Orti di cura generale

Guida ai semi germinativi

Un seme è definito nel dizionario come “l’unità riproduttiva di una pianta da fiore, capace di svilupparsi in un’altra pianta di questo tipo”. Recentemente abbiamo parlato della crescita delle cellule delle piante e di come seminare al loro interno, quindi abbiamo pensato di poterci ampliare un po’ di più su questo argomento.


Vantaggi della coltivazione da seme

Ci sono così tanti vantaggi nella coltivazione dei semi che si può scegliere di iniziare a piantare e coltivare fiori e ortaggi a casa invece di comprarli tutti coltivati in negozio.

  • I semi delle piante sono semplicemente più economici – nessuna lamentela al riguardo.
  • Ci sono così tante varietà diverse disponibili – alcune delle quali forse non ne avete sentito parlare, in quanto ci sono centinaia di specie disponibili solo come semi, al contrario di piante starter, spine o talee.
  • Puoi goderti il processo di giardinaggio – e guardare il tuo giardino crescere.


Guida alla germinazione dei semi

1) Acquista i tuoi semi

Uno dei grandi vantaggi di coltivare le proprie piante e ortaggi da seme è che avrete molte opzioni tra cui scegliere e potrete trovare i semi perfetti per voi e per il vostro giardino online o presso il vostro garden center locale. Ricordatevi di considerare il vostro ambiente e di scegliere saggiamente i vostri semi, tenendo conto dell’ambiente che avete. Dovrete prestare particolare attenzione alle esigenze del seme: considerate il fabbisogno di acqua, la temperatura del suolo, le esigenze nutrizionali e l’illuminazione auspicabile per ogni specie che state considerando.

2) Conosci i tuoi semi

Ora che i vostri semi sono pronti, dovete piantarli. È possibile piantare i semi direttamente nel terreno del vostro giardino o in contenitori che possono essere trasportati all’esterno in un secondo momento. Questa decisione dipende in gran parte dalle specie che si desidera piantare, in quanto alcune richiedono una cura più delicata di altre. Per fare questo, è necessario conoscere le condizioni di crescita ideali per la vostra pianta, il momento della germinazione e anche il momento più precoce in cui è possibile trasportare la pianta all’esterno.

Il terreno del giardino può contenere alti livelli di malattie e insetti che possono danneggiare i vostri semi. Ecco perché, nella maggior parte dei casi, è più sicuro iniziare i semi al chiuso in compost “seme e talee”. Ovviamente, queste condizioni variano da impianto a impianto, quindi assicuratevi di controllare prima di iniziare il processo.

3) Scegliete il vostro contenitore

Avrete bisogno di un contenitore profondo due o tre cm con fori sul fondo per il drenaggio. La larghezza del contenitore può variare, a seconda del numero di semi che si desidera piantare. Tuttavia, ricordatevi di lasciare abbastanza spazio per la germinazione dei semi. Potete acquistare i vassoi presso il vostro centro giardinaggio locale o online, o anche utilizzare una scatola per le uova. Ora che il contenitore è pronto, dovrete allineare i vostri semi con il vostro terreno di coltura. Non riempite il contenitore fino in cima con questa combinazione, ma lasciate circa mezzo pollice in alto. Immergetevi leggermente nell’acqua per creare un ambiente in cui i semi possano crescere. Ricordate, tuttavia, che la miscela senza terra non contiene alcun valore nutritivo, quindi può essere saggio usare semi e fertilizzante per il taglio.

È possibile acquistare propagatori progettati per la coltivazione di diversi frutti o ortaggi da seme. Questi contenitori sono perfetti per il compito da svolgere.

4) Controlla se devi immergere o meno i tuoi semi

Alcuni semi possono richiedere l’ammollo prima di essere piantati, altri no. Assicurarsi di controllare tutte le informazioni sul pacchetto come indicato sopra. Se i vostri semi devono essere messi a bagno, dovrete metterli a bagno per diverse ore prima di aggiungerli al vostro terreno di coltura.

5) Il tempo è giusto

Normalmente, si dovrebbe piantare i semi da 4 a 6 settimane prima di portarli all’aperto, ma le specie variano. Inoltre, potrebbe essere necessario piantare i vostri semi in casa prima o anche più tardi, a seconda del tempo in quel momento.

6) Fornire riscaldamento e illuminazione

Molti semi non hanno bisogno di illuminazione per germogliare, mentre altri lo fanno. Potrebbero aver bisogno di una fonte di calore e di luce, poiché la luce del sole probabilmente non è sufficiente. Prendete una lampada per piante per mantenere i vostri semi felici con un sacco di luce e calore. Nota: è possibile utilizzare una lampadina fluorescente senza alcun problema, ma è necessaria una lampadina bianca per fornire calore e luce adeguati ai vostri semi senza bruciarli. Un tappetino termico può essere una buona idea anche per le piante che hanno bisogno di calore supplementare.

7) Mantenere umido il terreno di coltura

Si consiglia di coprire leggermente il contenitore con un telo di plastica umida. Questo aiuterà a regolare e intrappolare l’umidità e la temperatura. Questo è importante perché se i vostri semi si seccano, non germoglieranno correttamente.

Una volta che vedrete il primo focolaio, dovrete spostare il contenitore in una zona soleggiata. Assicuratevi che la temperatura ambiente sia superiore a 21°C e che ci sia luce chiara per la crescita delle vostre piante. Ora potete rimuovere il coperchio di plastica, ma assicuratevi di mantenere la pianta umida innaffiandola per tutto il giorno. Consigliamo di annaffiare la mattina presto e il pomeriggio, ma non più tardi della giornata, perché l’acqua potrebbe poi depositarsi sul terreno di coltura e causare problemi come la muffa, che dovrebbero essere evitati. In questa fase è anche importante nutrire le piantine con il giusto fertilizzante una volta che hanno raggiunto qualche centimetro di altezza.

8) Trasporto di piantine

Prima di tutto, se uno dei semi germina, è meglio diradare le piantine più deboli, in modo che quelle più forti possano crescere ancora più forti. Non superare le tre piantine per sezione del guscio d’uovo. Poi, quando inizia la stagione della crescita, è possibile spostare le piantine in contenitori più grandi all’esterno. Continuate a seguire le istruzioni, tenendo conto del terreno, dell’illuminazione e del drenaggio, e approfittatene.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *