Suggerimenti

Una guida introduttiva all’uso del fungicida nell’orto biologico

C’è stato un tempo in cui pensavo che qualsiasi cosa chiamata fungo fosse una cosa negativa. Ora che sto coltivando un orto biologico con terreno pieno di funghi benefici e mangio ogni giorno funghi shiitake, mi rendo conto che la parola “fungo” è un termine generico che comprende tutta una serie di forme di vita, sia sorprendentemente buone che (meno spesso) terribilmente cattive.

Ho anche imparato che i giardini biologici sani crescono meglio quando il terreno contiene grandi quantità di funghi vari. Purtroppo, anche i migliori giardini biologici possono occasionalmente avere problemi con i funghi patogeni. La grande sfida è come controllare i cattivi senza danneggiare anche i buoni.

La verità è che ogni volta che si usa un fungicida si corre il rischio di disturbare l’equilibrio della vita nel terreno. Tuttavia, è possibile ridurre al minimo il rischio facendo un’indagine approfondita prima di applicare un fungicida e comprendendo le opzioni disponibili.


Tipi di fungicidi

Non tutti i problemi fungini hanno bisogno di fungicidi. La macchia di fuliggine, mostrata sopra, è cosmetica e dovrebbe essere semplicemente lavata via prima di mangiare la mela.

I fungicidi si presentano in molte forme. Ecco i molti tipi di rischi che si possono incontrare quando si fa ricerca e si decide come affrontare i propri particolari pericoli:


Fungicidi protettivi

Alcuni fungicidi possono essere protettivi, come l’olio di neem o l’olio vegetale. Queste sostanze bloccano essenzialmente la trasmissione dei patogeni fungini che vengono diffusi dal vento o dai portatori di insetti.

Altri protettori naturali come il siero, il tè di compostaggio attivamente aerato e i fungicidi fogliari commerciali (ad esempio Oxidate, Bonide) proteggono anche dalle infezioni fungine quando vengono spruzzati sulle foglie, uccidendo le spore prima che infettino le piante.

– Applicare spesso

La sfida con i protettori è che devono essere applicati frequentemente, di solito a intervalli di 10-14 giorni e dopo forti piogge. Inoltre, sono efficaci solo se utilizzati in modo continuo quando è probabile che si verifichi la trasmissione di funghi patogeni.

– Applicare a destra

Se applicate nel momento sbagliato, le protezioni possono essere letali anche per le piante o la produzione. Ad esempio, l’olio di neem spruzzato prima della rottura dei germogli può essere un buon protettore. Tuttavia, se spruzzato con il caldo, può uccidere foglie e germogli. Oppure, se applicato quando i fiori sono aperti, può dissuadere gli insetti impollinatori dal fare il loro lavoro e impedire alle piante di produrre frutti.

Tuttavia, le protezioni sono generalmente la forma più sicura di fungicida del suolo se si sa quando usarle (e quando non usarle). Assicuratevi anche di utilizzarli solo nelle quantità necessarie. Concentrazioni elevate possono anche essere dannose per le piante e per la salute del suolo.


Fungicidi sistemici penetranti

Alcuni fungicidi possono anche essere sistemici, o penetranti, cioè si depositano nel terreno e vengono poi assorbiti dalle piante dalle radici. Questo può fornire una protezione a lungo termine, ma avrà anche un effetto a lungo termine sulla salute del vostro terreno.

Ogni volta che le istruzioni richiedono l’irrorazione
il terreno o l’irrigazione in un fungicida, piuttosto che una semplice irrorazione fogliare
sulle carte, si vorrà fare ulteriori ricerche per garantire la sicurezza del
il tuo piano. Il rame, ad esempio, è spesso usato sia sulle foglie che sulle
…e come concime del terreno per uccidere i funghi patogeni.

Il rame, tuttavia, è un metallo tossico in dosi elevate. È noto che si accumula nel terreno durante l’uso regolare. A causa del potenziale di tossicità, molte persone che possiedono vigneti e frutteti hanno limitato l’uso del rame come fungicida per evitare i rischi per la salute derivanti dall’accumulo nel tempo.


Fungicidi ad ampio spettro

I fungicidi possono anche essere classificati come “ad ampio spettro”, con la capacità di controllare molti agenti patogeni fungini con un unico prodotto. Sono efficaci anche su una grande varietà di piante.

Purtroppo, i fungicidi ad ampio spettro tendono anche a causare un bel po’ di danni ai funghi benefici. Possono ridurre significativamente la disponibilità di nutrienti nel vostro terreno organico riducendo il tipo di biolife che funziona per nutrire le vostre piante. Tendono anche ad avere un impatto a lungo termine sulla salute del suolo.

A meno che non abbiate altre opzioni, è meglio per la salute del suolo stare lontano dai fungicidi ad ampio spettro come regola generale.


Fungicidi specifici

Alcuni fungicidi colpiscono specificamente uno o due tipi di agenti patogeni fungini o agiscono solo su alcuni tipi di piante. Sono generalmente più sicuri da usare. Tuttavia, richiedono di identificare accuratamente i rischi associati agli agenti patogeni o ai funghi, altrimenti non saranno efficaci.

Anche molti giardinieri esperti sbagliano la diagnosi dei funghi patogeni a causa delle somiglianze nella comparsa dei sintomi. Prima di usare un fungicida mirato, assicuratevi di essere sicuri dell’agente patogeno con cui avete a che fare.

Considerate la possibilità di inviare il vostro materiale vegetale per la verifica di laboratorio. Oppure chiedete ad un funzionario dell’agricoltura o dell’orticoltura di aiutarvi a confermare che avete identificato il vostro colpevole.


Fungicidi biologici

Ci sono stati molti nuovi ed entusiasmanti sviluppi relativi alla nostra comprensione dei patogeni fungini. Ad esempio, i ricercatori stanno cominciando a identificare tipi meno pericolosi di agenti patogeni fungini che causano l’attivazione del sistema immunitario di una pianta.

Questa risposta immunitaria protegge anche le piante dagli agenti patogeni fungini più furtivi e pericolosi che preoccupano noi giardinieri. È una sorta di sistema di allarme preventivo che permette alle piante di rafforzare le loro difese contro possibili infestazioni attraverso la preparazione.

Inoltre, i batteri benefici sono identificati, coltivati e confezionati come additivi del terreno e spray fogliari per fornire essenzialmente una linea di difesa contro gli agenti patogeni pericolosi. Questi tipi di soluzioni biologiche sono molto promettenti in termini di sicurezza e di utilità.

I grandi problemi sono che le soluzioni biologiche tendono a funzionare solo a breve termine, sono costose e funzionano bene solo per la prevenzione precoce.


Rivestimento di semi fungicidi

I semi organici sono a volte ricoperti di sostanze nutritive e microrganismi benefici per aiutare le piantine a crescere. I semi convenzionali, tuttavia, sono talvolta rivestiti di fungicidi sistemici ad ampio spettro che possono persistere nel terreno per anni.

Quando questi semi rivestiti di fungicidi vengono piantati nel terreno, proteggono le piante giovani e mature da molti agenti patogeni fungini comuni. Purtroppo, rimangono nel terreno anche dopo il raccolto.

Per esempio, ho comprato per sbaglio dei semi rivestiti di metalaxil. Ho fatto alcune ricerche prima di piantarli e ho scoperto che il fungicida ha un tempo di dimezzamento di 400 giorni, il che significa che può persistere nel terreno per anni. È anche noto per essere dannoso per la vita acquatica e può passare attraverso il suolo nelle acque sotterranee secondo la scheda informativa dell’EPA.

Studi scientifici dimostrano inoltre che questo prodotto può ridurre la vita microbica complessiva e può fissare l’azoto nel suolo, rendendolo inaccessibile alle piante.

Personalmente, ora evito tutti i tipi di semi rivestiti che non sono classificati per uso biologico perché i rischi per la salute generale del mio giardino sono semplicemente troppo grandi.


Buone decisioni di gestione dei funghi

Questo brutto caso di appassimento dei pomodori avrebbe potuto essere evitato con una migliore gestione dell’orto.

Ora che avete una buona idea dei tipi di fungicidi disponibili, lasciate che vi dia alcuni consigli per aiutarvi a gestire i vostri rischi in base alla mia esperienza.


1. Selezionare le varietà di piante resistenti ai funghi

I patogeni fungini non sono una novità. La gente se ne occupa da anni nei giardini e nei campi. Pensate alla carestia di patate in Irlanda.

Possono devastare i raccolti e creare seri problemi ai giardinieri e ai coltivatori. Ma siamo anche molto bravi a superare queste sfide.

Uno dei modi più semplici per limitare i rischi è quello di sfruttare il lavoro di altri che coltivano piante naturalmente resistenti a certi agenti patogeni fungini. Per esempio, ci sono molte varietà di pomodori che sono resistenti alla fusarium appassire.

Esistono anche molte varietà di alberi da frutto che sono state selezionate nel tempo per la loro naturale resistenza ai funghi patogeni. Gli alberi resistenti ai funghi patogeni hanno diversi gradi di immunità naturale a cose come la ruggine, l’oidio, il fuoco batterico e la crosta.


2. Utilizzare buone pratiche di giardinaggio

Ci vogliono tre cose perché un fungo patogeno si stabilisca nelle vostre piante:

  • Prima di tutto, l’agente patogeno deve essere presente nel terreno.
  • In secondo luogo, il vostro impianto deve essere in grado di essere un buon padrone di casa.
  • In terzo luogo, le condizioni ambientali devono essere favorevoli alla diffusione del patogeno.

Quest’anno ho avuto la mia prima cassa di fusarium appassita sui miei pomodori. I funghi appassiti del fusarium sono molto comuni nella mia zona. Tuttavia, non avevo mai avuto alcun impatto dell’agente patogeno sulle piante fino a quest’anno.

È successo perché sono diventato pigro e non ho inchiodato bene i pomodori. Poi ho lasciato il mio giardino senza acqua per una serie di giornate estremamente calde e secche. Senza un’adeguata annaffiatura, la temperatura del mio terreno si è alzata, creando le condizioni perfette perché il fusarium prendesse il sopravvento.

La maggior parte dei funghi patogeni può essere tenuta a bada semplicemente curando bene il giardino.


3. adottare un approccio probiotico

Mangio ogni giorno diversi tipi di cibi crudi e fermentati. Mangio anche verdure biologiche crude il più spesso possibile. Il motivo per cui lo faccio è perché so che queste cose fanno bene alla mia salute intestinale. E, un intestino sano mi rende più resistente a tutto ciò che cerca di attaccare il mio corpo.

Il terreno assomiglia molto all’intestino delle vostre piante. Prevede i nutrienti in modo che siano disponibili per essere assorbiti dalle radici della pianta. Se il terreno ha ogni tipo di vita benefica, compresi molti funghi e batteri buoni, le piante saranno anche in grado di combattere meglio il rischio di agenti patogeni fungini.

– Probiotici del suolo

I probiotici per il vostro giardino sono disponibili sotto forma di fertilizzanti ben stagionati, tè al compost, tè al compost arieggiato attivamente, emulsioni di pesce, tè all’ortica o comfrey e molto altro ancora. Potete anche inoculare il vostro terreno con micorrize e microrganismi efficaci.

– I vermi

Inoltre, sono abbastanza convinto che i vermi rendono le piante più resistenti agli agenti patogeni fungini. Questi pomodori fusarium appassiti di cui ho parlato facevano parte di un piccolo esperimento di giardinaggio che ho fatto quest’anno per testare alcune delle mie pratiche.

Ho piantato pomodori senza vermi e li ho trascurati. Ho piantato altri pomodori con i vermi e li ho trascurati. Quelli che sono stati piantati in muffe di vermi non hanno mostrato segni di infezione.


Uso ragionevole dei fungicidi

A volte non si ha altra scelta che usare i fungicidi. In questo caso, ecco alcuni consigli per aiutarvi a proteggere il vostro giardino:


1. essere strategico

Trattateli rapidamente utilizzando la soluzione più appropriata che potete trovare. Potrebbe essere necessario fare una ricerca approfondita per scegliere il modo migliore per prevenire il vostro particolare agente patogeno fungino. Ma è meglio usare la soluzione giusta fin dall’inizio che lasciare che la situazione peggiori.

Alcuni prodotti sono solo marginalmente efficaci su alcuni agenti patogeni. La vostra etichetta può indicare che è legale utilizzarli nel vostro impianto. Controllare i dati di efficacia prima di metterlo nella sacca di spruzzo.


2. Evitare sistemico

Ora, ho detto “spray da zaino” di proposito al piano di sopra. Questo perché nella mia ricerca finora, le soluzioni fogliari sono le uniche che ho trovato che non hanno conseguenze durature per i terreni organici. Ci possono essere soluzioni basate sul suolo di cui non sono a conoscenza.

Tuttavia, in generale, le soluzioni fogliari sembrano fare il lavoro con un minore impatto ambientale a lungo termine. Fate attenzione a non danneggiare le vostre piante durante questo processo.


3. Considerare soluzioni naturali

Uso il latticello e il tè di compostaggio aerato per curare la maggior parte dei miei problemi di funghi. Alcune di esse non funzionano, quindi a volte uso altre opzioni. Ma questi due strumenti, usati in via preventiva, mi permettono di controllare la maggior parte dei miei problemi fungini.

Mi capita di vivere in una zona con
registrano anche il numero di funghi patogeni, il che la dice lunga!


4. Attenzione ad alcune soluzioni semplici

Mi piace l’idea di usare cose come il bicarbonato di sodio, che compro all’ingrosso per le mie capre, per risolvere anche i miei problemi di funghi. Purtroppo, questa particolare sostanza chimica non è la più efficace o sicura per la vostra soluzione da giardino.

Il bicarbonato di sodio, noto anche come bicarbonato di sodio, viene scomposto in un sale (ad esempio sodio) che può causare il tipo di tossicità che risulta dall’uso di fertilizzanti sintetici a base di sale. Naturalmente, può essere efficace. Ma non è una buona soluzione organica per il vostro terreno.

Il bicarbonato di ammonio o il bicarbonato di potassio sono strumenti migliori perché aggiungono sostanze nutritive come l’azoto e il potassio al terreno invece del sodio che si rompono.

Il bicarbonato di sodio non è l’unico rimedio domestico con conseguenze potenzialmente pericolose per il suolo. Quindi, personalmente, mi piace cercare “danni al suolo di ______________” e poi aggiungere quello che intendo usare come termine di ricerca. Questo mi aiuta a limitare i rischi prima di mettere a repentaglio il mio orto biologico utilizzando soluzioni apparentemente semplici.


5. Attenzione anche ai prodotti biologici!

Solo perché una cosa è ammissibile
L’uso in un giardino biologico non significa che sia benefico per il vostro terreno.
Rame e zolfo, ad esempio, sono comunemente chiamati “materia organica”.
fungicidi.

Gli accumuli di rame possono avere un effetto negativo sulla microbiologia del vostro terreno. Può anche essere assorbito attraverso il cibo e creare una potenziale tossicità per l’uomo e il bestiame.

Lo zolfo riduce il pH del terreno. L’accumulo di zolfo può anche ridurre la vita biologica del terreno ed essere altrettanto dannoso a lungo termine quanto i fungicidi sintetici ad ampio spettro.


6. Test di patch

Ogni volta che si utilizza un nuovo prodotto, assicurarsi di eseguire un patch test in fabbrica. Fate delle attente osservazioni per determinare se è quello giusto per voi. Ogni terreno e ogni pianta ha una chimica e una composizione diversa. Pertanto, solo perché un prodotto è classificato per l’uso con un certo tipo di pianta non significa che sia sicuro per il vostro giardino.


7. Riconsiderare

L’anno scorso ho avuto il mio miglior raccolto di fragole di sempre. Ho avuto anche il peggior caso di antracnosi della storia.

Oggi non esiste un fungicida efficace per il trattamento dell’antracnosi alla fragola, una volta che si è affermata. Così ho raccolto le piante più infette, ho messo la pacciamatura sotto le piante che avevo lasciato nel terreno e ho incrociato le dita.

Dare alle piante un po’ più di spazio e prevenire ulteriori trasmissioni rimuovendo il pacciame ha davvero risolto il problema. Ho mangiato fragole incredibili nonostante l’antracnosi nella mia trama.

Spesso, il semplice aumento del flusso d’aria e la soppressione delle spore attraverso l’uso di pacciame può rallentare le infestazioni e dare alle piante il tempo di formulare la propria risposta.

Quindi, anche se siete convinti di dover usare un fungicida, respirate! Pensate attentamente per assicurarvi di aver provato tutte le altre risposte non fungicide prima di commettere un fungicida.


Conclusione

Proprio come il nostro corpo, l’enfasi sulla salute nei nostri giardini darà alle nostre piante una migliore immunità naturale contro gli agenti patogeni. Per quei rari momenti in cui le pratiche culturali falliscono, una ricerca approfondita per trovare la soluzione migliore con il minor impatto sulla vita del vostro terreno contribuirà a garantire la salute a lungo termine del vostro giardino.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *