Fagaceae

Castagno


Castagno (Castagno)

Castagno, Castanea sativa

La castagna comune, Castanea sativa è coltivata per i suoi frutti, castagne o castagne, il suo legno, ma anche per il suo elegante portamento. Questo albero diventa maestoso, poi venerabile e imponente. Piantare le castagne significa pensare alle loro dimensioni e alla loro varietà.


Botanica

Nome latino: Castanea sativa Sinonimi : Castanea vesca, Castanea vulgaris

.
Famiglia:
Fagaceae

Famiglia:
Origine: Europa del Sud, Nord Africa

Tempo di fioritura : da aprile a maggio



Tipo di pianta : Albero da frutto


albero

.
Tipo di fogliame:
deciduo

.
Altezza:
da 20 a 30 m Tossicità : il frutto è commestibile, da non confondere con l’ippocastano


Piantagione e coltivazione

Resistenza: molto dura, fino a -29°C

.
Esposizione: da soleggiato a mezz’ombra

.
Tipo di terreno :
preferibilmente siliceo, argilloso, limo, sabbia

.
Acidità del suolo:
da acido a neutro
.
Umidità del suolo:
da secco a freddo, ma non saturo d’acqua
.
Impiego:
in isolamento, coltura di frutta, albero di raccolta legnoso, pianta medicinale
.
Piantare, reimpiantare:
autunno

Metodo di propagazione: Semina, innesto, stratificazione
.
Malattie e parassiti :
malattia dell’inchiostro, tigna, tigna, balanin di castagno ” Invia una foto


Generale

La Castanea sativa, il castagno comune, è un albero a foglie caduche della famiglia delle Fagaceae, come il faggio e la quercia. La sua distribuzione naturale è senza dubbio una reliquia dell’era glaciale: si trova nel clima mediterraneo in rilievi molto umidi come la Corsica o le Cévennes. Tuttavia, in quanto produttore di frutta altamente nutriente, il castagno è coltivato ovunque in Europa, dove possibile, ed è spesso naturalizzato in foreste acide. È quindi presente in tutta la Francia, anche se è raro al nord.


Descrizione del castagno

La Castanea sativa è un albero che cresce tra i 25 e i 35 metri di altezza a maturità. È in grado di vivere da 500 a 1500 anni. Alcuni castagni molto vecchi hanno un tronco di 6 m di diametro, e esemplari francesi di diverse centinaia di anni (a Nantes per esempio) possono vantare una circonferenza di 9 e 12 m.

In gioventù, il castagno è cresciuto rapidamente. Il suo tronco è dritto e la sua corona ha una tendenza piramidale. Poi, con l’età, la sua crescita rallenta e la sua corona acquista una silhouette ampia e arrotondata.

La sua corteccia è inizialmente grigia e liscia, poi invecchia per fessurazione e annerimento.

I suoi giovani germogli sono rossastri, tipicamente angolari, segnati da grandi cicatrici sulle foglie e lenticelle.

Ha un sacco di rifiuto dello stress.

Le sue foglie grandi e rigide sono lanceolate e regolarmente seghettate. Sono lunghi da 10 a 20 cm e larghi da 4 a 8 cm. Sono alternati, senza peli e lucenti, di colore verde scuro in cima, ma leggermente pubescenti e con venature prominenti sotto.

I fiori maschili e femminili sono separati. I fiori femminili terminali sono raggruppati in 2 o 3, mentre i fiori maschili sono raggruppati in diversi gattini lunghi, eretti, giallo-verdi e profumati. Questi fiori sono particolarmente melliferi.

Dopo la fecondazione, si sviluppano da 1 a 3 castagne. Queste castagne sono circondate da insetti molto spinosi. La fruttificazione avviene da metà settembre a novembre, a seconda della varietà.


Come piantare e coltivare le castagne?

Il castagno viene trapiantato da novembre a gennaio. Accetta tutti i terreni minerali e silicei (sabbie argillose) purché non siano saturi d’acqua in inverno, ma non supporta i substrati calcarei. Il terreno, abbastanza profondo, deve avere un pH acido compreso tra 5,5 e 7.

Castanea sativa è una specie eliofila amante del calore. Se tollera l’ombra quando è giovane, deve assolutamente essere in pieno sole quando è alto più di 6 m. Lasciategli molto spazio al sole, al riparo dai venti del nord: è molto resistente, ma i suoi giovani rami possono essere danneggiati dalle prime gelate autunnali.

Ben annaffiato l’anno dopo il trapianto, diventa abbastanza resistente alla siccità una volta ben radicato, a meno che il terreno non sia troppo poroso.


Come scegliere la varietà di castagne?

Oltre alla silvicoltura, i castagni possono essere coltivati in giardino per la loro silhouette e la produzione di frutta. Il castagno è un albero longevo con la migliore produttività tra i 40 e i 60 anni, quindi è importante scegliere la varietà e la posizione giusta. È consigliabile informarsi e trovare un asilo nido specializzato per non rimanere delusi. Un castagno da seme impiega 20 anni per produrre, e la qualità del vostro castagno non è necessariamente all’altezza. Un castagno innestato produce le sue prime noci dopo 3-5 anni, in media.

Le diverse varietà proposte ci permettono di giocare sulla qualità del castagno (gusto, produttività, dimensioni), ma anche sulla precocità della fioritura e del post-raccolto: Bouche Rouge e Belle Épine sono in ritardo, mentre Ipharra, Précoce des Vans e Bournette sono in anticipo. Ci sono molte varietà intermedie.

Alcune varietà, come la Bouche de Bétizac o il Marron de Lyon, producono poco o nessun polline e devono quindi essere impollinate da un altro impollinatore di castagne. Sarà quindi necessario piantare 2 castagni in fioritura simultanea. D’altra parte, la Bouche de Bétizac produce rapidamente e rimane più piccola delle altre.

Piantare due castagni di varietà diverse produce sempre frutti migliori.

Le castagne decorative sono disponibili anche in diverse forme:

  • Castanea sativa ‘Aureomaculata, marmorizzata di giallo dorato
  • Castanea sativa Aspleniifolia, con foglie molto strette, anche laccate
  • Castanea sativa Variegata, bug a foglia bianca

Marrone o marrone? Dal punto di vista botanico, il castagno è il frutto del castagno, immangiabile e persino velenoso. Tuttavia, dal punto di vista della coltivazione del frutto del castagno, il castagno è un grande castagno rotondo che si produce quando l’insetto contiene un solo frutto invece di 2 o 3. Alcune varietà sono note per produrre un’alta percentuale di castagne: Belle Epine, Bouche de Bétizac, Bournette, Marigoule, Bouche Rouge, Maraval, Marsol…


Castagni in pericolo: gli zingari del castagno

Un micromenottero, una piccola vespa arrivata dall’Asia, si sta diffondendo sempre più in Europa e sta invadendo le nostre foreste di castagni. I cechi di castagno depongono le uova nei bozzoli e fanno cadere sistematicamente le castagne, uccidendo a volte anche l’albero.

Come soluzione, l’INRA sta studiando il controllo biologico attraverso l’allevamento dei suoi predatori naturali, il torymus, un’altra piccola vespa che depone le sue uova nelle larve di Cynips.

La varietà Bouche de Bétizac sembra essere più resistente agli zingari.

Anche l’inchiostro ( Phytophtora cambivora ) e il canker di castagno ( Endothia parasitica ) causano danni. E per evitare che i vermi della frutta proliferino, raccogliere tutta la frutta non appena cade e bruciare o spostare i vermi altrove prima che le larve si rifuggano sul terreno sotto il castagno.


Altro uso del castagno

  • il castagno viene utilizzato per il suo legno: il castagno scarta facilmente dal ceppo, la sua produzione di legno (per rivestimenti o falegnameria di buona qualità, per esempio) viene effettuata da un ricevimento ogni 8-10 anni. E’ in grado di produrre 10 bei monconi scartati.
  • è una pianta medicinale: le foglie e la corteccia di Castanea sativa sono una buona fonte di tannino. Il castagno è febbrifugo, astringente ed emostatico.
  • foglie o insetti possono essere utilizzati in uno shampoo per dare un bel colore dorato ai capelli.


Lo sapevi?

  • Un tempo il castagno era chiamato l’albero del pane perché le castagne sono comunemente consumate come verdura.

  • La Francia produce più di 12.000 tonnellate di castagne all’anno.

  • Il castagno può vivere fino a mille anni!


Specie e varietà di Castanea

Tra 13 e 15 specie di questo genere:

  • Castanea crenata , castagno giapponese
  • Castagno giapponese

  • Castanea mollissima , il castagno cinese
  • Castanea dentata , l’ippocastano
  • Castanea pumila , la castagna della Virginia
  • Castanea henryi, castagno di Enrico, asiatico

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *