Orti di cura generale

Tipi di compost

Scegliete il tipo di fertilizzante giusto per il lavoro che avete in mente, perché non tutti i fertilizzanti sono uguali.

Alcuni sono etichettati per i semi e le talee, altri per i vasi. Altri composti, spesso chiamati “compost ericacei”, non contengono calce e sono appositamente studiati per la coltivazione di piante acidofile come rododendri, azalee e camelie in vasi e contenitori.


Ingredienti del fertilizzante

Il fertilizzante che è eccellente per la coltivazione può essere fatto con molti ingredienti di base diversi. Questi includono :

  • Torba: sostanza naturale ottenuta da vegetazione in decomposizione (muschio di sfagno o carice) il cui colore varia dal nero al marrone scuro e al marrone chiaro. La torba grezza è generalmente povera di sostanze nutritive, ma fornisce un ambiente caldo e aerato intorno alle radici delle piante, trattenendo l’umidità e le sostanze nutritive aggiunte senza essere saturata d’acqua.
  • Marna sterilizzata: marna che è stata trattata termicamente per garantire che tutte le malattie e i semi di erbaccia siano stati distrutti.
  • Sabbia: la sabbia viene lavata per garantire la rimozione di eventuali residui di sale.
  • Grano: aggiunto per mantenere aperta la struttura del fertilizzante, migliorando l’aerazione intorno alle radici e il drenaggio. La dimensione delle particelle di sabbia può variare da molto fine a quasi la forma di un pisello.
  • Cocco: un sottoprodotto naturale ottenuto da gusci di noci di cocco che ha eccellenti proprietà di ritenzione idrica senza essere facilmente allagato.
  • Corteccia: può essere utilizzata in alternativa alla torba. La corteccia deve essere ben composta prima di essere usata nel compost, altrimenti può essere dannosa per la crescita delle piante.
  • Rifiuti di legno compostato: di solito si tratta di pannelli di truciolato compostati ed è anche un’alternativa alla torba.
  • Rifiuti verdi composti: sono generalmente prodotti dai comuni e sono costituiti da rifiuti domestici di cucina e di giardino.
  • Letame composito stabile: piuttosto esplicito! Di solito contiene una certa proporzione di paglia composita e altri materiali per lettiere, oltre al letame di cavallo.


Ingredienti aggiuntivi aggiunti ai fertilizzanti

I fertilizzanti vengono aggiunti alla maggior parte dei fertilizzanti per aiutare le piante a crescere. Le piante hanno bisogno sia di nutrienti primari (azoto, fosforo e potassio) che di nutrienti secondari e oligoelementi. I due principali tipi di fertilizzanti utilizzati sono

  1. Concimi solubili: si sciolgono gradualmente in acqua. I fertilizzanti solubili forniscono generalmente sufficienti nutrienti alle piante solo durante le prime sei settimane. Tuttavia, molti fertilizzanti della gamma Scotts utilizzano una miscela di ricette uniche e segrete che forniscono sia i nutrienti chiave che gli oligoelementi che sono ugualmente essenziali per una sana crescita delle piante.
  2. Fertilizzanti granulari: Esistono due tipi di fertilizzanti granulari: a rilascio lento e a rilascio controllato. I fertilizzanti a “lento rilascio” dipendono dall’umidità del suolo per funzionare e rilasciare le loro sostanze nutritive finché il fertilizzante è umido. Se il fertilizzante è troppo bagnato o si asciuga, le piante non possono assorbire le sostanze nutritive. I fertilizzanti a “rilascio controllato” sono appositamente progettati per rilasciare gradualmente tutti i principali nutrienti e micronutrienti in un periodo di tempo fino a 6 mesi. A differenza del rilascio lento, i nutrienti vengono rilasciati in base alla temperatura del suolo e sono quindi disponibili per la pianta quando sono necessari per la crescita.
  3. Altre aggiunte comuni nelle composizioni sono

    • Tiglio: La torba ha un pH naturale di circa 3,5 – 4. La calce viene aggiunta alle miscele di fertilizzanti per aumentare il pH di solito a 6 o 6,5. Questo è il pH ideale per la maggior parte delle piante, ad eccezione di quelle ericacee, per le quali è necessario utilizzare un compost ericaceo specializzato. Vedi i dettagli sul pH qui sotto.
    • Agente bagnante: se il fertilizzante viene lasciato asciugare, può essere difficile riumidificarlo, poiché l’acqua tenderà a colare via. Il trattamento del concime con un agente umettante riduce la tensione superficiale del concime. In questo modo è molto più facile che l’acqua penetri nel fertilizzante e quindi non coli.


    pH

    Il pH del fertilizzante e del terreno influisce sulla disponibilità di sostanze nutritive per la pianta. Ciò significa che anche se molti nutrienti sono presenti nel fertilizzante (o nel terreno), essi possono non essere assorbiti dalle radici e utilizzati, facendo soffrire la pianta.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *