Suggerimenti

Suggerimenti per piantare un albero

Molte volte abbiamo sentito dire che devi fare tre cose nella vita: scrivere un libro, avere un figlio e piantare un albero. Oggi parleremo del più semplice -ed ecologico!- di questi: riportare un po’ di vita sul pianeta piantando un albero.

È molto più semplice di quanto pensiamo e possiamo farlo in un solo giorno. Inoltre, questa bellissima attività può essere svolta sia da soli che con amici e familiari, i tuoi bambini adoreranno l’esperienza! Insieme al suo effetto positivo sull’ambiente, questa modesta azione ci darà una grande gioia (chi può resistere a vedere crescere il proprio albero?) per tutta la vita. Continua a leggere questo articolo di Green Ecology se vuoi conoscere alcuni suggerimenti per piantare un albero.

I vantaggi di piantare un albero

Gli alberi apportano grandi benefici all’ambiente: forniscono ossigeno, puliscono l’aria, mantengono la temperatura, prevengono l’erosione e sono una fonte di materie prime. Allo stesso modo, servono come riparo per insetti e creature.

Tuttavia, piantare un albero non significa solo scavare una buca nel terreno e metterci la pianta. Dobbiamo prepararci in anticipo, raccogliere informazioni e tenere conto di una serie di considerazioni per assicurarci di farlo correttamente, come il clima in cui lo stiamo piantando, il tipo di albero, il terreno e le condizioni e la cura che questa pianta ha bisogno di una pianta specifica.

Determina il clima della tua zona

Oltre alla mappa della temperatura, dobbiamo conoscere il terreno del nostro giardino, parco o campo dove pianteremo l’albero. Fattori come il pendio o l’erosione del suolo sono importanti. Tieni presente che non è una buona idea piantare su un terreno in pendenza (il tronco dell’albero potrebbe cadere a causa del peso e rompersi), meglio scegliere un terreno pianeggiante. Aiuterà anche a guardare gli alberi già piantati in quella zona.

Ci aiuterà a conoscere meglio il terreno, se è acido, argilloso, calcareo, sabbioso… dobbiamo tenere presente che stiamo piantando un albero in modo del tutto naturale, quindi tutte queste variabili contano molto.

conoscere il terreno

Non possiamo semplicemente scegliere l’albero che ci piace di più e piantarlo, prima di essere sicuri che questa vegetazione sia perfetta per il nostro clima. Ecco perché questa zona di rusticità menzionata è essenziale. Se un albero è descritto come «resistente alla zona 10» significa che resiste al freddo. È preferibile, quindi, piantare un albero autoctono, perché così saremo sicuri che sia fatto per il nostro clima. Se optiamo per la vegetazione esotica e non teniamo conto delle variabili, è possibile che non si sviluppi bene o che muoia.

Nella scelta dell’albero, potremmo dover osservare anche altri fattori: un tipo di albero in pericolo, che ospita gli uccelli… Conoscere l’albero ci aiuterà in questa importante decisione.

Alcuni alberi originari della Spagna sono: castagno, betulla, agrifoglio, pioppo, salice, quercia, pero… Una volta scelto, procurati una guida rapida alla semina per quella specie o chiedi a un esperto di assicurarsi che tutto funzioni Bene, molte volte il processo seguire varia a seconda delle caratteristiche dell’albero.

Scegli il tipo di albero che pianteremo

Se stai piantando un albero in un luogo pubblico, potresti dover chiedere il permesso. Assicurati di non contraddire nessuna legge e di poterlo fare sul terreno giusto.

Se è la prima volta che lo fai e non sei molto sicuro, puoi sempre consultare un botanico o contattare un’associazione ecologica che sarà felice di aiutarti e si congratulerà con te per la tua iniziativa.

Assicurati di poterlo fare legalmente

Fondamentale quanto conoscere le caratteristiche del terreno e del clima è sapere quando piantare l’albero. Certo, dipenderà dalla tua zona e dal tipo di pianta, ma come regola generale, l’estate è un buon periodo.

C’è un mnemonico per non dimenticare mai: i mesi migliori per piantare alberi sono i mesi senza «r»; cioè maggio, giugno, luglio e agosto. Anche se, secondo il botanico Eduardo Haeme, anche l’inverno è un buon periodo perché le basse temperature rendono gli alberi meno sensibili.

Scegli il periodo migliore dell’anno per piantarlo

Una volta che avremo tutte le informazioni sul tavolo e avremo deciso che tipo di albero vogliamo piantare, procederemo con il suo acquisto. Ricorda che gli alberi autoctoni sono più adatti e che un albero crescerà più alto se non è in un vaso o contenitore.

Puoi acquistare alberi nei vivai ecologici, nei negozi di giardinaggio o chiedere alle associazioni quale sia l’opzione più consigliata. I prezzi variano (alberi da frutto e specie esotiche costano di più) ma si può trovare, ad esempio, un minuscolo castagno alto 50-70 centimetri a meno di 5 euro.

Compra l’albero

Seguendo questi passaggi, puoi piantare il tuo albero:

  1. Disegna un cerchio per terra calcolando quanto occuperà la pianta, a seconda delle sue dimensioni e lunghezza. L’errore più comune è che tendiamo a fare i buchi o troppo stretti o troppo profondi.
  2. Scava la terra a circa 40 centimetri in superficie e altri 40 centimetri in profondità (tieni conto delle dimensioni dell’albero per questo calcolo)
  3. Assicurati che la radice della tua pianta si adatti perfettamente al centro.
  4. Per lo stelo, delicatamente e con due dita, mettiamo la pianta al centro della buca, evitando di toccare sempre la radice. Devi renderlo completamente dritto.
  5. Lo posizioniamo delicatamente. La parte inferiore dello stelo deve essere a filo con il suolo.
  6. Con molta attenzione, copriamo la radice della pianta con il terreno.
  7. Compattiamo il terreno con le mani, senza stringerlo troppo, ma senza lasciarlo troppo sciolto.
  8. Dotiamo un cerchio di terra protettiva o, se necessario, una recinzione o una rete che impedisca l’arrivo di insetti, parassiti o uccelli che possono distruggere il nostro albero ancora debole.

Passi per piantare un albero

Durante il primo anno l’albero sarà più fragile che mai, quindi è conveniente che ce ne prendiamo cura. Che lo annaffiamo convenientemente (senza esagerare) e regolarmente. Aspetteremo 6 mesi per metterci sopra del fertilizzante e alimenteremo il terreno con del compost fatto in casa o una miscela che possiamo trovare nei negozi di botanica nel caso in cui il terreno sia troppo povero.

D’ora in poi sarà come nostro figlio e dovremo solo ammirarlo e vederlo crescere con un unico obiettivo: aggiungere la vita vegetale al pianeta terra.

Se desideri leggere altri articoli simili a Consigli per piantare un albero, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.