Suggerimenti

Soins de la plante Mammillaria dioica ou Biznaga llavina

Il genere Mammillaria fa parte della famiglia delle Cactaceae ed è composto da circa 350 specie di cactus per lo più originari del Messico. Alcune specie del genere sono Mammillaria dioica, Mammillaria hahniana, Mammillaria bombycina, Mammillaria elongata, Mammillaria albilanata, Mammillaria gracilis, Mammillaria vetula, Mammillaria parkinsonii, Mammillaria compressa, Mammillaria crinita, Mammillaria uncinata, Mammillaria petterssonii, Mammillaria nivosa, Mammillaria magnimamma, Mammillaria longimamma, Mammillaria spinosissima, Mammillaria haageana.

Riceve il nome comune di Biznaga llavina. Questa specie proviene dal deserto di Sonoran.

Si tratta di cactus con corpi cilindrici, solitari o cespitose, che possono raggiungere i 35 cm di altezza e i 10 cm di diametro. I loro tuberi cilindrici sono di colore verde-bluastro e hanno peli e lana sotto le ascelle. Le areole sono circolari e hanno la lana in gioventù e poi la perdono. Hanno da 11 a 22 spine radiali bianche o rosa e nere e da 1 a 4 spine centrali più lunghe di colore scuro. I fiori sono piccoli e di colore crema e viola. Possono fiorire quando sono molto giovani.

Il loro uso è generalmente limitato ai vasi e alle fioriere, ma possono essere interessanti nelle roccaforti se il tempo lo permette.

La Mammillaria dioica preferisce un’esposizione in pieno sole, anche se vive anche con luce filtrata all’interno. In inverno si mantiene al di sopra dei 4 ºC ma permette un riposo a circa 8-10 ºC.

Un terreno consigliato sarebbe una miscela di sabbia silicea grossolana al 25% di sabbia silicea e il 75% di lettiera di foglie o erica, anche se un substrato di cactus commerciale può essere utile.

L’acqua una volta alla settimana in estate, ogni 2 settimane in primavera, ogni 25 giorni in autunno si mantiene asciutta in inverno.

Si consiglia di aggiungere un concime primaverile con un concime minerale a base di cactus.

Non sarà necessario tagliare .

In generale, non hanno problemi di peste, ma temono l’eccesso di umidità che provoca la putrefazione dei tessuti.

La propagazione avviene a partire da semi seminati in un semenzaio in primavera e che germinano facilmente.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *