecie « elaterium» che si trova nella metà superiore del Paese e la sottospecie « dioicum » nella parte inferiore, soprattutto nella zona olivicola dell’Andalusia.

Erbicidi usati per il suo controllo

A livello di affezione al resto delle colture da produzione, è considerata una specie leggermente dannosa. Di solito si trova ai bordi delle strade o in luoghi rocciosi e raramente ostacola lo sviluppo delle colture.

Tuttavia, in alcuni casi vengono utilizzati erbicidi per controllarlo. Esistono attualmente diversi principi attivi autorizzati per l’applicazione contro il sottaceto del diavolo. Una delle formulazioni erbicide più utilizzate contro il cetriolino è la seguente:

  • BROMOXINIL 20% + TERBUTILAZINA 30% p/v. SC

Ricorda che gli erbicidi e altri trattamenti fogliari necessitano del pH perfetto per ottimizzare la loro efficacia.

Ha proprietà medicinali?

La caratteristica di questa specie è che il succo della sua bacca, quando viene rilasciato, produce irritazione della mucosa. Ciò è dovuto alla grande quantità di tannini e altri elementi che contiene. Per questo, anticamente veniva usato come purgante, provocando diarrea e un potente effetto purgante.

Tuttavia, è stato molto importante controllare la dose di assunzione, poiché può causare gravi disturbi gastrointestinali. Attualmente, non è consigliabile in nessun caso assumerlo, a causa degli effetti collaterali associati.

Attualmente troviamo medicinali o anche piante per uso medicinale  che offrono alternative migliori e senza le gravi controindicazioni del sottaceto del diavolo.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.